Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Attualità

Addio a Massimo Tamburini

a cura di Stefano Borzacchiello il 07/04/2014 in Attualità

Il designer fuoriclasse che ha rivoluzionato il mondo delle due ruote, padre di modelli che hanno segnato la storia del motociclismo nonché fondatore della Bimota, si è spento all'età di 70 anni

Addio a Massimo Tamburini
Chiudi
Massimo Tamburini, riminese, classe 1943: il designer fuoriclasse, padre di alcune delle moto più belle realizzate negli ultimi anni, si è spento sabato 5 aprile all'età di 70 anni, per le conseguenze di un tumore ai polmoni. Il male lo aveva colpito già una dozzina di anni fa, ma Massimo Tamburini era riuscito a sconfiggerlo grazie anche alle migliori cure disponibili, garantitegli dall'affetto di Claudio Castiglioni.

Il sodalizio con Castiglioni, che con lungimiranza lo protesse sempre, assecondandone il carattere non facile e le manie di perfezionismo (proverbiali le decine di prove e di stampi che Tamburini richiedeva per decidere su dettagli come le pedane o gli specchietti), ha regalato al mondo alcune delle moto più belle di sempre. Prima le Cagiva - dalla Aletta Rossa alla Freccia C9 alla Mito, senza contare le 500 da GP. Poi le Ducati negli anni magici del rilancio, dalla Paso all'intramontabile supersportiva 916 da lui voluta. E per finire con la rifondazione del marchio MV Agusta attraverso le splendide F4 e Brutale, ancora oggi imitatissime e al cuore della gamma varesina.

Romagnolo purosangue, perfezionista, irascibile, rappresentante della scuola di design nata "dal basso" - dalle officine e dalla meccanica - aveva prima ancora che una visione estetica una visione tecnica, integrata, della moto: che gli permetteva di realizzare progetti molto in anticipo sui tempi come la compattissima 916, le MV con telaio misto o la mai nata Husqvarna STR CRC con telaio misto e quote regolabili. Dal Gruppo Cagiva era uscito, in modo abbastanza traumatico, con l'arrivo degli americani di Harley-Davidson nel 2008.

Ma all'inizio della sua carriera c'è stata la Bimota, da lui fondata nel 1973 e diventata celebre per i suoi telai, innovativi, belli e soprattutto più efficaci degli omologhi giapponesi del tempo. Con le sportive HB, SB e KB a basa Honda, Suzuki e Kawasaki, la Bimota rinverdì la tradizione dei preparatori inglesi degli anni Sessanta. Un decennio luminoso chiuso, per Tamburini, nel 1983 con il passaggio al Team Gallina (1984) e, nel 1985, al Gruppo Cagiva.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • paino-1612
    tamburini massimo - l'ho conosciuto a vallelunga ai tempi della bimota laser (piloti m.giumbini-g.lazzarini).grande tecnico , un vero signore anche in un week end, per le sue moto , non dei piu' felici . il mondo delle moto ha perso un uomo insostituibile ,e di grande spessoreumano oltre che' tecnico .
  • T-Big
    Genialita' italiana - Ci lascia un imprenditore come se ne annoverano pochi, in un mondo sempre piu' globalizzato dove tutto e' fatto in serie c'era lui che con estro imprenditoriale,mescolava l'arte tutta italiana di creare il nuovo dal nulla. Ci mancheranno le sue creazioni, fulgido esempio per nuove generazioni di tecnici e oggetti da collezione per folte schiere di appassionati.
  • icimano
    non c'e' solo la Ferrari - La notizia mi ha' shokkato !!! I designers giapponesi di Honda e Yamaha ,lo chiamavano "il maestro" , e scusate se e' poco !Prima e' morto Claudio Castiglioni adesso lui.Non vedo al momento ,in Italia e nel mondo qualcuno in grado ,non dico di sostituirli , ma di fare nemmeno le briciole di questi due grandi.E' una grave perdita per il nostro Paese ,e per la nostra industria motociclistica.
  • posadinu salvatore ignazio
    artista - non solo chi dipinge su tela e artista .Massimo Tamburini era un artista genio delle moto. P.S.da lassu' ridisegna le nuvole come sai fare solo tu saluti Tore
  • #34
    Genio - ...solo dalla mente di un genio poteva uscire il 916 nel lontano 1993
  • Alfonso88
    Ciao Genio . - E Grazie di tutto , eri gia' nella Storia del Motociclismo e del Made in Italy da tempo . Indimenticabili ed insuperabili le tue creazioni .
  • norysan
    Probabilmente.. - ... il migliore del dopoguerra!
  • ga0102
    Un grandissimo del motociclismo - Sono sinceramente dispiaciuto. Il Motociclismo perde uno dei suoi piu' grandi interpreti. Uomo dalla fantasia inesauribile autentico genio, sempre molti passi avanti rispetto a tutti gli altri.
  • veloce7501
    R.I.P. - Ci lascia un genio che ha fatto sognare milioni di motociclisti
  • Mastic
    Se cade una vite a terra... - "Se cade una vite a terra anche una scimmia deve capire dove rimetterla". Era questa la filosofia progettuale di Tamburini. Grande progettista delle piu' belle moto. Inizio' con le Bimota, tanti tanti anni fa. Bimota = Bianchi, Morri, Tamburini. Poi Ducati, Cagiva ed MV. E ancora gli copiano gli scarichi sottosella della 916!