Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Civ

Ferrari Campione Europeo Moto3

il 08/10/2012 in Civ

Per la seconda volta consecutiva un pilota italiano vince il titolo nella prova unica del campionato sulla pista spagnola di Albacete. Sul podio lo spagnolo Guevara e il neo campione italiano Calia

Ferrari Campione Europeo Moto3
A soli 15 anni Matteo Ferrari ha conquistato il titolo di campione europeo classe Moto3 in sella alla Honda NSF250R del San Carlo Junior Team
E' un'Italia formidabile quella che si è rivelata protagonista assoluta sul circuito spagnolo di Albacete, dove si è disputata la prova unica del Campionato Europeo Velocità 2012.
Nella classe Moto3/125GP, per il secondo anno consecutivo è stato il nostro tricolore a sventolare sul gradino del podio più alto: dopo Romano Fenati, campione del 2011, quest'anno a vincere è stato Matteo Ferrari, che ha preceduto di tre millesimi di secondo lo spagnolo Juanfran Guevara e di quasi due decimi l'altro italiano, neo campione italiano della Moto3, Kevin Calia.
Ferrari Campione Europeo Moto3
Chiudi
Alla partenza a scattare male è proprio Matteo Ferrari; al primo giro, il 15enne riminese alfiere Honda San Carlo Junior è in ottava posizione mentre l'imolese Kevin Calia (Honda - Elle 2 Ciatti) passa in quinta piazza. A partire bene, invece, è l'alfiere Team Italia, Michael Ruben Rinaldi: dalla decima posizione sale in sesta ma nel tratto misto dove ci sono degli avvallamenti scivola, ritorna ai box a causa della leva, rientra ma terminerà in 24° posizione. "Peccato - dice Rinaldi - sono caduto al secondo giro nel tratto sconnesso, ero in fase di sorpasso e ho perso il controllo della moto, sono rientrato per aggiustare una leva ma sono dispiacuto perché ero partito bene". Al 4° giro si toccano gli spagnoli del gruppo di testa e cadono rovinosamente tra lo stupore generale: "out" Marcos Ramirez e Albert Arenas, che si trovavano con i portacolori azzurri Matteo Ferrari e Kevin Calia.
I due italiani salgono così alla guida della gara e danno spettacolo: come al CIV, si trovano a darsi battaglia per la prima posizione anche ad Albacete per l'Europeo e nessuno dei due ha intenzione di mollare prima della bandiera a scacchi. Si alternano al comando, quando negli ultimi tre giri sale in cattedra lo spagnolo Guevara che prende la scia di Calia. Il pilota del Team Elle 2 Ciatti, però, vuole vincere la gara e tenta di sorpassare Ferrari (in quel momento al comando) ma arriva un po' lungo a causa delle gomme usurate e ne approfitta lo spagnolo che si mette a "sandwich" tra i due azzurri.

Spettacolare l'arrivo
, con Ferrari bravissimo nell'ultima curva che immette sulla bandiera a scacchi a tenere stretta la sua linea e a concludere in testa, diventando il nuovo campione europeo e mantenendo così in casa azzurra la corona del Vecchio Continente. Ottima anche la gara di Kevin Calia, che sale sul terzo gradino del podio a completamento di una giornata perfetta per i nostri colori. "Ho un po' di amaro in bocca perché ho tenuto la testa della gara e potevo giocarmela fino alla fine - ha detto Kevin - per come si era messa con il cambio della moto è andata bene così, alla fine avevo le gomme finite". Ferrari, dal canto suo, porta a casa la coppa più importante come Fenati anno scorso. "Sono felicissimo, sono partito male ma ho tenuto il ritmo per tutti i 18 giri - ha dichiarato il fresco campione - ringrazio i meccanici per l'ottimo lavoro svolto e dedico la vittoria ai miei genitori". Per il Team Italia, Pagliani chiude in 13° posizione ("Sono partito male e non sono riuscito a raggiungere il gruppetto avanti a me, peccato") mentre Fuligni è 27esimo.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • Sephiroth0206
    ... l'inizio della rinascita?... - ... i nostri giovani stanno facendo molto e vedrei un battaglione ben agguerrito per risalire la china del motociclismo mondiale... le nostre speranze mondiali sono attaccate a ultratrentenni.. (per non dire quarantenni!) speriamo in un ringiovanimento.. se Don Carmelo ce lo permette, ovviamente.