Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Scuola Guida

Riscaldare la moto a freddo. Il ruolo della lubrificazione

Fabio Tagliaferri il 18/02/2021 in Scuola Guida
Riscaldare la moto a freddo. Il ruolo della lubrificazione
Chiudi

A freddo conviene far girare tanto il motore al minimo? La viscosità dell'olio è un parametro secondario? Tra luoghi comuni e mezze verità, cerchiamo di fare chiarezza

Dopo aver visto le sollecitazioni che subiscono le componenti meccaniche durante un avviamento a freddo, analizziamo oggi il ruolo fondamentale che riveste invece la lubrificazione nello scambio termico.

 

LA VISCOSITÀ- UN PARAMETRO CHIAVE

La lubrificazione gioca un ruolo fondamentale nel funzionamento di un motore a combustione interna. Essa avviene grazie all’azione di appositi oli lubrificanti multigradi, costruiti in base a normative internazionali. La più famosa è la normativa SAE, con l’indicazione della viscosità ( ad esempio 5W 40). La viscosità è una proprietà dei fluidi inversamente proporzionale alla temperatura. Questo significa che, più è alta la temperatura, più “fluido” sarà l’olio, e sarà dunque in grado di scorrere sulle superfici con maggiore velocità, consentendo una lubrificazione più efficace. Quindi, a basse temperature, un olio 5W 40 sarà preferibile a un 10W 40, grazie alla sua minor viscosità e alla sua conseguente miglior capacità di entrare in circolo a freddo. La seconda cifra indica invece la viscosità a caldo: un 5W 30 sarà meno viscoso, alle alte temperature, di un 5W 40.

 

IL MIGLIOR COMPROMESSO

Una certa viscosità (e dunque una certa capacità di aderire alle superfici) è tuttavia necessaria per assicurare una corretta protezione delle parti in movimento. La scelta dell’olio motore corretto è dunque figlia di un compromesso che risulta fondamentale per la salute del motore. Essa dipende dalle condizioni esterne di utilizzo, dalle specifiche del costruttore e dai materiali utilizzati.

 

AVVIAMENTO A FREDDO

Dopo questa doverosa introduzione, torniamo all’avviamento a freddo. Durante questa fase, anche l’olio, così come le altre componenti, sarà a temperatura ambiente.  È intuibile che in queste condizioni l’olio non lavori in condizioni ottimali, risultando più viscoso del dovuto. Un fluido più viscoso richiede una pressione maggiore per scorrere: affinché l’aumento di pressione non raggiunga valori critici, all’interno del circuito idraulico è presente una valvola che ha il compito di aprirsi e lasciar defluire una certa quantità di lubrificante. Questo significa che, a freddo, nel motore circolerà una quantità di lubrificante inferiore a quella nominale. In ultima analisi, a freddo l’olio circola più lentamente e in minore quantità.

 

COME COMPORTARSI?

Anche in questo caso, per le ragioni appena elencate, è sconsigliabile indugiare a lungo nel far girare il motore al minimo a freddo. In queste condizioni, l'olio raggiungerà molto lentamente la sua temperatura di esercizio, il che significa che, per un periodo di tempo più lungo, scorrerà nel motore in modo non ottimale ed in minore quantità, esponendo le superfici a contatto a un'usura sicuramente maggiore. Nel prossimo articolo chiariremo ulteriormente le ragioni di questo fenomeno.

 

Riscaldare la moto a freddo. Il ruolo della lubrificazione
Riscaldare la moto a freddo. Il ruolo della lubrificazione
Riscaldare la moto a freddo. Il ruolo della lubrificazione
Riscaldare la moto a freddo. Il ruolo della lubrificazione
Riscaldare la moto a freddo. Il ruolo della lubrificazione
Riscaldare la moto a freddo. Il ruolo della lubrificazione

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.