Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Anteprime

Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali

Carlo Pettinato il 26/07/2022 in Anteprime
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Chiudi

In anteprima MONDIALE il primo contatto su strada con l’attesissima novità lariana. E una tavola rotonda con gli uomini che l’hanno vista nascere

Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali

Moto Guzzi V100 Mandello

Raffreddamento a liquido e collettori verticali come sulle ultime BMW boxer: anche il V2 di Mandello entra nel futuro.

 Questa in foto è la V100 S, l’allestimento più pregiato, nella livrea bicolore del centenario Moto Guzzi

Di primo centenario ce n’è uno solo, e a Mandello del Lario hanno deciso di festeggiarlo come si deve: EICMA 2021, Moto Guzzi presenta la V100 Mandello. È una miscela di tradizione e modernità, ma questa V100 guarda al futuro, e dal passato porta solo ciò che la fortifica. A dominare la scena sempre lui, il bicilindrico a V di 90° trasversale, ma riprogettato da zero.

Architettura classica, contenuto moderno. La Mandello è la prima Guzzi a sfruttare la piattaforma raffreddata a liquido denominata “compact block”. Un motore totalmente inedito, e come lascia intendere il nome, più compatto rispetto all’unità raffreddata ad aria della V85 TT. Ma la V100 è molto più del suo nuovo motore V90. È la prima Guzzi ad adottare un’elettronica con piattaforma inerziale, cornering ABS, sospensioni semiattive, quickshifter e altro ancora; ma non è nemmeno soltanto questo. La V100 è la prima moto al mondo con aerodinamica adattiva. Proprio così: aerodinamica adattiva.

Per approfondire la conoscenza di questa attesissima novità abbiamo fatto visita a Noale: che tutti conoscono come casa di Aprilia, ma che è anche sede del reparto ricerca e sviluppo per tutte le moto del Gruppo Piaggio.

Diego Airoli, responsabile marketing prodotto moto

Dalla prima all’ultima vite

Ci dà il benvenuto Diego Arioli, responsabile marketing di prodotto per Aprilia e Moto Guzzi. “La Mandello si è posta da subito come una grande sfida. Immediatamente dopo il lancio e il successo iniziale della V85 TT, dai vertici aziendali è arrivato un nuovo input. Serviva nientemeno che la moto del centenario, festeggiato nel 2021, che riassumesse 100 anni di storia ma proiettasse Guzzi nel suo secondo secolo di vita, verso il futuro. Una moto innovativa, che non entrasse nel solco di segmenti predefiniti, capace di sorprendere e portare alla luce tecnologie inedite. Un compito tosto ma sfidante, poter sperimentare è sempre appagante. Per prima cosa ci siamo chiesti a che tipo di moto avremmo voluto dare vita. Non è un segreto che il mercato ora sia caldo se si parla di crossover e maxienduro, meno se si guarda alle moto da turismo di stampo più tradizionale. E l’obiettivo che ci siamo posti è stato questo, invertire la tendenza e portare nuova vitalità ad un segmento che oggi non brilla. Abbiamo quindi cercato di unire le doti dinamiche di una roadster al comfort e alla capacità di viaggiare di una vera tourer. Caratteristiche apparentemente antitetiche, volevamo una moto dall’anteriore snello ma allo stesso tempo protettiva per il pilota. Ecco come è nata l’idea dell’aerodinamica adattiva, che si concretizza in due alette – flap – sui lati del serbatoio e in un parabrezza regolabile elettronicamente anche durante la marcia. V100 è per noi un prodotto trasversale, interessante sia per il cliente maturo, magari nostalgico, che cerca in una moto vecchi canoni cui è affezionato, sia per l’utente giovane, che guarda soprattutto al divertimento, ma non disdegna una moto confortevole su percorrenze maggiori. V100 non è compromesso, V100 è equilibrio tra due mondi apparentemente opposti. La sua propensione al viaggio non è un di meno, è un di più. In quest’ottica saranno disponibili numerosi accessori come parabrezza maggiorato e ampie valigie laterali. Questa adattabilità non le toglie nulla in quanto a doti dinamiche, ciò per noi è stato chiaro sin dall’inizio dello sviluppo.”

Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali

Della meccanica ci parla invece Adriano Magherini, responsabile del progetto motore. “È evidente qui più che altrove il richiamo alla storia Moto Guzzi, l’architettura a V di 90° trasversale è ormai marchio di fabbrica, ma l’unità che muove la V100 è nuova dalla A alla Z. Rispetto alla nostra soluzione tradizionale le teste sono ruotate di 90°, abbiamo quindi l’aspirazione sopra e lo scarico sul lato inferiore. Questo ci aiuta a migliorare la regolarità di combustione ai bassi giri, con buona pace dei guzzisti più incalliti che mal digeriranno la diversa curva dei collettori. Anche la trasmissione è stata riprogettata da zero, con la frizione in bagno d’olio e il sistema antisaltellamento che per Guzzi sono delle novità. Rispetto ai motori esistenti, questo ‘compact block’, come lo abbiamo chiamato per differenziarlo dallo ‘small block’ della V85 TT, è sensibilmente più piccolo, come ingombro longitudinale siamo a -103 mm, e più prestante.”

Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali

L’aerodinamica adattiva è stata per l’R&D Guzzi una sfida non solo dal punto di vista tecnico in senso stretto, ma anche da quello dell’integrazione estetica nella silhouette della moto. “V100 ci ha messo a dura prova perché abbiamo dovuto e voluto rendere onore a certi stilemi classici del marchio, ma inserendoli in un insieme che non avesse nulla di nostalgico. In questo le moderne soluzioni che abbiamo integrato nella V100 ci hanno aiutato” ci racconta Giulio Rossi Paccani, in rappresentanza del centro stile. “Abbiamo dovuto tenere conto di tutto nella definizione della muscolarità della moto, così come in quella dei volumi, che non possono non considerare l’integrazione del pilota. Tante moto sono belle se viste da sole, ma risultano mal proporzionate una volta che il conducente sale in sella”.

Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali

Francesco Marchetta è il capo progetto della Mandello, colui che ha dovuto tirare le fila di tutto e mettere d’accordo idea e tecnica, stile e concretezza, notoriamente reparti di lavoro che si attraggono come due poli dello stesso segno... “Siamo partiti da un foglio completamente bianco, sul tavolo sono state portate idee delle più disparate, se ne sono sentite davvero di tutti i colori. Convertirle nella pratica non è stato facile ma soprattutto dal punto di vista aerodinamico, quello più innovativo in termini assoluti, siamo soddisfatti del risultato: la moto rimane visivamente compatta pur offrendo una protezione dall’aria superiore a quella di una roadster classica. Per noi è notevole anche il risultato sulla bilancia, siamo tra i 20 e i 25 chili sopra ad una naked estrema come la Tuono V4”.

Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali

la V100 mandello è la prima Guzzi a sfruttare il motore “a liquido” denominato compact block

IL NUOVO CORSO

Dire che la V100 Mandello è tutta nuova è riduttivo, lo abbiamo capito. È più corretto inquadrarla come una motocicletta che segna uno stacco con il passato Moto Guzzi. L’arrivo nei concessionari è previsto a ottobre, così come la presentazione ufficiale alla stampa, ma Dueruote ha avuto il privilegio di salire in sella alla V100 S (l’allestimento più pregiato, quello con sospensioni Öhlins semiattive e altre amenità) in esemplare pre-serie, di fatto un prototipo al 99% dello sviluppo: definitivo nella livrea - al netto di dettagli come il colore del manubrio - così come nella dotazione tecnica ed elettronica.

Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali

un lungo tratto di autostrada e tante curve sulle montagne venete: niente male come primo contatto

ACCENDIAMO IL MOTORE

Come promesso è una moto comoda, il giusto equilibrio tra sportività e comfort, con una posizione di guida molto neutra: non eretta come su di una crossover ma nemmeno carica sull’avantreno come su una naked più estrema. Protagonista della faccenda è sempre lui, il V di 90° che sta nel mezzo. Già dall’avviamento ti coinvolge con il suo sound burbero ma allo stesso tempo pacifico ed educato. La tonalità è quella inconfondibile dei bicilindrici a V, con gli scuotimenti che al minimo sono sempre lì a tenerti compagnia.

Dai primi metri capisci che non è ruvido di carattere, fa la voce grossa ma è morbido e gentile, ai bassi non dà la botta ma spinge regolare per tutto l’arco di rotazione. Fa strada quasi senza che te ne accorga. I 115 CV ci sono tutti e il cambio è burro, con innesti precisi senza essere secchi. Impeccabile anche la trasmissione cardanica. Una rotondità che si abbina alla perfezione a quella della ciclistica: la V100 è intuitiva e facile da subito, scende in piega senza esitazioni e nei cambi di direzione risale rapida. La guida è entusiasmante, è veloce senza impegnare e fila liscia come l’olio rimanendo sempre emozionante.

