Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Moto & Scooter

Epoca, Gilera Saturno Bialbero 500: tutta colpa del Giappone

di Leslie Scazzola, foto di Marco Zamponi il 07/01/2016 in Moto & Scooter

La Gilera Saturno Bialbero 500 è una monocilindrica sportiva, leggera e dal sapore classico: doveva essere l'emblema del "made in Italy" sul mercato nipponico, ma non ottenne il successo meritato. Oggi è un pregiato pezzo da collezione. Ecco la sua storia e una ricca gallery

Epoca, Gilera Saturno Bialbero 500: tutta colpa del Giappone
Chiudi
Impugnare i manubri spioventi di una moto come la Gilera Saturno Bialbero 500 regala sensazioni estasianti, come se la storia e la tradizione fossero per un momento materiali e palpabili. Basta un semplice sguardo per capire come questa inusuale monocilindrica sportiva sia stata creata per "essere unica". Le sue linee pure, il serbatoio lungo e snello, il faro circolare, la mezza carena o ancora il traliccio in tubi d'acciaio del telaio sono una sintesi perfetta di estetica, funzionalità ed essenzialità che non può lasciare indifferenti.

Arte pura, una mescolanza di quella tradizione e creatività "made in Italy" che rappresentano ancor oggi un valore aggiunto assoluto. Vista con gli occhi di oggi, dove le special e le realizzazioni che partono dalla base di un modello classico vanno per la maggiore, si potrebbe dire che la Gilera ha decisamente anticipato i tempi nel proporre la sua Saturno Bialbero 500. Quando venne lanciata, infatti, era il 1988.
La storia della Saturno 500 inizia in Giappone. Nel 1987 la multinazionale C. Itoh e Co. Ltd, trading company impegnata nella produzione e commercializzazione di prodotti d'ogni genere, commissiona alla Gilera un ambizioso progetto. L'idea è di proporre sul mercato nipponico una monocilindrica sportiva essenziale e dal sapore classico, in risposta al proliferare delle proposte (meno esclusive) delle aziende giapponesi. Tra queste c'è la Yamaha SRX 600 (spinta dal motore della famosissima XT, con avviamento solo a pedale) dallo stile piuttosto "british".

La nuova moto viene battezzata Saturno, come la gloriosa monocilindrica prodotta a cavallo tra gli Anni 40 e 50, ma le similitudini finiscono lì. I tecnici italiani, capitanati dall'ingegner Sandro Colombo, creano un primo prototipo già sul finire del 1987. Il monocilindrico è quello della Dakota 500, l'endurona di casa. Si tratta di un tecnologico bialbero con 4 valvole in testa e raffreddamento a liquido (soluzione al tempo adottata sui monocilindrici soltanto dalla Kawasaki, per la KLR 600). È quella che si definisce un'operazione lampo. Solo pochi mesi più tardi, ad aprile 1988, cominciano infatti le spedizioni verso il Giappone dei modelli definitivi. La risposta non è calorosa e nemmeno dopo la commercializzazione sui mercati internazionali la Gilera Saturno 500 (proposta anche nella versione 350 cc), otterrà i risultati sperati. Ne verranno prodotte, in tutto, meno di 2.000, di cui 150 vendute in Italia. Oggi però è tempo di rivincite: la Saturno Bialbero rappresenta infatti un prestigioso pezzo da collezione. Difficile dare quotazioni oggettive, ma quel che è certo è che sono in crescita…

In sella, l'immediata sensazione di leggerezza è sottolineata dalle misure compatte. Tutto è molto curato. Il monocilindrico gira rotondo e regolare: la rapportatura è lunga e per tirargli fuori il meglio bisogna spremere le cinque marce (tra l'altro il cambio è morbido e preciso). I 44 CV dichiarati vengono spalmati lungo un arco di erogazione sufficientemente ampio. La spinta è corposa ai medi regimi e anche l'allungo è discreto: non tutti i "big single" ancora oggi riescono a spingersi oltre gli 8.000 giri!

