Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Anteprime

KTM RC 390: easy jet

Stefano Gaeta il 09/09/2021 in Anteprime
KTM RC 390: easy jet
Chiudi

Ancora più aggressiva nel look ma sempre facile nell’approccio, la piccola racer ktm è a suo agio in strada come in pista. Arriverà in primavera a un prezzo ancora da definire

KTM RC 390: easy jet

KTM RC 390

La nuova KTM RC 390 è quel che si dice “fare le cose per bene”. Già, perché a Mattighofen si sono impegnati al massimo per offrire un prodotto davvero curato, dal design che attira gli sguardi – e divide i giudizi, come spesso succede alle moto disegnate da Kiska – e dalla resa dinamica particolarmente efficace, sia che si tratti di guida su strada che tra i cordoli di un tortuoso circuito. La piccola austriaca, insomma, fa per bene davvero molte cose.

KTM RC 390: easy jet

era già la più sofisticata della categoria, ma con il my22 la rc 390 fa un ulteriore balzo avanti

TUTTA NUOVA

C’è molto di nuovo nella RC 390, ma non il motore che rimane il collaudato monocilindrico da 373 cc, bialbero in testa a 4 valvole con levette oscillanti e riporto DLC: eroga 44 CV a 9.000 giri con una coppia massima di 37 Nm 2.000 giri più in basso. Identico cuore, nuovi polmoni: l’airbox della RC 390 cresce di ben il 40% per far respirare meglio il mono.

Per rendere la piccola Supersport appetibile ad una più ampia fascia di clientela possibile, i tecnici austriaci si sono focalizzati su obiettivi specifici, lasciando al centro del progetto una resa dinamica da riferimento. Quando si rinuncia a potenze importanti, le prestazioni sono figlie di pesi particolarmente bassi: di qui una dieta ferrea, cominciare dal nuovo telaio a traliccio, con telaietto posteriore separato e spessore dei tubi ridotto per risparmiare il primo chilo e mezzo. Più leggero ma anche più flessibile, per un miglior feeling di guida. Incredibile la riduzione del peso dei cerchi, che fanno scendere l’ago della bilancia di tre chili e mezzo; qualche colpo di lima anche ad altri componenti, come il disco anteriore privo di flangia centrale. Alla fine il risultato è notevole: 164 chili (dichiarati) con il pieno di carburante, nonostante l’aggravio di peso conseguente all’omologazione Euro5.

Importanti passi avanti delle sospensioni, dove arriva il pacchetto WP Apex: forcella da 43 mm regolabile nella compressione e nel ritorno, mono regolabile nel precarico e nel ritorno. Perfezionato anche il comparto elettronico, che oltre al comando del gas ride by wire – unica moto del segmento a poterlo vantare – vede l’introduzione di una piattaforma inerziale a tre assi che gestisce il traction control, escludibile ma non regolabile, e l’ABS cornering. Quest’ultimo si può disinserire al posteriore impostando la mappa “Supermoto” consigliata per la guida in circuito.

Le nuove carene dal frontale più grande e protettivo rendono la RC 390 decisamente più attuale, grazie anche a un codino che più sottile non si può. L’impianto di illuminazione è full LED, con la bella soluzione delle frecce anteriori integrate ai lati del faro. Aumentata la capacità del serbatoio, che arriva a poco meno di 14 litri.

KTM RC 390: easy jet

non richiama più di tanto la rc16 da motogp: dal punto di vista stilistico, la rc 390 va per la sua strada

KTM RC 390: easy jet

Il suo pezzo forte sono gli ingressi in curva fulminei e i cambi di direzione, fatti con il solo pensiero

È SEMPRE LEI

Una volta in sella notiamo poche differenze rispetto alla vecchia 390. Sul MY 2022 è però interessante la possibilità di regolare altezza e inclinazione dei semimanubri, oltre che la distanza delle leve. Ci immettiamo nel traffico, dove la RC si muove con l’agilità che ti aspetti, forte di una frizione morbida e di un quickshifter efficace anche a basso numero di giri. Il mono austriaco eroga la sua potenza in maniera lineare, senza evidenti cambi di carattere anche se intorno ai 6.000 giri indicati la spinta inizia a farsi più corposa. La risposta del RBW è sempre puntuale, e abbastanza priva di on-off nonostante l’intrinseca reattività dei monocilindrici. Nelle strade a scorrimento veloce la 390 austriaca corre rapida con prestazioni più che godibili, regalando al pilota una valida protezione aerodinamica ma anche qualche vibrazione sulle pedane e nel punto di raccordo tra serbatoio e sella.

