Cerca

Seguici con

Prove della redazione

BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia

Alfredo Verdicchio
di Alfredo Verdicchio il 13/02/2019 in Prove della redazione
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT ABS
1170 / 81 kW (110,1 CV) / 2 cilindri boxer / EURO 4
€ 16.400 c.i.m.
BMW R nineT Racer ABS
1170 / 81 kW (110,1 CV) / 2 cilindri boxer / EURO 4
€ 14.500 c.i.m.

Stile seventies, stesso motore boxer ma due modi diversi di vivere la moto. A confronto le neoclassic che puntano a fare breccia nel cuore di chi cerca emozioni e sostanza

Navigare sulle onde del tempo non è cosa da tutti, bisogna avere un presente importante supportato da un passato altrettanto solido. Proprio come BMW, che dal 1923 produce moto di ogni genere e stazza. È stata lei a inventare la forcella così come la conosciamo oggi; ed è stata sempre lei a rinnovare la sospensione anteriore con l’introduzione del Telelever, che con la R 1100 RS del 1993 è diventato elemento fisso e distintivo delle bicilindriche boxer... fino all’avvento della R nineT nel 2014, naked dal gusto rétro nata per soddisfare un mercato sempre più orientato allo stile Seventies. A caratterizzarla l’assenza del Telelever, per l’appunto, le forme tondeggianti e muscolose dell’avantreno e il marchio di fabbrica BMW, il motore a due cilindri boxer. Non l’ultimo montato sulle R/GS odierne, ma la versione appena prima, sempre da 1.170 cc, meno potente e con il raffreddamento ad aria-olio, giusto per non tradire l’ispirazione classic della moto. Probabilmente il più bel boxer realizzato dalla casa tedesca. Finora, almeno.

La forza del boxer

Ad ogni colpo di gas  questo motore dà un gusto unico: i suoi 110 CV  sono puro divertimento, pronti a scalciare all’apertura del cancelletto e spingere con vigore. E non importa se intorno ai 5.000 giri c’è una lieve flessione, questo boxer ha una schiena tale che quando si va a richiamare il gas i due grossi pistoni spingono, riempiendoti la pancia di soddisfazione. Le sinapsi s’illuminano come un albero di natale e il cervello carica il corpo d’adrenalina. Ci sono anche le vibrazioni al manubrio  quando si sta a gas costante attorno ai 5.000 giri e per il passeggero lo spazio è risicato, ma chi non ha difetti scagli la prima pietra. E poi, se restano “ucci”, contribuiscono a rendere la moto viva, “umana”. Ma la R nineT  non è solo motore, anche se da solo, il boxer, fa il 70% del divertimento. Al resto ci pensano la posizione in sella caricata sull’avantreno per “sentire” la ruota anteriore, il manubrio largo (segreto della maneggevolezza delle boxer tra i tornanti) e la ciclistica, aggiornata lo scorso anno con l’introduzione di una forcella tutta regolabile (prima non lo era). In verità sono arrivati anche ritocchi estetici come le grafiche e finiture affinate, che ne hanno alzato la qualità e pure il prezzo: la versione “21”  del servizio non costa poco, però strappa sguardi a ogni passaggio e fa crescere l’autostima di chi guida. Con la ciclistica aggiornata , la nineT ha guadagnato sostegno nella guida spinta: ora si può sfruttare appieno tutto il potenziale dei dischi freno, la forcella affonda con progressione e non si estende troppo in fretta, permettendo una guida svelta, rassicurante ed efficace. È cresciuto anche il feeling con l’avantreno a moto piegata: si entra in curva con ancora i freni in mano, senza paura di sorprese. L’importante è non esagerare, perché se la si violenta o la strada non è in buone condizioni, le sospensioni finiscono per avere risposte un po’ secche.

Per tutti i gusti

Sempre lo scorso anno, insieme a lei, la casa tedesca ha lanciato altre tre versioni, la R nineT Pure, la R nineT Urban G/S e la R nineT Racer, la sorella semicarenata di queste pagine. Realizzata sulla base della R nineT Scrambleraffusolata come un siluro, lunga quasi da non arrivare ai semimanubri, questa sportiva si rifà a quegli esercizi aerodinamici tanto in voga negli anni del bianco e nero, quando i pionieri della velocità sfrecciavano lungo il lago salato di Bonneville.

Bella è bella, la Racer: la carena sembra integrata con il serbatoio, così come la curva del plex va idealmente a unirsi con quella del codino, mentre la colorazione “motorsport” fa subito sognare pieghe e gas in quantità. Quando ci si sale in sella, però, spiazza tutti: per lei BMW ha disegnato un’ergonomia davvero particolare. Le pedane sono alte e arretrate, e va bene, ma i due manubri sono bassi e avanzati da non aver senso, se non quello di obbligare il pilota a spalmarsi lungo il serbatoio per restare dentro a un cupolino che protegge poco. Viene subito voglia di parcheggiarla: a passeggio la Racer risulta ostica anche al più snodato dei motociclisti, la schiena inizia a borbottare dopo un paio di semafori e le gambe perdono piano piano la capacità di estendersi: la superbike BMW S 1000 RR è molto più ospitale, in confronto. Di buono c’è che i polsi non sono così caricati e il motore è un mostro di dolcezza che accompagna con un filo di gas senza aggiungere altro stress al pilota. Tra le curve, poi, il riscatto. Quando c’è finalmente da piegare e dare un po’ di gas, la Racer diventa un cavallo di razza, la posizione in sella accentua la libidine della piega mentre lei va giù con una discreta rapidità, pennella traiettorie precise, resta stabile e sfoggia un avantreno affidabile. In questo è una vera nineT. La forcella è morbida e affonda parecchio in staccata, anche per via dell’impianto frenante, sì dosabile ma pure bello potente. Se si guida tondi, senza le forzature che la nineT permette, la Racer finisce per non dispiacere. Però solo nel suo habitat naturale, perché appena il ritmo scende o le curve diventano dritte, tutto il suo bello svanisce in un lampo. Ecco perché tra le due BMW, è la R nineT a strappare il biglietto vincente.

Dati Tecnici

 
BMW R nineT ABS
BMW
R nineT ABS
BMW R nineT Racer ABS
BMW
R nineT Racer ABS

Motore

2 cilindri boxer 2 cilindri boxer

Raffreddamento

Aria/Liquido Aria/Liquido

Alesaggio corsa

101x73 101x73

Cilindrata (cc)

1170 1170

Rapporto di compressione

12:1 12:1

Distribuzione

2 assi a camme in testa 2 assi a camme in testa

Alimentazione

Iniezione Iniezione

Serbatoio (litri/riserva)

17 lt 17 lt

Frizione

Secco Secco

Telaio

Traliccio Traliccio

Materiale

Acciaio Acciaio

Sospensione ant/regolazioni

Forcella rovesciata Forcella telescopica

Sospensione post/regolazioni

Forcellone monobraccio Forcellone monobraccio

Escursione ruota ant/post

12/12 mm 12,5/12 mm

Pneumatico ant/post

120/70-17";180/55-17" 120/70-17";180/55-17"

Freno anteriore

Doppio disco con ABS da 320 mm Doppio disco con ABS da 320 mm

Freno posteriore

Disco con ABS da 265 mm Disco con ABS da 265 mm

Lunghezza

2110 mm 2105 mm

Altezza sella

805 mm 805 mm

Interasse

1487 mm 1491 mm

Peso a secco

200 kg 198 kg

Potenza max/giri

81 kW (110,1 CV) a 7750 giri 81 kW (110,1 CV) a 7750 giri

Coppia max/giri

116 Nm (11,8 kgm) a 6000 giri 116 Nm (11,8 kgm) a 6000 giri

Prestazioni

Curva di accelerazione

Condizione della prova

Cielo
Vento
Temperatura aria
Pressione atmosferica
Temperatura asfalto

Rilevamenti

 
BMW R nineT ABS
BMW
R nineT ABS
BMW R nineT Racer ABS
BMW
R nineT Racer ABS

RILEVAMENTI

Velocità a 1500 m con partenza da fermo (tempo) 221,6 km/h (31,0 s) 224,9 km/h (30,7 s)

ACCELERAZIONE

0-400 m 12,2 s (186,3 km/h) 12,2 s (187,1 km/h)
0-1000 m 22,8 s (216,3 km/h) 22,7 s (219,4 km/h)
0-90 km/h 3,7 s (47,9 m) 3,7 s (47,2 m)
0-130 km/h 5,9 s (113,9 m) 6,0 s (115,8 m)

PROVA SORPASSO (nella marcia più alta)

80-130 km/h 5,1 s (149,8 m) 4,8 s (139,3 m)

FRENATA (compreso tempo di reazione convenzionale pari a 1 s)

130-80 km/h 2,4 s (76,3 m) 2,5 s (79,5 m)
50-0 km/h 2,7 s (23,5 m) 2,7 s (24,0 m)

CONSUMO

Urbano 15,6 km/l 15,8 km/l
Extraurbano 20,8 km/l 20,8 km/l
Autostrada (130 km/h indicati) 15,5 km/l 18, 5 km/l

PESO

In ordine di marcia e serbatoio pieno 220,0 kg 221,5 kg
Distribuzione masse senza conducente (% ant./post.) 50/50 51/49
Distribuzione masse con conducente (% ant./post.) 45/55 47/53

Pagelle

 
BMW R nineT ABS
BMW
R nineT ABS
BMW R nineT Racer ABS
BMW
R nineT Racer ABS

Motore

4.0
4.0

Prestazioni

0.0
0.0

Trasmissione

4.0
4.0

Elettronica

3.5
3.5

Optional

0.0
0.0

Dotazioni di serie

3.5
0.0

Prezzo

3.0
3.5

Qualità

4.0
3.5

Capacità di carico

3.0
2.5

Comfort

0.0
0.0

Ergonomia

3.5
0.0

Versatilità

2.0
3.5

Freni

4.0
4.0

Sospensioni

4.0
3.0

Guida Off Road

0.0
0.0

Guida su strada

4.0
3.0

Pregi e difetti

 
BMW R nineT ABS
BMW
R nineT ABS
BMW R nineT Racer ABS
BMW
R nineT Racer ABS

PREGI

guida, motore Design, motore

DIFETTI

comfort passeggero Posizione di guida, protezione cupolino

Gallery

BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia
BMW R nineT VS R nineT Racer: sfida in famiglia

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • astocchino
    Possiedo una NineT, è una gran moto! Peccato che il telaio si arrugginisca.

Listino

Correlate

Annunci usato