Dire che la Gilera Saturno è agile è riduttivo: i 145 chili di peso riproducono le sensazioni di una 125 cc, dove l'estrema maneggevolezza si traduce in una impagabile facilità di guida. La Saturno, come tutte le sportive con un cilindro solo, non la si prende per volare a velocità ultrasoniche (a manetta si superano di poco i 180 km/h), ma per divertirsi tra le curve. Con un gusto particolare. Tra l'altro il suo mono (dotato di contralbero) vibra poco o nulla, contrariamente a quel che si potrebbe pensare. La Saturno mostra anche una rassicurante stabilità. Il merito è della distribuzione dei pesi azzeccata e delle misure dei pneumatici, che con il 140 posteriore (l'anteriore è un 110, entrambi sono da 17") assicura la giusta impronta a terra.
L'esile avantreno, con la forcella tradizionale da 40 mm di diametro, evidenzia una buona precisione, filtrando bene buche e asperità. Come tradizione per le sportive "made in Italy", la componentistica è buona: e così anche la frenata del disco anteriore da 300 mm è modulabile e potente. Insomma, la Saturno 500 Bialbero è una moto sportiva per nulla impegnativa nella guida, se si esclude un elevato carico sui polsi.

Questa moto è un'emozione per lo sguardo, è la giusta potenza, è un piacere di guida assoluto, da gustare rigorosamente da soli... con la scusa della sella monoposto. Ecco la ricetta messa a punto quasi 30 anni fa da Gilera, quella stessa ricetta che oggi rende la Saturno Bialbero una moto ambita dai collezionisti. Al di là delle cifre e dei CV.

Sembrerebbe finita qui la storia di questa bella e sincera monocilindrica. E invece succede che intanto è esploso il fenomeno delle Supermono: si tratta di special realizzate con grossi motori monocilindrici 4 tempi, infilati di solito nelle agili ciclistiche delle 125 sportive dell'epoca. Gilera lancia così nel 1990 la Saturno 600 Piuma. Della classica 500 stradale mostrata in queste pagine rimane poco o nulla: il telaio della Piuma è infatti un modernissimo doppio trave in alluminio. Il propulsore viene ripreso dalla RC 600 da enduro e nella versione racing sprigiona circa 60 CV. Il peso è di soli 130 kg... L'estetica è la stessa della 125 SP-02 carenata, una delle sportive più amate del tempo. Lo sviluppo della Piuma viene affidato all'allora pilota Davide Tardozzi (oggi team maneger Ducati) e la moto si rivela subito competitiva. Ne verranno costruiti 50 esemplari, venduti a 18.000.000 di lire.

Scopri tutti i dettagli della Gilera Saturno Bialbero 500 nella gallery, clicca qui!

Epoca, Gilera Saturno Bialbero 500: tutta colpa del Giappone
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • Tribunospqr
    unica gilera - ho avuto 2 gilera 125 una mxr 125 e una crono 125 ( con cui ho corso la sp) moto che ti lasciavano il segno... sono passati piu' di 20anni ora giro con una panigale 1299 ma nel cuore ho sempre i cerchietti gilera
  • milanese0402
    w gilera - ho avuto due gilera (rc 125 ed rc 600 '91) ne sono rimasto soddisfatto al max. ricordo questa bellezza sulle riviste che insieme alla nordwest posero gilera in anticipo sui tempi, mi piange il cuore a veder un marchio cosi' italiano e cosi' prestigioso ormai dimenticato. la colpa pero' e' anche del pubblico sempre jap-friendly e severo con i marchi italiani (almeno negli '80/'90).
  • Mastic
    Saturno Piuma Racing - Provai per un'altra rivista tanti anni fa (Dueruote non esisteva ancora) la Saturno Piuma. Andava benissimo, ma aveva un difetto forte (almeno per me) nelle vibrazioni al manubrio. Vado a cercare la prova! Ciao Leslie :-)
  • ga0102
    Sono stato tratto in inganno - dal titolo. Pensavo al "mio" Gilera Saturno Sport del 1947. Ma perche' le case auto-moto non riescono mai a inventare nuovi nomi e debbono sempre rispolverare nomi antichi, proponendo spesso degli autentici bidoni che non assomigliano minimamente all'originale? Ho avuto 4 Fiat 500, una Giulietta (1956) una Giulia 1600... tutte "vere". Che tristezza le imitazioni!
  • giorgiogallinelli
    Ci gareggiai a Monza - Come dimenticarla? Partecipai alla gara di Monza con la moto di serie arrivando terzo. Vinse un "certo" Alan Catchcart", secondo il collaudatore Cagiva Paolo Bianchi con un motore Husqvarna 570 montato sul telaio della Cagiva C10. Nelle prove del sabato la mia moto risulto' cortissima di rapporti. Nella notte, in Gilera, mi costruirono una corona con due denti in meno...

Correlate

Prove della redazione
Gilera Fuoco 500
Prove della redazione
Gilera GP 800

Annunci usato