La KTM si dimostra sempre rigorosa e precisa nel rispondere ai comandi del pilota, con un setting di base delle sospensioni orientato al confort; motivo per cui, alla prima sosta, interveniamo sui pratici registri per incrementare un po’ il sostegno della forcella; come ci ha abituato WP, le sospensioni sentono efficacemente le regolazioni e la RC 390 diventa subito più controllata nelle reazioni quando il manto stradale non è particolarmente levigato. Il suo pezzo forte sono gli ingressi in curva fulminei e i cambi di direzione, fatti con il solo pensiero. Basta davvero uno spostamento millimetrico del busto per variare all’istante il grado di inclinazione in curva: una lama calda di coltello in un panetto di burro... Il disco singolo anteriore è all’altezza delle aspettative, e l’intervento dell’ABS non si fa quasi mai notare.

KTM RC 390: easy jet

Nella guida in pista la racer austriaca regala sorrisi a profusione, con il motore che non si fa pregare a salire verso il limitatore senza cali di spinta

IN PISTA: troppo gusto!

Appena rientrati alla base moriamo dalla voglia di scatenarci in pista a mente sgombra. Le enormi potenze delle ultime hypersport ci mettono sempre un po’ di apprensione, mentre oggi la prospettiva è di godere fino all’ultimo grammo del DNA “Ready to Race” della piccola orange. DNA che emerge anche da dettagli come la facilità di rimuovere gli specchi e addirittura l’intero telaietto portafaro, per scongiurare costosi danni in caso di scivolata.

Il tracciato di Modena comprende diverse curve strette, ed è perfetto per divertirsi in sella alla RC 390. Bastano un paio di passaggi per mandare in temperatura le Continental Road e iniziare con le montagne russe. Nella guida in pista la racer austriaca regala sorrisi a profusione, con il motore che non si fa pregare a salire verso il limitatore senza cali di spinta. Se strapazzato tra i cordoli il quickshifter diventa invece meno efficace, al punto che in scalata spesso usiamo la frizione.

La velocità in percorrenza è l’arma principale della RC 390, che permette pieghe da capogiro con le sospensioni che comunicano sempre alla perfezione quanto succede sotto alle ruote. Nelle chicane strette la KTM cambia direzione quasi più in fretta di quanto si riesca ad assecondarla con il corpo: una vera saetta, ma con un anteriore sempre rigoroso. Anche portata al limite, la RC 390 rimane progressiva e non mette mai in difficoltà il pilota con repentine perdite di aderenza. Gran parte del merito va ascritto al perfetto connubio telaio-sospensioni, che regala una guidabilità e un feeling davvero da riferimento. Nessun segno di cedimento dei freni, anche dopo diversi turni.

Un importante passo avanti quindi per la nuova KTM RC 390, che conferma e migliora un livello di fruibilità che le permette soddisfare un’ampia fetta di appassionati. Che troveranno in lei una valida alleata sia nelle scorribande sui passi montani che nei track day.

KTM RC 390: easy jet
Il radar
Nella non molto affollata categoria delle sportive stradali la RC 390 ha sempre occupato un po’ un posto a sé per la cura costruttiva, le prestazioni e le dotazioni. Con traction control e ABS cornering fa un altro salto avanti, e anche se il RbW non porta con sé i riding mode (superflui con 44 CV) ci sono il quickshifter e il cruscotto interfacciabile con smartphone: nessuna ha dotazioni come lei, tanto di serie quanto in opzione. Ovviamente non spicca la capacità di carico, ma KTM di solito propone almeno un set di borse morbide per i viaggi, che l’ampia carenatura e la potenza del motore mettono alla portata: le 250 e 300 4T di solito viaggiano a limitatore in autostrada, lei ha ancora una bella riserva di potenza. Insomma davvero una moto con molte frecce al suo arco, senza timori reverenziali né in strada né in pista anche vicino a moto più potenti. Il nostro radar tondeggiante rende merito a un progetto curato e ben fatto, che non trascura ergonomia e comfort e regala una buona versatilità. Non possiamo esprimerci sul prezzo: l’attuale versione costa 6.315 euro c.i.m., è lecito attendersi un ritocco verso l’alto, crediamo senza superare i 7.000 per questa piccola che da tanti punti di vista fa il lavoro di una media.
Pregi e difetti

Pregi

  • Prestazioni
  • Fruibilità

Difetti

  • Vibrazioni
  • Qualche finitura
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet
KTM RC 390: easy jet

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato