Cerca

Seguici con

Burocrazia

Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica

Marco Gentili
di Marco Gentili foto Marcello Mannoni© il 21/05/2019 in Burocrazia
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Chiudi

Dal 2 gennaio scorso è cambiata la modalità di esecuzione della prova d'esame: tutti i consigli per superarla

Dallo scorso 2 gennaio anche l’Italia si è adeguata alla terza versione della “direttiva patenti”, che imponeva di introdurre i nuovi standard della Comunità europea negli esami di guida. Il più significativo cambiamento è che aumenta la velocità media di esecuzione della prova di destrezza, che passa a 50 km/h; cresce quindi anche la difficoltà di esecuzione. Altro cambiamento riguarda il campo d’esame, che è lo stesso per le tre patenti moto. In precedenza, infatti, la distanza dei birilli nei singoli esercizi variava a seconda del tipo di patente A che si intendeva conseguire. Infine, sono cambiate anche le prove pratiche in area chiusa, che col nuovo esame diventano due.

 

Come si esegue la prova lenta

Secondo le disposizioni di legge deve essere eseguito in un tempo non inferiore a 15 secondi. Il percorso va fatto mantenendo i piedi stabili sulle pedane perché basta mettere un piede a terra per essere bocciati.

 

Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica

Il candidato, partendo da fermo, deve fare una gimkana stretta tra cinque birilli. Il consiglio è partire col piede giusto, ossia posizionarsi in modo tale da affrontare agevolmente il primo birillo dello slalom (che va lasciato alla propria destra) e non perdere subito l’equilibrio. In questo aiuta senza dubbio una moto leggera, dall’interasse corto e con un buon raggio di sterzo

 

Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Lo slalom tra i birilli

Al termine dello slalom si affronta una curva a sinistra di 180° attorno a un birillo per poi completare il percorso attraverso un corridoio stretto (appena 1,3 metri) e lungo 25.

 

Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Il corridoio stretto, parte finale della prova di esame "lenta"

Come superare la prova "veloce"

Superata la prima prova, il candidato passa subito al test “veloce”, che deve essere effettuato nel tempo limite di 25 secondi (che equivale, conti alla mano, a un’esecuzione alla velocità media di 50 km/h). la durata viene calcolata da un sistema di fotocellule posizionate all’avvio e al termine del test, collegate al computer degli esaminatori. Le generalità del candidato vengono inserite nel terminale dai funzionari della Motorizzazione, il cui schermo (per motivi di trasparenza) deve essere visibile a tutte le persone presenti sulla pista. Quando l’aspirante patentato passa davanti al sensore, parte il tempo.

 

Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
L'inizio della prova veloce: un sensore prende il tempo del candidato

In questo caso la prova consiste in uno slalom veloce attorno a cinque birilli (la sequenza di curve è destra-sinistra-destra-sinistra-destra, proprio come nell’esame lento). È importante affrontarlo in modo spedito, al ritmo di un birillo superato ogni secondo, e poi si può affrontare la curva a sinistra con la dovuta moderazione (la curva ha una larghezza massima di 4,5 metri, ma è meglio essere prudenti perché la tensione può giocare brutti scherzi.

 

Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Lo slalom veloce è la prima prova che si affronta
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
La curva a sinistra ha un raggio di 4,5 metri

Dopo la curva a sinistra, si affronta l'accelerazione, seguita dallo scarto di un ostacolo. Sul rettilineo è importante dare parecchio gas, per poi arrivare a svicolare leggermente a sinistra, sempre a velocità sostenuta.

 

Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Il rettilineo che segue la curva a 180° a sinistra
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Lo scarto dell'ostacolo

La prova termina quando il candidato arresta la ruota anteriore della moto in uno spazio delimitato da 4 birilli in un quadrato di un metro per lato. Un sensore registra il passaggio e ferma il cronometro. 

In questo caso, un errore molto comune a tutti i candidati è che arrivano lunghi dopo il rettilineo e lo scarto dell'ostacolo, quindi azionano la frizione e lasciano scivolare la moto, usando solo i freni per rallentare. Sarebbe meglio invece scalare tutte le marce per calcolare meglio i tempi di arresto e le distanze.

 

Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
La ruota anteriore si arresta nel quadrato di arrivo

Determinano un esito negativo della prova d’esame, oltre al tempo impiegato (che non può essere superiore a 25"99, compresa la tolleranza), toccare uno o più coni, saltare un cono durante lo slalom o uscire dal percorso, mettere un piede a terra, coordinare in modo irregolare la guida, arrestare il motociclo con la ruota anteriore che non ha superato il primo allineamento o che ha superato il secondo allineamento.

 

Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica
Patente A: ecco come si supera la nuova prova pratica

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • Wally_720304
    Sarebbe meglio scalare le marce per calcolare bene i tempi di arresto e le distanze? Ma prima di scrivere gli articoli le prove le fate? In che marcia affrontate la prova veloce? Quella prova la si fa in seconda...e anche ammesso che si metta la terza, secondo voi un neofita con l’agitazione dell’esame scala marcia, lascia la frizione e la riprende in mano per sfruttare il freno motore e ‘calcolare bene i tempi di arresto’?!? Mah...
  • Wally_720304
    Sarebbe meglio scalare le marce per calcolare bene i tempi di arresto e le distanze? Ma prima di scrivere gli articoli le prove le fate? In che marcia affrontate la prova veloce? Quella prova la si fa in seconda...e anche ammesso che si metta la terza, secondo voi un neofita con l’agitazione dell’esame scala marcia, lascia la frizione e la riprende in mano per sfruttare il freno motore e ‘calcolare bene i tempi di arresto’?!? Mah...
  • Faustofalk
    Secondo me si sta esagerando..ok la sicurezza ma si richiede abilita' che chi e' alle prime armi non puo avere che solo andando anni in moto si acquisisce...e poi c e gente anziana che rinnova la.patente che e' peggio di un ragazzino alla guida...
  • dasca88
    sinceramente, io con la mia moto non penso che lo passerei mai...la curva è troppo stretta (penso) e la prova lenta è troppo lenta..dovrei pelare continuamente la frizione anche in prima..all´epoca invece da buon fuoristradista (l´esame l´ho fatto con un husky SMR 510) l´esaminatore si è lamentato che non era prevista la curva in derapata XD ma non ha avuto da ridire sul mio "non è nemmeno previsto che non lo sia"