L’esemplare non è definitivo e quindi ci fermiamo a queste prime impressioni, che comunque “a pelle” ci raccontano già di un pacchetto motore-telaio-sospensioni in perfetta armonia.

Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali

Le alette si aprono e si chiudono a seconda della velocità e della modalità di guida inserita

COME FUNZIONA L'AERODINAMICA ADATTIVA

E l’aerodinamica adattiva? Alette e parabrezza seguono logiche di attivazione diverse. Le prime sono collegate a velocità e riding mode: in modalità Viaggio si aprono a 60 km/h, in modalità Pioggia sono sempre aperte, in Strada e Sport sono sempre chiuse. Il parabrezza è invece gestito dal solo pilota, con regolazioni millimetriche anche in marcia. Il movimento automatico dei flap quando si raggiunge la velocità soglia fa davvero impressione, in senso positivo ovviamente. Lì capisci che la moto ragiona, anche indipendentemente da chi la guida in un certo senso. Sembra proprio un piccolo passo verso il futuro. E quando l’aquila apre le ali il beneficio è tangibile, soprattutto facendo prove a velocità un po’ più sostenuta, attorno ai 100 orari. Passare dal tutto chiuso a tutto aperto cambia decisamente la pressione dell’aria sul corpo, che si scarica soprattutto nella zona di fianchi, grazie alle alette, e su petto e spalle, con il plexi. È chiaro che rimane di base una roadster e non una carenata, ma così la coperta è più lunga. E l’obiettivo di ottenere una moto dagli ingombri ridotti ma che sappia offrire protezione quando si vuole fare strada è centrato.

Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali

IL PREZZO

Bel colpo questa Mandello. Ma non solo per quello che è come motocicletta, più che altro per ciò che rappresenta. Volontà di aprire, innovare, porsi ancora come riferimento tecnologico ad un secolo dalla nascita. Tutti elementi non scontati per una casa che potrebbe sedersi sui propri 100 anni di storia e puntare a coltivare generazioni di clienti affezionati. Con un prezzo di partenza che si aggirerà attorno ai 15.000 euro, la V100, che sarà come tutte le Guzzi orgogliosamente prodotta a Mandello del Lario, si propone ad una fetta di mercato tutta nuova.

Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Lo scenario: si apre una nuova storia

Nel 2013 Moto Guzzi ha lanciato la California 1400, una moto tutta nuova che andava a sostituire il caro vecchio modello 1100 spinto dal motore da 1.064 cc. In sostanza, la cruiser di Mandello veniva riposizionata sul mercato, elevandosi allo status di elitaria “premium”. Pochi anni dopo, con l’uscita dai listini della Bellagio, andava in pensione il motore da 935,6 cc, ultimo diretto discendente della famiglia degli amati V2 della serie “grossa” che da fine Anni 60 avevano scritto la storia dell’aquila. Di fatto, nello scorso decennio si è via via creato un oggettivo vuoto nella gamma di motorizzazioni: c’era la fortunatissima serie V7 sulla base del motore “piccolo” e c’era la maxi California 1400. Di mezzo non c’era più un bel “mille”, cubatura da molti considerata perfetta per un bicilindrico. Certo l’arrivo della V85 TT e il lancio della nuova generazione della V7, rimpolpata non solo nella cilindrata (cresciuta a 853 cc), hanno in parte colmato questo vuoto, ma finalmente oggi arriva questo nuovo “compact block” da 1.042 cc! E diciamo “finalmente” da italiani, da tifosi del marchio, da motociclisti. Come i tanti lettori che spesso ci scrivono “ma perché Moto Guzzi non fa un bel mille?”. Ecco, calandoci nell’altra nostra veste di giornalisti in costante contatto con i vertici delle grandi Case motociclistiche, possiamo dire che spesso abbiamo rivolto la stessa domanda in Moto Guzzi, in varie occasioni. E la risposta, più o meno, è sempre stata: “Non lo si fa da un giorno all’altro”. E noi lo capiamo benissimo, perché sappiamo l’impegno, soprattutto con un Euro6 che incombe. Oggi quel giorno è arrivato e noi vediamo nella V100 Mandello il primo modello di una piattaforma che negli anni si popolerà di interpretazioni nude, sportive e turistiche, come ai tempi delle California, Le Mans e SP 1000 degli Anni 80. Benvenuto, “compact block”.

Lorenzo Cascioli

Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali
Moto Guzzi V100 Mandello: l’aquila apre le ali

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • PULVIS74
    Brava Guzzi! Veramente una bella moto! Ci sarà una nuova Stelvio? Mi auguro di si!
  • Fairing
    andavo ancora al liceo quando uscì la prima V7 che andai a vedere al concessionario dietro Piazza Fiume a Roma. Impressione negativa: alcune viti erano già arrugginite in salone, mentre le Honda scintillavano di cromature impeccabili. a 28 anni comprai la mia V7 Sport: un colore verde penicillina orribile, freno anteriore modificato con due dischi traforati, cupolino aggiunto dall'after-market. Era una moto molto tradizionale ma mi sono divertito molto ed aveva un telaio che dava una stabilità eccezionale all'epoca. Poi ho avuto tante altre moto, le ultime due BMW, considerando la Guzzi una moto legata al passato, per nostalgici della marca, chiedendomi come faceva a fare quei numeri di mercato con tutta la concorrenza e l'innovazione che c'è in giro. Ho 70 anni e sono più di 50 anni che vado in moto. Ma ora sono rimasto sorpreso da questa V100 Mandello: 115 CV, ride-by-wire, cruscotto TFT, 4 riding mode, parabrezza regolabile elettricamente, alette tipo kern della F1, raffreddamento a liquido, motore ridotto di 10cm longitudinalmente! una rivoluzione epocale, un vero ingresso nel secondo secolo della storia MotoGuzzi. Neanche Harlley Davidson con più 110 anni di storia è riuscita ad attuare una tale rivoluzione sulla filosofia dei propri prodotti. Complimenti a tutti i responsabili di questo prodotto così innovativo e ricco di promesse! Spero solo che il settore marketing di Mandello riesca a proiettare una immagine altrettanto innovativa e futuristica di questo prodotto. Compito arduo, perchè la Guzzi ha conservato per decenni un'immagine troppo tradizionale. Auguri! Meritate comunque un po' di patriotico italiano entusiasmo per contrastare le dominanti tedesche e giapponesi.
  • Dimora2510
    Mi rivolgo, gentilmente, ai "colleghi" motociclisti che hanno lasciato i commenti (4) che leggo sotto. Credo che quando si commenta un articolo bisognerebbe essere più rispettosi. 1) Rispettosi del lavoro di chi ha creato un prodotto, mettendoci la propria vita professionale, e cercando anche di fare qualcosa di diverso dal solito copia/incolla. E credo che noi italiani stiamo ancora facendo vedere di che cosa siamo capaci. Notate non solo la V100, ma anche la Tuareg, e poi Ténéré e vari prodotti Honda tra i quali Africa Twin, tutti progettati in Italia. L'italia non è solo il primo mercato europeo per le moto, ma anche la culla di una forte e pregevole tradizione. Io auguro agli ingegneri Moto Guzzi / Aprila tanto successo con una moto che si preannuncia bella da guidare e anche per tanti km. Poi, se alcuni aspetti sono da migliorare, lo faranno, mi auguro. 2) Rispettosi di chi ha scritto l'articolo. Almeno se scrivete un commento curate la grammatica e pensate se le stesse cose, di fronte ad una persona in carne ed ossa, le direste allo stesso modo. In fondo anche scrivendo un articolo ed un commento, si lasciano tracce di sé nel mondo. A tutti un augurio di una serena e gioiosa estate. Daniele
  • cibo1973
    Nuova tourer con quella sella messa la in alto per il passeggero ai4 venti? State scherzando Speriamo ne esca una versione California più gestibile. Io capisco le mode il design è tutto quello che volete, ma se il settore è caduto nel dimenticatoio è grazie a proposte come queste. Dopo il primo viaggio con un passeggero un po’ importante che ti rende la guida una sofferenza ti porta verso altre scelte. E per dirla tutta 15.000€ non sono pochi! Almeno in versione di lancio fate uno sforzo.
  • Utente_80348794
    Avete parlato di meccanica, il nuovo cardano, ok ci sta. Avete parlato di telaio con le alette che si aprono in base alla velocità, ci sta anche questo. Belle iniziative, ma di elettronica strumentale, non ne avete parlato. Non vorrei rimanere deluso, con quel prezzo ci sono moto che con l'elettronica si fa valere. Voi che avete fatto?
  • katmai
    La venderanno, prima o poi?
  • multimarco
    Ora che si vedrà in strada sarà già passata di moda

Correlate

Annunci usato