Cerca

Seguici con

Anteprime

Ducati Scrambler Icon

Giovanni Cavallo il 19/09/2018 in Anteprime

Con pochi e mirati aggiornamenti, la nuova Scrambler Ducati si conferma una moto piacevole e divertente da guidare. In vendita a partire da 9.240 euro chiavi in mano (200 euro in più di prima)

Ducati Scrambler Icon
Chiudi

La Scrambler Ducati è stata un successo fin dall’anno del suo debutto, avvenuto nel 2015. Merito di quel nome inciso sul serbatoio che appartiene alla storia Ducati, certo, ma anche e soprattutto di chi a Borgo Panigale ci ha creduto: hanno creato non solo una moto, ma un vero e proprio brand nel brand. Scrambler Ducati oggi è un modello amato, ma è anche una linea di abbigliamento, una scuola di guida e un modo alternativo di vivere la moto. L’evoluzione non si ferma mai e per il 2019, la Scrambler si rinnova: un piccolo lifting estetico e meccanico. 

Uno sguardo ringiovanito

Nei giorni scorsi vi avevamo anticipato le novità, ma prima di dirvi come si guida facciamo un riassunto. Partiamo da ciò che si vede: il faro della Scrambler è tutto nuovo e ora sfrutta la tecnologia LED con sistema DRL, proprio come gli indicatori di direzione, a spegnimento automatico. La strumentazione ora indica la marcia inserita e il livello del carburante, la cover del silenziatore è stata ridisegnata e il serbatoio ha guance più pronunciate. I cerchi hanno speciali lavorazioni a vista e il motore è verniciato di nero con alette spazzolate.

 

Novità nascoste

Quello che non si vede, invece, è che le sospensioni hanno una nuova taratura di molle e idraulica, più confortevole nella prima parte di escursione, e il telaietto posteriore è stato rinforzato per ospitare un inedito top case (optional). Il motore non cambia: bicilindrico a L raffreddato ad aria capace di 73 CV a 8.250 giri e 67 Nm, ora sfrutta una frizione idraulica (prima a cavo) che si aziona da una leva adesso regolabile. Anche il telaio è identico: è un traliccio in acciaio con quote facili, 1.445 mm d’interasse e cannotto inclinato di 24°. Lo scarico invece è stato ridisegnato e ha una cover diversa. Novità assoluta per il segmento è l’ABS Cornering, sulla Scrambler offerto di serie e fornito da Bosch. Infine, la sella è stata ridisegnata per ospitare meglio pilota e passeggero: è più piatta e larga che in passato.

La nuova Scrambler Icon ha forme e volumi identici al passato, ma grazie a questo lifting leggero risulta più moderna e graziosa. Il nuovo faro le dona un’aria più personale e illumina meglio, il motore a tinta unita è più elegante. E si apprezzano anche le novità ergonomiche, come la sella meno rigida e le leve entrambe regolabili. Per il resto, tutto (piacevolmente) come in passato. Sella bassa, manubrio largo e rialzato, che regala una bella sensazione di controllo. Anche perché la massa è contenuta (189 kg in ordine di marcia, + 3 kg) e posizionata in basso, per rendere la vita facile a chiunque. Ed è così: per manovrarla da fermo non servono bicipiti allenati e destreggiarsi nel traffico è un vero spasso.

La prova su strada

Pronti via, colpo di gas, il bicilindrico risponde subito, e il manubrio ampio garantisce un’ottima direzionalità: la Scrambler Icon si guida come una moto da enduro, solo più bassa. Ma è scappando dalla città, direzione colline, che la Scrambler mostra la sua versatilità offrendo al pilota un divertimento facile, immediato: il periodo di apprendistato non esiste. Si entra in curva sicuri, senza tirare staccate furibonde (non è il suo: per queste cose c’è la Monster) ma sfruttando la sua scorrevolezza. Che è ora accentuata da sospensioni meglio regolate rispetto al passato: la prima parte di escursione, morbida, digerisce qualunque ostacolo così l’assetto rimane piatto e la moto procede in traiettoria e chi guida si sente sicuro. Anche perché adesso è assistito da un ABS Cornering discreto ed efficiente e da un impianto frenante modulabile e potente quanto basta. Il bicilindrico d’altro canto ha buone carte da giocarsi: erogazione fluida, allungo deciso, sound gustoso. Va detto però che ai medi regimi, quelli largamente più utilizzati su strada, manca un po’ di forza, soprattutto se paragonato a bicilindrici più freschi. Dove la Scrambler mostra i suoi limiti è tuttavia nei tratti autostradali: la protezione è nulla e il busto eretto assorbe tutta l’aria. Per di più, oltre i 6.000 giri le vibrazioni al manubrio diventano compagne invadenti.

Disponibilità e prezzi

La nuova Ducati Scrambler Icon conferma le qualità del progetto, ma oggi è ancora più desiderabile (e confortevole). Basta a chi possedeva la precedente per staccare l’assegno? Staremo a vedere, ma chi l’ha sempre guardata con interesse, e senza sbilanciarsi, oggi ha qualche motivo in più per mettersela in garage. Sappiate che è disponibile gialla o arancione, e costa 9.240 euro chiavi in mano, solo 200 euro in più rispetto passato. Un prezzo interessante, ma destinato a salire parecchio se ci si lascia prendere la mano dai tanti accessori disponibili, pensati per personalizzarla.
Ducati Scrambler Icon
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • Pollopullo
    a me sembra - la solita Ducati Scrambler moto buona per un neofita danaroso e nulla di piu'

Correlate

Annunci usato