Cerca

Seguici con

Attualità

Moto, partono i controlli di conformità

Marco Gentili il 11/05/2018 in Attualità

Confermate le anticipazioni di Dueruote: il RINA sta iniziando la campagna straordinaria di richiami anche sui veicoli a due ruote nuovi e circolanti. Ecco tempi e modalità

Moto, partono i controlli di conformità
Chiudi
Come anticipato da Dueruote qualche mese fa, è partita la campagna di test e verifiche tecniche sul parco circolante. L’annuncio ufficiale dell’iniziativa è stato dato oggi dalla RINA, impresa a capo del consorzio che, su incarico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, effettuerà le verifiche su un campione di veicoli nuovi di fabbrica e circolanti e sui dispositivi di sicurezza a tutela della sicurezza stradale e della salute pubblica. “L’attività è, per tipologia ed ampiezza, una importante novità sia nel nostro Paese che nell’Unione Europea”, afferma Bruno Paonessa, Director Automotive Business Line di RINA.

Come si svolgerà


La campagna di conformità - la prima a livello comunitario - è iniziata ai primi di marzo. Il campione relativo ai veicoli di categoria L (in cui rientrano moto e ciclomotori, ma anche i tricicli) è piuttosto sostanzioso. Saranno presi in esame, nel corso del 2018, 550 unità. Di queste, 250 saranno ciclomotori, 200 motocicli e 90 appartenenti ad altri segmenti della categoria L. Già stabilita anche la proporzione tra veicoli nuovi e circolanti: 160-170 saranno campionati appena usciti dalla catena di montaggio, mentre gli altri saranno pescati tra i mezzi già in circolazione.

A questi vanno aggiunte 100 biciclette a pedalata assistita e un numero indefinito di caschi. Che cosa dovrà misurare questa campagna di conformità? Per i veicoli di categoria L1, cioè i ciclomotori, sarà fatta una verifica sulla velocità massima effettiva che, come noto, è fissata per legge a 45 km/h, mentre le moto (veicoli di classe L3) saranno sottoposte al test per controllare che la rumorosità rientri mei parametri stabiliti in fase di omologazione. Un campione ancora più ristretto invece sarà sottoposto anche al test sulle emissioni inquinanti. Per quanto riguarda le bici a pedalata assistita, le imprese coinvolte nella campagna controlleranno che esse abbiano tutti i requisiti previsti dalla legge in termini di potenza della batteria (il motore elettrico non deve essere superiore ai 250 W e non deve offrire assistenza oltre i 25 km/h). Il controllo sui caschi sarà limitato a controllare che gli esemplari presi a campione rientrino nella normativa ECE 22.05.

Nessun disagio per l'utente

Il dubbio che sarà venuto a molti è: questa campagna potrebbe toccare anche alla mia moto o al mio scooter? E come verranno scelti questi mezzi? Per quanto riguarda il nuovo, tali mezzi saranno presi in comodato dalla rete di vendita. Le verifiche sul circolante invece verranno fatte contestualmente alla revisione periodica: a margine dell'adempimento, il mezzo scelto a campione sarà sottoposto alle verifiche supplementari previste dalla campagna di conformità.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • gigi0123
    sicurezza: - quando si tratta di fare soldi le cose partono subito, quando invece si deve intervenire sulla manutenzione delle strade si nicchia, tanto se ti fai male perche' sei finito in buca la corte costituzionale ti da pure torto, come da ultima ordinanza.
  • franna
    Io la penso cosi' - E le strade dissestate,il ministro delle infrattutture e trasporti QUANDO LI CONTROLLA.