Cerca

Seguici con

Prove della redazione

F.B. Mondial HPS 125 2017/0

Alfredo Verdicchio il 20/11/2017 in Prove della redazione
F.B. Mondial HPS 125  2017/0
F.B. Mondial HPS 125 2017/0
124,2 cc / 10 kW (13,6 CV) / 1 cilindro / Euro4
€ 3.990 c.i.m.

Per i sedicenni più stilosi ecco una moto dal design moderno, sportivo e allo stesso tempo non privo di richiami al passato. Ruote a raggi e gomme leggermente tassellate come impone la moda, doppio scarico alto in stile scrambler, prezzo interessante

Mondial. In tempi in cui il bianco e nero imperversava e le macchine erano esperimenti epici lanciati verso il futuro, la Casa italiana fu una di quelle che scrisse la storia del motociclismo mondiale della prima meta` del '900. Poi, il ritiro dalle corse nel 1957 (insieme a Moto Guzzi e Gilera) e, come spesso e` accaduto nel nostro bel paese, un lento cammino verso l'oblio, per poi tornare e di nuovo scomparire nella prima meta` del duemila. In seguito il nulla, fino a quando, due anni fa, Cesare Galli (proprietario della Pelpi International) e il conte Pier Luigi Boselli (proprietario del marchio), si sono stretti la mano e ridato vita alla FB Mondial. Sodalizio di cui abbiamo poi visto il primo frutto a EICMA 2015, dove hanno presentato la HPS 125 (con HPS che sta per Hipster). Da allora, la piccola ottavo di litro e` diventata un'interessante realta`: rispetto alla maggior parte delle sue concorrenti dal taglio modern-vintage che impazza in questi ultimi anni, sfrutta soluzioni ciclistiche dal taglio sportivo e un moderno motore raffreddato a liquido, invece di un piu` classico – e scontato – raffreddato ad aria. Il monocilidrico in questione e` un'unita` di derivazione Piaggio (viene infatti fornito da ZPFM, Zongshen-Piaggio-Foshan Motorcycle), gia` visto su alcune produzioni del gruppo di Pontedera, ma realizzato seguendo alcune specifiche richieste da parte di FB Mondial. A parte alcune finiture realizzate in economia sparse qua e` la` (vedi la fusione del basamento motore, oppure la fresatura delle pedane o ancora le finte cromature che ornano il serbatoio, tutto in linea con il prezzo di vendita contenuto), la Hipster 125 sfoggia comunque un fascino particolare e ben distinto dalla massa, una buona verniciatura, un abbinamento cromatico dal forte sapore sportivo (rafforzato dalla presenza di una forcella a steli rovesciati e dalla pinza freno anteriore ad attacco radiale) che, tutti insieme, riescono a farle riscuotere un certo successo ai semafori o una volta sul cavalletto. Unico limite e` che gli sguardi che attira sono quasi esclusivamente di persone adulte e non di giovani leve motociclistiche. Peccato, perche´ la HPS ha tutte le carte in regola per "spaccare" anche tra i sedicenni!

Tanto gusto

La Hipster 125 non e` solo bella da vedere, ma anche da guidare. Piccola, compatta e leggera tra le gambe, questa 125 piace sin dai primi metri perche´ e` facile, intuitiva, maneggevole. E in piu`, in sella non fa sentire come l'orso sulla graziella, anche se si e` alti 180 cm: certo, le gambe sono rannicchiate, ma nemmeno poi cosi` tanto. Il manubrio basso porta a tenere il busto leggermente caricato in avanti, ma i polsi non soffrono piu` di tanto. Anzi, questa posizione ad ogni rotonda o svolta invoglia alla piega, cosi` come lo fa la buona rapidita` della Hipster a fiondarsi dentro le curve e a chiudere le traiettorie senza mai avere reazioni nervose da parte dell'avantreno. Che, nella sua semplicita`, offre un buon feeling in ogni situazione di giuda. La forcella, priva di regolazioni e tarata sul morbido, riesce a filtrare buona parte delle imperfezioni stradali e allo stesso tempo regalare anche una piacevole precisione di guida e un sostegno convincente in frenata. Questo grazie in parte al buon funzionamento della sospensione e per il resto alla scarsa efficacia dell'impianto frenante anteriore, tanto bello da vedere quanto di poca sostanza. Mancanza di performance da imputare non solo al disco e le pastiglie, ma soprattutto alla pompa del comando al manubrio, decisamente non all'altezza: se a ritmo blando e in assenza di pericoli improvvisi tutto sommato il freno anteriore non dispiace, in caso di rallentamenti importanti la leva va direttamente a fondo corsa senza che aumenti la morsa sul disco e la moto deceleri di piu`. Molto piu` convincente, invece, e` il motore: il piccolo monocilindrico ha 13,6 CV dichiarati dalla Casa alla ruota, quasi non vibra, e` bello brillante nelle marce corte e dai 4.000 giri in poi sfoggia anche un allungo piacevole, con un'erogazione priva di buchi e incertezze. E, in piu`, consuma poco: 26 km/l in citta`.

Dati Tecnici

 
F.B. Mondial
HPS 125 2017/0

Motore

1 cilindro, 124,1 cc, alesaggio x corsa 58 x 47 mm, raffreddamento a liquido, rapporto di compressione 12:1, distribuzione bialbero a camme in testa, 4 valvole per cilindro, iniezione elettronica con corpo farfallato da 32 mm, lubrificazione a carter umido

Trasmissione

finale a catena; frizione multidisco in bagno d'olio con comando meccanico; cambio a 6 rapporti

Ciclistica

telaio a doppia culla in tubi d'acciaio, inclinazione cannotto di sterzo 26°, avancorsa 107,25 mm; forcella rovesciata da 40 mm non regolabile; forcellone in acciaio e doppio ammortizzatore regolabile nel precarico della molla; escursione 97/120 mm

Dimensioni

lunghezza 2.025, larghezza 710, interasse 1.360, altezza sella 780, serbatoio da 9,5 lt, peso a secco 126 kg

Prestazioni

10 kW (13,6 CV) a 9.750 giri, 10,5 Nm (1,07 kgm) a 8.000 giri

Prestazioni

Il commento del centro prove

La FB Mondial HPS 125 adotta un monocilindrico raffreddato a liquido poco prestante nello stacco da fermo e piu' propenso a dare il meglio di se' negli allunghi. Il suo funzionamento regolare e la giusta rapportatura del cambio gli permettono di far segnare numeri di tutto rispetto alla voce "consumi", comunque in linea con il segmento di appartenenza. A deludere, invece, sono i risultati della prova relativa alla frenata: l'impianto anteriore non solo e' sottodimensionato dal punto di vista della potenza decelerante, ma in piu' ha il comando al manubrio che va subito a fondocorsa. L'impianto frenante non e' dotato di ABS, ma solo di un sistema combinato anteriore/posteriore come permette la normativa Euro4.

Curva di accelerazione

F.B. Mondial HPS 125  2017/0

Condizione della prova

Cielo coperto
Vento 1,2 m/s
Temperatura aria 3,2°C
Pressione atmosferica 1.009 mb
Temperatura asfalto 6,6°C

Rilevamenti

 
F.B. Mondial
HPS 125 2017/0

RILEVAMENTI

Velocità a 1000 m con partenza da fermo (tempo) 96,9 km/h (43,7 s)

ACCELERAZIONE

0-400 m 21,3 s (93 km/h)
0-1000 m 43,7 s (96,9 km/h)
0-50 km/h 4,6 s (37,5 m)
0-90 km/h 18,1 s (318,6 m)

PROVA SORPASSO (nella marcia più alta)

50-90 km/h 27,4 s (553,3 m)

FRENATA (compreso tempo di reazione convenzionale pari a 1 s)

90-50 km/h 2,5 s (53,9 m)
50-0 km/h 2,8 s (25,8 m)

CONSUMO

Urbano 26 km/l
Extraurbano 29,5 km/l

PESO

In ordine di marcia e serbatoio pieno 138 kg
Distribuzione masse senza conducente (% ant./post.) 50/50
Distribuzione masse con conducente (% ant./post.) 46/54

Pagelle

 
F.B. Mondial
HPS 125 2017/0

In sella

3.0

La moto e' bassa e compatta, ma l'ergonomia di seduta e' ben congeniata anche per persone alte 180 cm, anche se le gambe restano raccolte. Bene il busto, leggermente inclinato verso il manubrio.

Comfort

3.0

Manca un cupolino e la sella e' poco imbottita, pero' e' anche vero che la posizione in sella non stanca e le sospensioni fanno un buon lavoro, filtrando buona parte dei colpi.

Dotazioni

3.0

E' una entry level nel prezzo e nella cilindrata, il che significa pochi fronzoli, tanta sostanza. Il motore a liquido, i due freni a disco e le sospensioni che convincono bastano e avanzano. La frenata e' CBS.

Qualità percepita

2.0

Se ci si tiene a debita distanza e' un moto che attira gli sguardi. Avvicinandosi si scoprono alcune finiture non all'altezza del design (vedi la fusione del basamento motore e le fresature sulle pedane).

Capacità carico

1.0

Sotto la sella c'e' spazio solo per i documenti. Il piano di seduta non e' abbastanza lungo da garantire due posti comodi... ma ricordiamo che solo un conducente maggiorenne puo' trasportare il passeggero.

Motore

4.0

Il mono raffreddato a liquido e' il pezzo forte della Hipster. Vibra ma non eccessivamente, nelle prime tre marce e' discretamente pronto e poi offre un’erogazione lineare e un allungo piu' che discreto.

Trasmissione

3.0

Il comando della frizione offre un buon feeling e il cambio risulta abbastanza preciso, rapido e con i rapporti ben spaziati tra loro.

Sospensioni

3.0

Pur non essendo una 125 "premium", la Hipster gode di una buona forcella, che non va a pacco nelle staccate e non soffre sulle buche. Leggermente piu' secca la risposta degli ammortizzatori.

Freni

2.0

A velocita' urbane nulla da ridire. Quello anteriore non convince, invece, quando si va a spremerlo forte: manca di mordente e dopo due pinzate il comando al manubrio perde tonicita', andando a "fondo corsa".

Su strada

4.0

Il motore brillante, le dimensioni compatte e il peso contenuto ne fanno una moto davvero divertente: tra le curve e nei cambi di direzione e' piuttosto svelta. In piu', e' precisa nel disegnare le traiettorie impostate.

Versatilità

2.0

E' una naked di piccola cilindrata, quindi perfetta per l'uso cittadino ed extraurbano di breve raggio.

Prezzo

3.0

Il rapporto prezzo-estetica-piacere di guida e' buono, mentre perde qualche punto alla voce niture. Alla fine si merita un "discreto".

Gallery

F.B. Mondial HPS 125 2017/0
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Listino

F.B. Mondial

F.B. Mondial

HPS 125