Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Anteprime

Nito Nes, nel segno del legno

di Christian Cavaciuti il 27/02/2017 in Anteprime

Nasce a Torino, da una startup con il design nel DNA, ed è il primo scooter a sfoggiare una originale pedana in legno. Linea azzeccata e buone prestazioni, il NES arriverà in estate; lo abbiamo guidato in anteprima

Nito Nes, nel segno del legno
Chiudi
L'azienda è nuova - tecnicamente una startup - e si chiama Nito, acronimo appunto di "Nuova Industria Torinese". Eredita la tradizione di una città che è arrivata a contare 120 costruttori di moto, ma dove nel 2015 non ne era rimasto nessuno.
Così un gruppo formato da entusiasti, designer e investitori tutti di area torinese hanno deciso di ripartire da zero: in particolare, dalle emissioni zero.

Con una gamma di veicoli a propulsione umana (bici e monopattini) ed elettrica: due ciclomotori, per ora, di cui il più interessante è senza dubbio il NES, presentato a Eicma dove ha raccolto molti consensi. L’approccio di Nito è pragmatico: analizzata la sterminata offerta sul mercato cinese, ha selezionato i dieci veicoli più interessanti e quindi scelto la componentistica migliore, mettendola al servizio di un design decisamente azzeccato, su cui si innesta un plus di finitura e assemblaggio artigianali made in Italy.

Il NES ha fatto parlare di sé per la pulizia delle forme e l’utilizzo del legno (compensato preformato nautico) per la pedana. Rappresenta in un certo senso quello che un designer vorrebbe fare in assenza di vincoli dal marketing, e il risultato è decisamente gradevole, sia per la pulizia della linea 'a virgola' che nasconde gli elementi tecnici (la batteria nel pianale, il motore nella ruota posteriore) sia per l’eleganza dei materiali e degli accostamenti cromatici. 

Dichiaratamente ispirato all’Honda Zoomer nella struttura, il NES è pensato per l’uso cittadino e in vacanza, e tra plastiche e legno permette di realizzare 72 combinazioni cromatiche diverse. Il motore da 4 kW è limitato a 45 km/h, ma con un’accelerazione ancora più brillante rispetto all’N3; la batteria, sempre a ioni di litio consente in questo caso una autonomia tra i 75 e gli 85 km e si ricarica in 4 ore circa. Nel nostro breve test, il NES ha mostrato una ciclistica sana, una buona distribuzione dei pesi e una disponibilità di coppia che non fa rimpiangere cilindrate ben superiori ai 50 cc. La seduta è forse un po’ infossata, ma lo spazio per le gambe è buono e il comfort, complici in questo caso le gomme "tonde" con spalla poco ribassata, è buono.

Il Nito NES sarà in vendita entro l'estate, a un prezzo di 4.750 euro, in una rete composta inizialmente da 12 dealer cui si affiancherà l’e-commerce. Il suo punto forte è indubbiamente il design: è un veicolo che annuncia da lontano la sua diversità e il suo essere elettrico. La parte tecnica passa come detto in secondo piano, ma l’omologazione è fatta in Italia a cura di Nito, e motore e batteria saranno garantiti 24 mesi. Con il NES, il piccolo pieghevole N3 e i prossimi veicoli che sta sviluppando, Nito vuole diventare il primo produttore di veicoli elettrici in Italia, superando anche chi ha le spalle più larghe. Vincerà la sua scommessa?

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.