Cerca

Seguici con

Attualità

Perché non ha senso partecipare ai motoraduni invernali

Marco Gentili il 12/01/2018 in Attualità

Punto di vista politicamente scorretto su uno dei totem dei motociclisti: cosa spinge un essere umano a sfidare freddo, gelo e noie tecniche per il gusto di viaggiare in moto d'inverno?

Perché non ha senso partecipare ai motoraduni invernali
Chiudi

Attenzione: il seguente post genera irritazione nel motociclista medio. Ed è vietato commentarlo con: "tu non sei un vero motociclista"

Tutti nella nostra vita da motociclisti ne abbiamo fatte, di cose strane. Riviste con l'occhio della maturità e degli anni che passano, ci riportano indietro ai tempi della nostra gioventù, ma con la testa di oggi non le rifaremmo di certo. Una di queste cose è senza dubbio il raduno invernale in moto, una delle prove di supplizio psicofisico che nella scala di valori sta tra "calcio nelle gonadi" e "tortura da parte di un gruppo di scagnozzi dei narcos colombiani".

Sì, so di essere politicamente scorretto, e che attaccare un pilastro dell'essenza motociclistica come i raduni invernali mi attirerà ben poche simpatie, ma ritengo assolutamente necessario oppormi a una piaga che parte dall'Elefantentreffen e arriva giù giù fino ai suoi epigoni (più o meno spuri) che finiscono in -treffen.

La scelta

Detto tra noi, qual è il disagio mentale che porta un essere umano a vestirsi come Amundsen durante la spedizione alla conquista del Polo Sud, imbarcarsi in un rischioso viaggio tra terreni ghiacciati e innevati, dormire all'addiaccio in soluzioni di fortuna e trascorrere alcuni giorni nel mezzo del nulla, con la colonnina di mercurio nella parte negativa della sua scala?

Io una volta l'ho fatto, lo ricordo bene. Era il 2004, la mia BMW R 1150 R era da pochi mesi la mia fedele compagna di viaggio sulle strade di mezza Europa (sì, amavo e amo ancora oggi viaggiare, tra strada e autostrada, soprattutto all'estero) e decisi di imbarcarmi nell'avventura in terra tedesca, spinto da quel sentire comune secondo cui "se non hai mai fatto un Elefantentreffen non sei un vero motociclista".

Un'esperienza da non ripetere

Fatta eccezione per la splendida compagnia, l'esperienza è stata qualcosa di disastroso. Il ghiaccio mi aveva mandato in pappa l'elettronica della moto, per farla ripartire sulla neve servivano preghiere indirizzate a tutte le divinità conosciute, faceva un freddo bestiale e, nonostante l'equipaggiamento (artigianale ma adeguato), mi si stavano staccando le dita delle mani. E meno male che - consci dei nostri limiti e del fatto che eravamo alla prima esperienza - avevamo scelto di dormire in albergo. La scelta del bivacco sarebbe stata insostenibile per un gruppo di ragazzi che, per quanto motivati, tentavano di riscaldare il proprio corpo sfruttando il potere calorico dell'alcol.

"Vabbé, ma vuoi mettere il clima, la gente, l'atmosfera...", dirà qualcuno. Tutto giusto e sacrosanto. Però il contesto fa passare il secondo piano i lati positivi - che pur ci sono - dell'esperienza mistica dell'Elefantentreffen. E' un po'come avere una bella donna che vuole fare l'amore con te: tra farlo sulla neve e farlo in una confortevole camera da letto, io preferisco la seconda soluzione. Certo, la donna è bella anche sulla neve, ma non è che ti godi così tanto l'esperienza.

Chissà cosa spinge alcuni motociclisti apparentemente normali a imbarcarsi in avventure del genere. Forse il bisogno di sentirsi più maschi? O la necessità di dimostrare a se stessi e agli amici di essere capaci di portare a termine un'impresa che ha del sovraumano? O ancora, il conformismo di un ambiente nel quale se non sei passato da un rito iniziatico non sei degno di appartenere alla casta?

A distanza di anni, avrei rinunciato all'etichetta di "motociclista" medio per un raduno ben più confortevole. E resto sempre più convinto che la moto è fatta per la bella stagione.

La replica: "E io difendo L'Elefantentreffen"

Caro Marco, ho letto il tuo pezzo sull'Elefantentreffen. Mi piace la tua vena provocatoria, ma questa volta non te la faccio passare liscia.... Continua a leggere la replica di Lorenzo Cascioli, clicca qui!

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • jack motosega
    ARTICOLO A DIR POCO GROTTESCO! - Il primo paragrafo ti definisce come un presupponente dalla ragione assoluta, il secondo come il classico invidioso, il terzo come un retrogrado. Il quarto invece spiega il tuo errore principale: la motivazione. Il resto e' un miscuglio di banalita' pressapochiste e luoghi comuni figli di un'esperienza vissuta a meta'. Di gente come te ne ho visti a decine. Vi eliminate da soli. Fortunatamente.
  • motofanatico
    punti di vista - la questione non e' tanto il fascino di questo genere di avventure, chi le sceglie non lo fa per il piacere della guida. Si tratta invece di mettere alla prova se stessi e la propria moto, capire fino a che punto ci si puo' spingere. E comuque le esperienze "estreme" sono quelle che piu' ci insegnano ad apprezzare cio' che abbiamo e ad avere fiducia in noi stessi
  • toma0401
    Io di domenica lavoro - ergo non ho la possibilita' di partecipare a nessun motoraduno ma non mi sognerei mai di dire che sono assurdi. Rosico in silenzio nel mio angolino e sto zitto (e vado in moto 12 mesi all'anno, anche perche' o viaggio a due ruote o non mi sposto da casa, dato che non ho, e non comprero' mai finche' mi sorregge il fisico, una qualsiasi autovettura)
  • Corrado.p81
    In moto tutto l'anno - Personalmente non riesco a pronunciarmi sul buon senso di partecipare a un motoraduno invernale per il semplice fatto che non sono un motociclista da motoraduno. Estendendo pero' il discorso al piacere di utilizzare la moto anche di inverno rispondo dicendo che basta attrezzarsi e non c'e' freddo che tenga per assopire la passione di stare in sella. Sono 2 modi di andare in moto, diversi, ma in moto
  • Dr. Spock
    La sofferenza non fa il motociclista. - Per me la moto e' un mezzo, non un fine. Un mezzo meraviglioso che mi permette di vivere i miei viaggi in un modo che sarebbe impossibile in auto. E di vedere cose che solo in moto si riescono a vedere. Ma con la bella stagione. Uso invece lo scooter tutto l'anno perche' mi permette di arrivare ovunque, anche se fa freddo. Ma congelarsi, soffrire "a caso", scusate, ma non riesco proprio a capirlo..
  • vacanziere269
    i soliti Stereotipi. - Per essere dei Motociclisti Non bisogna fare le solite Cazzate Predicate dai Pseudomotociclisti, basta Sentirselo Dentro. Una delle Cazzate e' il raduno Invernale.. 40 anni fa bisognava andare in Corsica per essere veri Motociclisti e io ci sono andato : passando 6 giorni in moto sotto la pioggia .. era meglio andare a Jesolo al Mare...sotto il Sole e con una Birra Fresca di Fianco. W le 2 Ruote.
  • multistrangola
    Tu non sei un motociclista - E sopratutto non puoi dire ne' a me ne' ad altri cosa fare o non fare nei limiti del rispetto e dell'educazione. Comunque non disperare che prima o poi un posto a Novella2000 o Chi....si libera!
  • Cico ducati
    Elefant - Io di elefant ne ho fatti 18,14 con l'Aprilia 125 tuareg mod.87.Girare d'inverno puo essere divertente perche ce meno gente in giro,e fare l'elefant o altri raduni invernali (kristal rally norvegia)puo essere un modo per far riposare corpo e spirito e strigere nuove amicizie per ritrovarsi in altri raduni durante l'anno
  • Vale6238
    Motociclista dal 1975 - Buongiorno a tutti. Io vado in moto da sempre, e nel corso degli anni ho cambiato molte moto, e percorso non so quanti km. Sono convinto che la moto ognuno la vive come meglio crede, non sono certo il raduno dell'Elefante, o raggiungere Capo Nord a fare un vero motociclista. Credo pero' che ognuno sia libero di fare cio' che vuole. Buona moto a tutti.
  • LUMACA78
    vivi e lascia vivere - Potrei metterla cosi...credo che star in sella sia un modo per intender il piacere dell' esistere, cogliendone una delle mille sfaccettature, macinare km pochi o tanti che siano, serve, a chi ne ha la passione, per sentirsi, semplicemente bene....sia con il ghiaccio, con il caldo torrido o, piu' 'intelligentemente (forse...) con la bella stagione, bhe', questo non importa....
  • franna
    Io la penso cosi' - Il sottoscritto,si trova con 4 figli, 2 motociclisti, il 1 con il 2017 e' arrivato a quota 11 Elefanteintreff, altro maschietto 22 anni di moto Ass. 8 mesi annui, le 2 femmine, 1 e' zavorra del marito, la 2 quarda tutta la famiglia in moto, e viviamo bensissimo, dimenticavo la mamma e' motociclista, quando la famiglia si riunisce, che soddisfazione buonasera per tutti.
  • silvanetto
    sport estremo - allora secondo il giornalista tutti quelli che praticano uno sport estremo , hanno del disagio mentale ? se io non riesco a fare qualcosa , non do del matto a chi riesce , solo invidia !!!!! poi ognuno e' libero di fare cio' che gli piace basta che non fa del male ad altri .
  • Zamboni 85
    Liberta' di insulto. - Io frequento i raduni invernali e mi piacciono molto, ma non ho mai pensato di criticare chi non ne fa parte considerando che la scelta e' personale. Detto questo l'articolo lo posso condividere per molti suoi punti tranne che per le continue insinuazioni di stupidita' fatte dal giornalista verso i partecipanti, soprattutto nella parte finale.
  • motard1969
    w la bella stagione - Credo che ognuno abbia la liberta' di vivere le esperienze che crede se rappresentano un divertimento. Penso che la moto sia sfruttabile nella sua struttura tecnica con la bella stagione, lo dico anche dopo una dolorosa caduta in pista con la mia motard a dicembre, da genio della lampada dopo aver piegato in pista con gomme gelide... rialzato e ripreso a correre ..ma basta aspetto aprile.
  • sfrigo
    La moto e' fatta per la bella stagione !! - Sono perfettamente d'accordo con Marco. La moto e' fatta per la bella stagione! E lo dico con quarant'anni di moto alle spalle, sia d'estate che d'inverno. Ma un conto e' guidare una moto da fuoristrada su per una mulattiera con il freddo, dove anzi le basse temperature aiutano a mantenere una temperatura corporea "accettabile", altra cosa e' stare seduti su una sella per ore in mezzo al ghiaccio.
  • scrubs222
    Gusti - Io in inverno uso la moto solo per andare al lavoro e alle 6.30 del mattino di freddo ne prendo gia' abbastanza . Comunque ognuno ha i suoi gusti e io li rispetto.
  • Vfrt
    Uomo 52 anni - Vado in moto da quasi 40 anni nei quali ho percorso quaspercorso quasi 1.500.000 km.. fino ad una decina di anni fa trovavi parecchie moto in giro.. adesso con il gran salto di qualita che ha fatto l'abbigliamento sene trovano pochissimi.... strano.. anche perche nei mesi invernali e' tutto molto piu bello
  • Arvicora
    Sicuri sia cos? estremo? - Come i folli che scalano l'everest. Perche' lo fanno? pure quello e' un martirio ed e' anche molto rischioso! Fin'ora di elefanti ne ho fatti 3. Avvantaggiato da un sidecar russo e le gomme tassellate... l'ho dovuto vendere ma non vedo l'ora di poter fare un raduno invernale su due ruote! Passi per folle, ma per alcuni sei un eroe! Trovo pi? stupidi quelli che scambiano la strada per una pista.
  • laoracing
    Altri punti di vista - Sinceramente trovo assurdo dover fare un raduno invernale per sentirsi motociclisti, come trovo assurdo giudicare disagiati mentali chi a tali raduni partecipa. Ci sara' sicuramente chi partecipa ad i raduni invenali per sentirsi di una razza superiore, io lo faccio per la suggestione e la bellezza dei panorami invernali, per lo stare tra amici e il condividere insieme una piccola avventura.
  • Mastrobaldo
    Fossi matto - Hai perfettamente ragione Marco, questa estate mi sono assiderato le mani viaggiando sotto la grandine a 15 gradi, figuriamoci a zero o sottozero. La moto te la hodi dai 20 ai 30 gradi. Anche l'eccessivo caldo puo' essere fastidioso,soprattutto se bardati con abbigliamento tecnico.W la moto ma quando e' un piacere,no un martirio!
  • gery66
    La moto in inverno - Cosa spinga ad andare all'elefante e ad altri raduni invernali non lo so, non sono cosi' audace per provarci, non sono daccordo pero' che la moto sia solo per la bella stagione io la uso tutto l'anno e in inverno riesco a fare strade che in estate sarebbero troppo trafficate e proprio per questo piu' pericolose anche se con asfalto migliore. Rispetto comunque chi si cimenta in queste avventure.