Cerca

Seguici con

Motogp

Per Dovi (nel 2017) tutto è iniziato dal Mugello

il 01/06/2018 in Motogp

Dovizioso l'anno scorso ha vinto il Gran Premio d'Italia. Fu la prima delle sue sei vittorie della stagione 2017. Un successo che ha segnato l'inizio della lotta per il titolo che Andrea è andato vicino a vincere… Quest’anno riuscirà a ripetersi?

Per Dovi (nel 2017) tutto è iniziato dal Mugello
Chiudi
Il Mugello è una pista che ha un sapore speciale per la Ducati e per uno dei suoi piloti in particolare, Andrea Dovizioso. Qui infatti lo scorso anno il Dovi ha vinto la gara e questa fu la prima delle sue sei vittorie della stagione 2017. Un successo che ha segnato l'inizio della lotta per il titolo che Andrea è andato vicino a vincere. Restando in Ducati il tracciato toscano evoca piacevoli ricordi: oltre al successo di Dovizioso ci fu anche la gara del 2009 che Casey Stoner ha vinto dopo che i piloti sono stati costretti a un cambio moto a causa dell’asciugamento della pista bagnata.

Seppure le strade di Lorenzo e della Ducati stiano per dividersi il campione spagnolo su questo tracciato potrebbe cambiare il corso della sua stagione, vi ha vinto cinque delle ultime sette gare disputate (2011, 2012, 2013, 2015 e 2016). Jorge ha anche vinto nella 250cc, portando il numero totale di vittorie al Mugello a sei e proprio l'anno scorso, Lorenzo è andato al comando di una gara con una Ducati per la prima volta. Da allora, ci sono stati dieci GP in cui è stato in testa con la Desmosedici: nel 2017 al Mugello, Montmeló, Red Bull Ring, Misano, Aragon, Motegi e Sepang, e quest'anno a Jerez e Le Mans. Lo slogan di Lorenzo "Por Fuera", che è sul casco e sulla moto, è stato utilizzato per la prima volta al Gran Premio d'Italia del 2004. Si riferisce ai passaggi esterni considerati a volte ‘impossibili’ che fa nelle curve.

Il Mugello e la Ducati

Ducati ha conquistato un totale di dieci podi al Mugello: Loris Capirossi (2003, 2005 e 2006), Alex Barros (2007), Casey Stoner (2008 e 2009), Andrea Iannone (2015 e 2016), Andrea Dovizioso (2017) e Danilo Petrucci (2017).
Ducati ha segnato una velocità di punto di 354,9 km/h nella gara del 2016. È la massima velocità mai raggiunta durante un GP, superando il precedente record di 350,8 km/h, anch’esso di Ducati. Il Mugello è il circuito nel calendario, dove viene registrata la massima velocità. In dodici delle quindici volte che Ducati ha corso al Mugello, ha ottenuto la massima velocità in gara.
Il giro più veloce registrato al Mugello è 1'46.489, realizzato da Iannone su una Ducati nel 2015, un giro che gli ha dato la pole position in quella gara.

Forse non tutti sanno che…

Al Mugello si sono svolti 32 GP da quando il circuito è stato inaugurato nel 1976 ed è l'unico circuito che non ha mai cambiato il suo layout sin dalle sue origini.
La gara del Mugello è stata una data fissa sul calendario dal 1991. Insieme ad Assen e Jerez, è l'unico circuito che ha sempre ospitato una gara del campionato mondiale per 28 anni. Ha un layout molto tecnico, dove i piloti raggiungono velocità inferiori a 100 km / h solo nella curva alla fine del rettilineo e dove vengono raggiunte le velocità più alte di tutto il campionato, superando i 350 km / h.
Insieme al Red Bull Ring, Silverstone e Phillip Island, queste quattro piste sono le uniche in cui la velocità media supera i 170 km / h. A 1.141 metri, il rettilineo principale del Mugello è il più lungo dell'intero campionato e il secondo rettilineo assoluto più lungo di tutti, secondo solo al quello di Austin.
I piloti si avvicinano a sei punti di frenata a più di 230 km / h al Mugello. Al Mugello i piloti sono in frenata per oltre il 19% di ogni giro. La frenata più dura si svolge alla fine del rettilineo, dove i piloti vanno da 351 a 91 km / h in 5,6 secondi, su una distanza di 318 metri. È la quarta frenata più forte del campionato, dietro gli Stati Uniti, l'Argentina e la Malesia. Il rettilineo verso il traguardo è il luogo in cui avvengono più sorpassi. Un altro punto di sorpasso è il cambio di direzione tra Casanova e Savelli, e in frenata per la curva del Correntaio, dove Lorenzo ha superato Márquez nel GP del 2014.

Il Gran Premio d'Italia 2004 è stato il più breve della storia della MotoGP, in cui sono stati coperti solo 31,47 km a causa della pioggia che ha interrotto la gara e una seconda partenza dopo solo sei giri.

La tribuna Ducati si trova alla curva del Correntaio. È la curva #12 e uno dei punti più spettacolari per vedere una gara.

Nel 1993 Mick Doohan vinse al Mugello per la prima volta dal suo terribile incidente ad Assen. In seguito, il circuito toscano è diventato un talismano per l'australiano, dove ha sempre vinto, collezionando sei vittorie consecutive.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato