Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Sbk

SBK Phillip Island, Bautista e la Ducati Panigale V4 R nella storia

Stefano Borzacchiello
di Stefano Borzacchiello il 25/02/2019 in Sbk
SBK Phillip Island, Bautista e la Ducati Panigale V4 R nella storia
Chiudi

Moto e pilota trionfano al debutto nel Mondiale delle derivate. Un successo storico che ridimensiona Rea che oltre alla Ducati ha nel box un compagno che non fa sconti

Phillip Island è una pista che ha un fascino unico e ormai da anni è anche il luogo dove parte la stagione del Mondiale SBK. Il primo dei tredici atti del calendario.

C'era molta attesa alla vigilia per il debutto della nuova Ducati Panigale V4 R e dopo i buoni tempi fatti segnare nei test da Alvaro Bautista il podio sembrava un risultato plausibile fin dalla prima gara, ma la realtà è andata ben oltre le migliori aspettative del team Aruba.it, Alvaro non si è limitato a salire sul podio, ma ha vinto tutte e tre le corse del weekend.

SBK Phillip Island, Bautista e la Ducati Panigale V4 R nella storia
Chiudi

Bautista e la Ducati Panigale V4 R vincono al debutto nel Mondiale SBK

Al debutto nel mondiale delle derivate l'ex campione della 125 ha vinto subito, impresa riuscita a piloti come Max Biaggi e John Kocinski (autore di una doppietta a Misano nel 1996), e ha regalato alla Ducati la prima vittoria della Panigale V4 R, per la prima della V2 dal debutto passarono tre stagioni e li fu Chaz Davies l'eroe ad Aragon nel 2015. Il 34enne pilota spagnolo ha vinto sfruttando l’esperienza maturata sulla Desmosedici in MotoGP e al meglio il potenziale della sua nuova moto, infliggendo a Jonathan Rea e alla sua Kawasaki Zx10-RR tre sonore sconfitte. Sia in Gara 1 che in Gara 2 i secondi rifilati sono stati più di dieci e solo nella nuova Superpole Race il campione del mondo ha tenuto il passo dello spagnolo. Se anche lo scorso anno Rea si era dovuto inchinare ad una doppietta Ducati messa a segno da Marco Melandri, oggi la sconfitta lascia più il segno nel Cannibale che dopo la gioia per pole position si è visto sverniciare in rettilineo in gara e teme che in Thailandia prossima tappa del Mondiale fra tre settimane sarà forse anche peggio. Rea ha poi nel box un compagno come Leon Haslam che ha talento e voglia di stare davanti. Fra i due c'è una grande amicizia, ma in pista la rivalità è già forte.

Le fatiche di Davies, la crescita di Yamaha

I trionfi di Bautista hanno messo ancora più in evidenza le difficoltà delle altre Panigale V4 R a partire dal compagno Chaz Davies che solo in Gara2 ha dato segnali di ripresa. Avvio in salita per Eugene Laverty che su questo tracciato aveva vinto con Aprilia e Suzuki e per Michael Ruben Rinaldi che qui non aveva mai corso. In Australia la Yamaha è salita sul podio con il solo Marco Melandri in Gara1, ma le R1 ufficiali e anche quelle del team GRT hanno mostrato di aver il passo per stare davanti. Certo che con Bautista, Rea, Haslam a quel livello non sarà facile salire sul podio come hanno capito in Gara2 Van der Mark e Lowes e lo stesso Melandri.

Bmw c'è da lavorare, Honda anche

Se nei test la BMW con Tom Sykes aveva sorpreso, le gare hanno mostrato i limiti di motore - attualmente quasi in configurazione stock - della nuova S1000RR. Sykes si è difeso in Gara 1, ma è finito fuori dalla top ten alle spalle del compagno Reiterberger in gara 2. Alti e bassi per Toprak Razgatliouglu, che nella prima manche ha lottato con i big mentre non ha portato a termine la seconda. Lontana, ma con un potenziale in crescita come ha sottolineato Leon Camier la Honda che ha colto la top ten nella seconda manche. Il ritorno in forma ufficiale non ha coinciso con un exploit immediato ma come l'avvio di un processo. Staremo a vedere. Nota finale per la Superpole Race, la gara su dieci giri è stata avvincente e in così pochi giri i piloti danno tutto senza risparmiarsi… per chi si gode lo spettacolo non è male, certo è che per i piloti è un impegno notevole visto che poche ore dopo devono essere al via della gara2.

Cosa è successo a Philllip Island: le tre gare 

Cos'ha fatto Bautista in Gara1? Un capolavoro semplice! Ha corso dalla partenza alla fine su un altro livello cogliendo all'esordio una vittoria esagerata, la prima al debutto con la nuova Panigale V4 R. Dietro una bella lotta in cui ha avuto la meglio Rea che ha dovuto sgomitare con Haslam, poi caduto, e un Melandri che sul finale ha guidato da campione e ha tolto dal podio l'altra Yamaha di Lowes. Bene Sykes con la nuova BMW ma ancora meglio Razgatliouglu sulla Ninja di Puccetti. Fatica Davies che chiude dietro a Rinaldi... Segno che con la Ducati per ora è Bautista che fa la differenza.

Domenica la Superpole Race è stata avvincente e su così pochi giri è veramente spettacolare da vedere, qui Bautista ha innescato un bel duello con Rea che alla fine si è dovuto inchinare, a Phillip Island la Rossa V4 se guidata da Bautista non si batte. Pole per lo spagnolo che in Gara due ha corso senza avversari lasciando ai due ufficiali Kawasaki il compito di tener vivo lo spettacolo con una bella lotta vinta da Rea. Giù dal podio le Yamaha di Van Der Mark, Lowes e Melandri - meno incisivo e lontano dallo storico risultato del 2018 - passo in avanti per Davies anche se si vede che non ha ancora il ritmo su questa moto. Prima top ten per Camier con la Honda e anche Laverty ha portato a casa fiducia, quella che ha perso Sykes con la BMW che  ha chiuso dietro Reiterberger.

SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019
SBK Phillip Island: le più belle foto 2019

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato