Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Anteprime

Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO

Matteo Velano il 25/08/2022 in Anteprime
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Chiudi

Con questa bella sportiva disegnata in Italia, Vmoto pare aver trovato la ricetta per convertire all’elettrico anche i sedicenni. Ecco le prime impressioni

Nel mondo dei due ruote elettrici, farsi notare è sempre più difficile. Ci hanno provato con linee futuristiche o rétro, classiche o azzardate: a volte anche con successo, sempre però nel campo degli scooter in quello delle moto di alte prestazioni. Quel che manca ancora è una proposta elettrica a misura di sedicenne, anche nel listino: perché le maxi depotenziate ci sono... ma non sono depotenziate nel prezzo.

A cimentarsi con un pacchetto dimensioni-prestazioni-costi allineato a quello di una attuale 125 4T ci prova per prima Vmoto Soco, che all’ultimo Eicma ha fatto sensazione con la Stash. Disegnata dall’atelier sanmarinese C-Creative guidato da Adrian Morton, a lungo responsabile dello stile MV Agusta, la Stash è sembrata la prima moto elettrica capace di scaldare i cuori dei sedicenni; purtroppo però la decisione di elevare le prestazioni del powertrain elettrico (da 6 a 8 kW kW ha allungato di molti mesi i tempi di sviluppo, e l’arrivo sul mercato è ora fissato a inizio 2023.

Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO

Vmoto Stash

Vmoto: piccola ma arrembante

Dietro la Stash c’è un’azienda ancora giovane, ma piuttosto solida. Incorporata in Australia, Vmoto ha però un’anima cinese e stabilimenti a Nanjing. È specializzata nella produzione di veicoli per la mobilità urbana, con una rete di distribuzione globale in più di 65 Paesi, un fatturato di 60 milioni di euro nel 2021 e una forte crescita: 40.000 veicoli nel 2021, previsioni di 60.000 nel 2022 e 120.000 nel 2024. Ancora pochi per il mercato asiatico, ma in coerenza con la scelta di produrre veicoli premium con i tre marchi Vmoto (con un posizionamento premium in Asia e dedicato al mercato globale dei consumatori), Super Soco (dedicato ai mercati occidentali e a un pubblico più giovane e dinamico) ed E-max (dedicato al mondo professionale).

Per sostenere questa crescita, Vmoto si è fatta vedere in MotoGP e in SBK, fornendo i suoi scooter elettrici a Ducati Corse e al team Aruba.it Ducati, e ha avviato una produzione specifica per la consegna a domicilio, come le flotte Go Sharing, Domino’s Pizza e KFC. Centrale il mercato europeo, dove Vmoto ha due centri nevralgici: uno ad Amsterdam, per la logistica e il servizio clienti, e uno a Milano che si occupa delle attività di marketing, comunicazione e design dei nuovi modelli. A capo di questa realtà c’è il vulcanico Graziano Milone, che ci ha invitato in Toscana per una singolare accoppiata: un giorno di giri liberi al Mugello con le moto in pista e un giorno di test degli scooter elettrici. Un approccio anticonvenzionale che dà subito l’idea di quanto liberamente ragioni questa azienda.

Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO

Compatta e leggera

Eccoci quindi in un piazzale fuori dall’autodromo dove possiamo guidare una versione prototipale della Stash: qualche rettilineo e poche curve, utili però a mostrare la grinta di questa moto anche in confronto alle sorelle TC Wanderer e TS Street Hunter, due moto L3 dalle prestazioni più modeste. Rispetto a queste ultime, si avverte subito uno spunto maggiore: lo scatto è molto pronto e anche le possibilità di allungo in velocità sono a livello di una 125 4T. La posizione in sella è comoda e le dimensioni sono maggiori rispetto alle sorelle, poco adeguate alla stazza di un sedicenne occidentale. Qui l’abitabilità è adeguata, a patto di non avere un fisico da nuotatore perché la moto resta compatta e l’altezza sella è contenuta in 785 mm. 

Il motore da 8 kW è collocato nel mozzo ruota posteriore, soluzione di solito riservata a veicoli di basse prestazioni a causa dei suoi limiti dinamici (innalzamento delle masse non sospese), specie al crescere della potenza e quindi del peso del motore. Nel corso del nostro breve test, sempre su asfalto molto liscio, non è però emersa alcuna criticità, anche in virtù di un peso generale contenuto.

Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO

Ciclistica tradizionale

La scelta del motore-ruota ha comunque consentito di abbassare la batteria liberando spazio nella parte superiore della moto e ricavando nel finto serbatoio un vano abbastanza grande da contenere un casco integrale. Un occhio alla praticità quindi, oltre a uno stile davvero accattivante con il frontale aggressivo, il codino sfuggente e il motivo a “turbina” che alleggerisce la vista laterale dove le estese carene coprono la parte elettrica.

Tradizionale la ciclistica con telaio in acciaio, forcella rovesciata e monoammortizzatore centrale senza leveraggio. Ruote da 17” con freni a disco e pneumatici decisamente agili: 100/80 davanti e 120/70 dietro. Non manca un cruscotto LCD per controllare la parte elettronica, con 3 livelli di potenza.

Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO

Un pacchetto inedito

Nel corso del nostro breve test abbiamo apprezzato la bella spinta del propulsore, che permette di distanziare rapidamente le sorelle TC e TS; la velocità di punta promessa è di 120 km/h. La batteria da 7,2 kWh permette di percorrere circa 110 km in un uso misto: in città è probabile, fuori forse si scende a 70-80 km, ma l’autonomia è comunque sufficiente. La ricarica richiede circa 6 ore con una normale presa Schuko.

La Vmoto Stash è insomma davvero interessante: per le sue prestazioni, per la sua versatilità ma soprattutto perché rappresenta il primo mezzo capace di sedurre i sedicenni appassionati di moto, mentre per i quattordicenni in cerca di uno scooter l’elettrico è ormai la prima scelta. Certo molto dipenderà anche dal prezzo, che si annuncia però competitivo. Non resta che attendere la versione definitiva, si spera in occasione di EICMA 2022.

Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO
Vmoto Stash: l'oggetto del DESIDERIO

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.