Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Anteprime

Honda X-ADV, primo contatto!

di Simone Zaffaroni il 22/02/2017 in Anteprime

Un giro in Costa Smeralda, tra pieghe spettacolari e strade sterrate, per assaggiare l’attesissimo Honda X-ADV. Un po' scooter, molto moto e un po' off-road, è un mezzo che non esisteva, che si inventa una nuova categoria. Costa 11.490 euro f.c.

Honda X-ADV, primo contatto!
Chiudi
Il martello pneumatico spacca tutto. Luci gialle lampeggianti vi abbagliano. Lancinanti rumori tipo bip bip vi stordiscono. La macchina che rifà gli asfalti fuma come un demonio e vi impuzza la cravatta. Una pattuglia di vigili urbani devia il traffico. Insomma, vi stanno demolendo il passo carraio e voi non sapete come uscire dal box. In ufficio vi aspettano. Chiamate un taxi? Giammai. Con l’Honda X-ADV potete tentare il salto del marciapiede e la prova speciale tra i cavalletti messi lì per bloccare il traffico.

Chissà se chi si è inventato l’X-ADV pensava a scene di guerriglia urbana, dove esaltare le doti di uno scooter che ha molto di una moto e anche un po’ di un SUV. Ma perché poi bisogna dargli una definizione a tutti i costi? L’X-ADV è qualcosa di nuovo. Un mezzo che non esisteva. Punto.

E noi siamo qui a scoprirlo in una sorta di incontro ravvicinato del terzo tipo sulle strade della Costa Smeralda, al press test organizzato da Honda. Curve favolose, una temperatura che è un sogno in questo febbraio così freddo, una strada bianca che ci porta fino al mare. È il posto giusto. Quando ci sali ti sembra di essere su una moto.

A bordo, il colpo d’occhio sul ponte di comando è da Africa Twin: manubrio da cross color oro a sezione variabile, strumentazione alta messa lì davanti agli occhi come su una moto da rally, plex alto. I piedi si possono appoggiare sulla pedana, ai lati del tunnel, come se si fosse su un’Integra… ma c’è anche un’opzione di cui vi parleremo più avanti. Sotto la sella ci sta un casco da cross, con il frontino, e qui l’X-ADV strizza l’occhio allo scooterista.

Via, si parte, e si ritrova molto di quel mondo Integra/NC750 con il quale c’è parentela tecnica. Questo vuol dire un mezzo dalle geometrie motociclistiche, bello piantato e stabile nei curvoni veloci, ma anche agile. Anzi, decisamente agile negli slalom a bassa velocità, perché il manubrione largo e il fatto di “avere tanto sterzo” aiutano. Ma è nel misto guidato che emerge la sensazione prepotente di essere in sella ad una moto più che a un maxiscooter.

Il motore è il bicilindrico parallelo da 745 cc che ben conosciamo: 55 CV che ai bassi regimi sembrano di più, per la coppia “tutto e subito”. Grande spinta ai bassi e ai medi, poco allungo (la potenza massima è a 6.250 giri), consumi che – anche se non ne abbiamo preso nota – c’è da giurare che confermeranno gli sbalorditivi valori di questa famiglia. In parole povere, 30 e oltre km con un litro. Veri. Non prende i giri veloce, ma sale fluido e rotondo: un bel motore questo settemmezzo. Ovviamente è Euro4.

Anche il cambio automatico DCT lo conosciamo bene. Qui ha una particolare taratura che ritarda del 5% la cambiata (dato dichiarato da Honda). Insomma, tiene di più la marcia bassa. Le mappe disponibili sono quattro (D, S1, S2 e S3) oltre alla possibilità di usare il manuale (MT) con le palette al manubrio.

E ora la domanda che tutti si fanno. Ma l’X-ADV fuori dall’asfalto com’è? Beh, non ci sono controlli di trazione, quindi con un pizzico di malizia e una bella manata di gas si può anche metterlo di traverso! Certo poi bisogna fare i conti con il peso (239 kg con il pieno), che comunque è ben concentrato nella zona centrale del mezzo. Ma al di là dei pruriti enduristici di chi scrive, possiamo dire che può affrontare strade sterrate e anche qualcosa di più senza timori.

Grazie alle pedane "enduro" (optional) montate separatamente, si può infatti guidare in piedi, con un controllo totale. Il manubrio è fissato a degli alti riser e anche questo aiuta a mantenere una posizione attiva. Inoltre, l’accoppiata tra sospensioni ad escursione maggiorata (154 mm davanti, 150 dietro) e le ruote a raggi da 17" all'anteriore e da 15" al posteriore davvero non trova riscontro nel mondo scooter. Niente fondocorsa, si va via tranquilli e spensierati verso la spiaggia. Alto da terra e dotato di paracoppa, questo Honda non spancia al primo avvallamento. Figuriamoci la facilità con cui potrà scendere dai marciapiedi in città senza “toccare sotto”…

Unico appunto, l’ABS non escludibile: non ci sarebbe stato male un pulsante per disinserirlo, come sull’Africa Twin. Per questa prima incursione nel mondo di X-ADV è tutto, in futuro vedremo fin dove può avventurarsi. Per i dati tecnici in dettaglio potete leggere il nostro precedente articolo, cliccando qui!.

Il prezzo? Il listino parla di 11.490 euro f.c. e per i primi 1000 clienti ci sono bauletto e navigatore Tom Tom Vio in omaggio.
Honda X-ADV, primo contatto!
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • trex0309
    assurdo.... - ..da possessore Honda..dico che si sono bevuti il cervello, a cosa serve e poi a quel prezzo, tutta la tecnologia che hanno sfocia in proposte del genere? Voler stupire a tutti i costi, ma perche' non tornano a fare buone moto a prezzi abbordabili semplici, affidabili e con con attenzione al cliente che si e' persa per strada..penso proprio che alla prossima cambiero' bandiera.
  • giuseppe tubi
    Boh.... - Con tutta la stima che ho di Honda, devo dire che questo mezzo mi lascia un po' interdetto. Il fatto che sia un mezzo che non esisteva non significa che fosse necessario. Magari se mi capitera' di provarlo dovro' ricredermi, ma per fortuna che a catalogo c'e' l'Africa Twin, perche' se questa fosse l'unica maxi enduro della casa dell'ala dorata....

Correlate

Annunci usato