Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Tutto ciò che serve per muoversi agilmente in città: dalle biciclette elettriche agli scooter, dai monopattini ai mezzi in sharing. Dueruote e Quattroruote uniscono le proprie competenze per offrire una guida alla mobilità urbana nell’era post-Covid.

Vai allo speciale
Urban Mobility

Riparazione camera d’aria bici: scopri i passi da seguire

Francesco Maggiorelli il 27/01/2021 in Urban Mobility
Riparazione camera d’aria bici: scopri i passi da seguire
Chiudi

Cosa fare se si buca un pneumatico della nostra bicicletta? È possibile sostituire la camera d’aria con una nuova o ripararla. Vediamo come si procede in entrambe le situazioni

Bucare un pneumatico è un inconveniente non così raro in bicicletta e può essere una scocciatura se non si è pratici di simili lavori di riparazione, ma avendo un minimo di manualità non è difficile sostituire la camera d’aria, soluzione certamente più veloce, o addirittura ripararla mentre siamo in strada seguendo qualche consiglio e avendo chiaramente con sé l’attrezzatura necessaria.

La procedura è semplice e queste fasi

  1. togliere la ruota dalla bici, 
  2. togliere la camera d’aria dalla ruota, 
  3. sostituirla con una nuova o ripararla, 
  4. rimetterla nella ruota,
  5. utilizzando la pompa rigonfiare la camera d'aria. 

Per ogni fase ci sono alcuni accorgimenti da tenere in conto, come vi spieghiamo nelle foto qui sotto.

 

<div class='descrGalleryTitle'>RUOTA A TERRA!</div><div class='descrGalleryText'><p>La ruota della nostra bici è sgonfia, abbiamo bucato. Non ci facciamo prendere dallo sconforto e sistemiamo la cosa in pochi minuti.<br>
</p>
</div>
RUOTA A TERRA!

La ruota della nostra bici è sgonfia, abbiamo bucato. Non ci facciamo prendere dallo sconforto e sistemiamo la cosa in pochi minuti.

<div class='descrGalleryTitle'>L'ATTREZZATURA</div><div class='descrGalleryText'><p>Qui vedete l'attrezzatura necessaria, tutto quello che serve sia se siamo per strada sia se operiamo a casa. In quest'ultimo caso, se l'abbiamo, possiamo usare una pompa da officina che renderà più comodo e veloce rigonfiare la ruota a fine lavoro, altrimenti, da portare con sé, una più comoda pompa poratile. Si vedono poi due tipi differenti di leve cacciagomme per stallonare il pneumatico dalla ruota e due tipi di kit con le toppe per riparare il foro.<br>
</p>
</div>
L'ATTREZZATURA

Qui vedete l'attrezzatura necessaria, tutto quello che serve sia se siamo per strada sia se operiamo a casa. In quest'ultimo caso, se l'abbiamo, possiamo usare una pompa da officina che renderà più comodo e veloce rigonfiare la ruota a fine lavoro, altrimenti, da portare con sé, una più comoda pompa poratile. Si vedono poi due tipi differenti di leve cacciagomme per stallonare il pneumatico dalla ruota e due tipi di kit con le toppe per riparare il foro.

<div class='descrGalleryTitle'>VIA LA RUOTA DALLA BICI</div><div class='descrGalleryText'><p>Prima di tutto si smonta la ruota dalla bicicletta, operazione più facile se la ruota è dotata di uno sgancio rapido apribile a mano e se è la ruota è quella anteriore. Togliere la ruota posteriore, a causa di catena e cambio, oppure una ruota che necessita di attrezzi per essere tolta dal telaio, è chiaramente un'operazione più laboriosa; per togliere la ruota posteriore è necessario mettere la catena sul pignone più piccolo e arretrare leggermente il cambio mentre la si sfila dal telaio. Inoltre se il freno è a disco non ci saranno ulteriori accorgimenti da adottare, mentre se il freno è a pattini, di tipo V-Brake o Cantilever, bisogna sganciarlo per far uscire la ruota. &nbsp;</p>
</div>
VIA LA RUOTA DALLA BICI

Prima di tutto si smonta la ruota dalla bicicletta, operazione più facile se la ruota è dotata di uno sgancio rapido apribile a mano e se è la ruota è quella anteriore. Togliere la ruota posteriore, a causa di catena e cambio, oppure una ruota che necessita di attrezzi per essere tolta dal telaio, è chiaramente un'operazione più laboriosa; per togliere la ruota posteriore è necessario mettere la catena sul pignone più piccolo e arretrare leggermente il cambio mentre la si sfila dal telaio. Inoltre se il freno è a disco non ci saranno ulteriori accorgimenti da adottare, mentre se il freno è a pattini, di tipo V-Brake o Cantilever, bisogna sganciarlo per far uscire la ruota.  

<div class='descrGalleryTitle'>UNA VELOCE ISPEZIONE</div><div class='descrGalleryText'><p>Una rapida occhiata dall'esterno ci può far identificare il motivo della foratura velcoemente come in questo caso: una spilla da balia chiaramente visibile. Questo fra l'altro ci facilta nel trovare il punto in cui è forata la camera d'aria se la volessiomo riparare e non semplicemente sostituire. È fondamentale rimuovere il corpo estraneo che ha causato la foratura altrimenti foreremo anche la nuova camera d'aria.<br>
</p>
</div>
UNA VELOCE ISPEZIONE

Una rapida occhiata dall'esterno ci può far identificare il motivo della foratura velcoemente come in questo caso: una spilla da balia chiaramente visibile. Questo fra l'altro ci facilta nel trovare il punto in cui è forata la camera d'aria se la volessiomo riparare e non semplicemente sostituire. È fondamentale rimuovere il corpo estraneo che ha causato la foratura altrimenti foreremo anche la nuova camera d'aria.

<div class='descrGalleryTitle'>STALLONARE IL PNEUMATICO</div><div class='descrGalleryText'><p>A volte è necessario spingere con i pollici sul tallone del pneumatico per farlo muovere dal bordo del cerchio e fare un po' di spazio prima inserire le leve cacciagomme.<br />
</p>
</div>
STALLONARE IL PNEUMATICO

A volte è necessario spingere con i pollici sul tallone del pneumatico per farlo muovere dal bordo del cerchio e fare un po' di spazio prima inserire le leve cacciagomme.

<div class='descrGalleryTitle'>LE LEVE CACCIAGOMME</div><div class='descrGalleryText'><p>Con le leve cacciagomme si apre un lato del pneumatico per poi avere accesso alla camera d'aria. Dopo avere inserito la prima leva la si fissa al raggio sottostante così da tenere fermo il tutto e con la seconda leva si fa passare dal bordo del cerchio un po' per volta il resto del tallone del pneumatico<br>
</p>
</div>
LE LEVE CACCIAGOMME

Con le leve cacciagomme si apre un lato del pneumatico per poi avere accesso alla camera d'aria. Dopo avere inserito la prima leva la si fissa al raggio sottostante così da tenere fermo il tutto e con la seconda leva si fa passare dal bordo del cerchio un po' per volta il resto del tallone del pneumatico

<div class='descrGalleryTitle'>ESTRAZIONE DELLA CAMERA D'ARIA</div><div class='descrGalleryText'><p>Con il pneumatico stallonato su un lato si estrae la camera d'aria. Può essere necessario tirare con un po' di forza perché a volte la camera d'aria tende a &quot;incollarsi&quot; con il pneumatico<br>
</p>
</div>
ESTRAZIONE DELLA CAMERA D'ARIA

Con il pneumatico stallonato su un lato si estrae la camera d'aria. Può essere necessario tirare con un po' di forza perché a volte la camera d'aria tende a "incollarsi" con il pneumatico

<div class='descrGalleryTitle'>TROVARE IL FORO</div><div class='descrGalleryText'><p>In foto vi mostriamo il &quot;vecchio trucco&quot; della bacinella d'acqua per trovare rapidamente il foro, sistema chiaramente attuabile solo a casa e utile soprattutto per i fori molto piccoli. Se siamo in strada un buon sistema è, con la camera d'aria leggermente gonfiata in modo da metterla in pressione, farla passare davanti al viso vicino alla bocca perché le labbra sono una zona molto sensibile e colgono spesso più facilemente anche i più piccoli flussi d'aria. Come già detto possiamo anche decidere di mettere una camera d'aria nuova senza riparare al momento quella bucata per poi farlo a casa.<br>
</p>
</div>
TROVARE IL FORO

In foto vi mostriamo il "vecchio trucco" della bacinella d'acqua per trovare rapidamente il foro, sistema chiaramente attuabile solo a casa e utile soprattutto per i fori molto piccoli. Se siamo in strada un buon sistema è, con la camera d'aria leggermente gonfiata in modo da metterla in pressione, farla passare davanti al viso vicino alla bocca perché le labbra sono una zona molto sensibile e colgono spesso più facilemente anche i più piccoli flussi d'aria. Come già detto possiamo anche decidere di mettere una camera d'aria nuova senza riparare al momento quella bucata per poi farlo a casa.

<div class='descrGalleryTitle'>SEGNARE IL FORO</div><div class='descrGalleryText'><p>Questo è un consiglio utile soprattutto per i fori più piccoli. Se abbiamo una penna possiamo fare un segno intorno al foro che ce lo faccia ritrovare al volo quando andremo a incollare la toppa.</p>
</div>
SEGNARE IL FORO

Questo è un consiglio utile soprattutto per i fori più piccoli. Se abbiamo una penna possiamo fare un segno intorno al foro che ce lo faccia ritrovare al volo quando andremo a incollare la toppa.

<div class='descrGalleryTitle'>CARTEGGIARE</div><div class='descrGalleryText'><p>A seconda del kit di riparazione, con le toppe può essere fornito un rettangolino di carta vetrata o una sorta di piccola grattuggia. Servono a rendere più ruvida la superficie in gomma della camera d'aria, trattamento utile per facilitare l'adesione della toppa, sia che si tratti di quella adesiva (generalemente un po' meno resistente a lungo andare) sia che si tratti delle toppe da incollare con il mastice.<br>
</p>
</div>
CARTEGGIARE

A seconda del kit di riparazione, con le toppe può essere fornito un rettangolino di carta vetrata o una sorta di piccola grattuggia. Servono a rendere più ruvida la superficie in gomma della camera d'aria, trattamento utile per facilitare l'adesione della toppa, sia che si tratti di quella adesiva (generalemente un po' meno resistente a lungo andare) sia che si tratti delle toppe da incollare con il mastice.

<div class='descrGalleryTitle'>ORA IL MASTICE</div><div class='descrGalleryText'><p>Per le toppe adesive non c'è bisogno di mostrare come fare, si attaccano e via, mentre le toppe con il mastice richiedono tempi e modi precisi. Il mastice va &quot;steso&quot; su un'area leggermente più grande della toppa che incolleremo successivamente.<br>
</p>
</div>
ORA IL MASTICE

Per le toppe adesive non c'è bisogno di mostrare come fare, si attaccano e via, mentre le toppe con il mastice richiedono tempi e modi precisi. Il mastice va "steso" su un'area leggermente più grande della toppa che incolleremo successivamente.

<div class='descrGalleryTitle'>LASCIARE ASCIUGARE IL MASTICE</div><div class='descrGalleryText'><p>È necessario far asciugare il mastice, fino a farlo diventare leggermente opaco prima di incollare la toppa. A sinistra si vede come risulta appena messo e a destra dopo circa 1 o 2 minuti.<br />
</p>
</div>
LASCIARE ASCIUGARE IL MASTICE

È necessario far asciugare il mastice, fino a farlo diventare leggermente opaco prima di incollare la toppa. A sinistra si vede come risulta appena messo e a destra dopo circa 1 o 2 minuti.

<div class='descrGalleryTitle'>APRIRE LA TOPPA</div><div class='descrGalleryText'><p>La toppa va aperta come in foto, lasciandola attaccata alla parte in plastica trasparente, togliendo solo lo strato metallico.<br />
</p>
</div>
APRIRE LA TOPPA

La toppa va aperta come in foto, lasciandola attaccata alla parte in plastica trasparente, togliendo solo lo strato metallico.

<div class='descrGalleryTitle'>ATTACCARE LA TOPPA</div><div class='descrGalleryText'><p>Per questa fase è meglio operare con la camera d'aria completamente sgonfia. Per far aderire bene la toppa si preme con decisione su tutta la superficie, premendo anche ai bordi dove è colorata di arancione, magari appoggiandosi su un piano.<br>
</p>
</div>
ATTACCARE LA TOPPA

Per questa fase è meglio operare con la camera d'aria completamente sgonfia. Per far aderire bene la toppa si preme con decisione su tutta la superficie, premendo anche ai bordi dove è colorata di arancione, magari appoggiandosi su un piano.

<div class='descrGalleryTitle'>RIMUOVERE LA PELLICOLA</div><div class='descrGalleryText'><p>Passato qualche altro minuto, ne dovrebbero bastare al massimo cinque, si può togliere la pellicola, facendo attenzione a non far sollevare i bordi della toppa anche se a questo punto dovrebbero essere solidali con la camera d'aria.<br />
</p>
</div>
RIMUOVERE LA PELLICOLA

Passato qualche altro minuto, ne dovrebbero bastare al massimo cinque, si può togliere la pellicola, facendo attenzione a non far sollevare i bordi della toppa anche se a questo punto dovrebbero essere solidali con la camera d'aria.

<div class='descrGalleryTitle'>TOPPA INCOLLATA</div><div class='descrGalleryText'><p>Questo è il risultato della riparazione: la toppa ben aderente alla camera d'aria e l'area del mastice asciugato un po' più ampia della toppa.<br>
</p>
</div>
TOPPA INCOLLATA

Questo è il risultato della riparazione: la toppa ben aderente alla camera d'aria e l'area del mastice asciugato un po' più ampia della toppa.

<div class='descrGalleryTitle'>RICORDIAMOCI IL CORPO ESTRANEO</div><div class='descrGalleryText'><p>Lo ricordiamo di nuovo se non l'aveste ancora fatto. Bisogna togliere il corpo estreaneo che ha causato la foratura prima di inserire la camera d'aria nuova o quella riparata!</p>
</div>
RICORDIAMOCI IL CORPO ESTRANEO

Lo ricordiamo di nuovo se non l'aveste ancora fatto. Bisogna togliere il corpo estreaneo che ha causato la foratura prima di inserire la camera d'aria nuova o quella riparata!

<div class='descrGalleryTitle'>REINSERIRE LA CAMERA D'ARIA</div><div class='descrGalleryText'><p>Per reinserire la camera d'aria nella ruota può essere utile gonfiarla leggermente, così da farle tenere più facilemente la forma circolare mentre la posizioniamo fra cerchio e pneumatico.<br>
</p>
</div>
REINSERIRE LA CAMERA D'ARIA

Per reinserire la camera d'aria nella ruota può essere utile gonfiarla leggermente, così da farle tenere più facilemente la forma circolare mentre la posizioniamo fra cerchio e pneumatico.

<div class='descrGalleryTitle'>TALLONARE IL PNEUMATICO</div><div class='descrGalleryText'><p>In questa fase è bene operare solo con le mani, niente leve cacciagomme per riposizionare il tallone del pneumatico. Il rischio è di schiacciare la camera d'aria e danneggiarla bucandola di nuovo. L'ultima parte del tallone è la più faticosa da far passare sopra (cambia da modello a modello), ma l'uso delle sole mani è il metodo più corretto e semplice secondo noi.<br>
</p>
</div>
TALLONARE IL PNEUMATICO

In questa fase è bene operare solo con le mani, niente leve cacciagomme per riposizionare il tallone del pneumatico. Il rischio è di schiacciare la camera d'aria e danneggiarla bucandola di nuovo. L'ultima parte del tallone è la più faticosa da far passare sopra (cambia da modello a modello), ma l'uso delle sole mani è il metodo più corretto e semplice secondo noi.

<div class='descrGalleryTitle'>RIGONFIARE LA GOMMA</div><div class='descrGalleryText'><p>Visto che stavolta l'operazione l'abbiamo effettuata a casa, il rigonfiaggio lo eseguiamo con la comoda pompa a colonna da officina per arrivare alla pressione giusta con poche pompate.<br>
</p>
</div>
RIGONFIARE LA GOMMA

Visto che stavolta l'operazione l'abbiamo effettuata a casa, il rigonfiaggio lo eseguiamo con la comoda pompa a colonna da officina per arrivare alla pressione giusta con poche pompate.

<div class='descrGalleryTitle'>RUOTA RIPARATA</div><div class='descrGalleryText'><p>Ecco fatto, la camera d'aria è stata riparata, reinserita e la ruota rigonfiata. Possiamo ripartire!<br>
</p>
</div>
RUOTA RIPARATA

Ecco fatto, la camera d'aria è stata riparata, reinserita e la ruota rigonfiata. Possiamo ripartire!

Tutto ciò che serve per muoversi agilmente in città: dalle biciclette elettriche agli scooter, dai monopattini ai mezzi in sharing. Dueruote e Quattroruote uniscono le proprie competenze per offrire una guida alla mobilità urbana nell’era post-Covid.

Torna allo speciale

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.