Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Sbk

SBK: Rea resta il riferimento, buon inizio per la Panigale V4R

Redazione
dalla Redazione il 16/11/2018 in Sbk

Alla fine dei primi test sul tracciato spagnolo di Aragon, nonostante il meteo avverso, il campione del mondo resta il più veloce, bene le Yamaha. Buon inizio per la debuttante Ducati

SBK: Rea resta il riferimento, buon inizio per la Panigale V4R
Chiudi

Il 2019 della SBK è iniziato ad Aragon. Seppure la forte pioggia caduta sul tracciato alle porte di Alcañiz nel corso dell’ultima giornata ha confinato la maggioranza di piloti e squadre della SBK ai box, Jonathan Rea si è confermato il riferimento alla fine dei primi test in cui ha esordito anche il suo nuovo compagno Leon Haslam. Bene le Yamaha quella di Lowes in particolare, ma la nuova Ducati Panigale V4R con Chaz Davies (nella prossima uscita ci sarà anche Alvaro Bautista) ha iniziato con il piede giusto: la V4 ha girato sui tempi delle Yamaha precedendo quella di Michael Van der Mark e chiudendo alle spalle di quella di Alex Lowes.
“Le prime impressioni sono state positive, ha esordito Rea. È chiaro che il potenziale della Ninja 2019 è molto più alto di questo. Per raggiungerlo, dobbiamo lavorare e questo richiederà tempo. Per adesso dico che il motore mi è piaciuto, specie in accelerazione, ma devo ancora conoscerlo per adattare il mio stile di guida anche in frenata. Penso che già a Jerez potremo fare un altro passo avanti per provare nuovi componenti. "

SBK: Rea resta il riferimento, buon inizio per la Panigale V4R
Michael Ruben Rinaldi sulla Ducati Panigale V4R del team Barni Racing

Ducati, lo sviluppo è appena cominciato

Ma i tempi nei test non dicono mai tutto, anzi quel che conta sono le sensazioni. E stando a quelle del team Aruba.it Racing Ducati sono positive. “Il bilancio del test è positivo, ha dichiarato Serafino Foti, Team Manager, anche se nell’ultimo giorno purtroppo le condizioni non erano ideali. Abbiamo effettuato qualche uscita con la pioggia per verificare il comportamento della V4 R sul bagnato, ma senza cercare il limite per evitare rischi inutili, raccogliendo comunque ulteriori dati importanti. Da qui andremo direttamente a Jerez per continuare il nostro programma di sviluppo, sperando di trovare condizioni meteo più favorevoli per sfruttare al meglio gli ultimi giorni di prove prima del nuovo anno”.

"Nonostante le brutte previsioni meteo, speravo che saremmo stati fortunati almeno al mattino, ma purtroppo così non è stato, ha commentato Chaz Davies. La giornata è stata piovosa dall'inizio alla fine, ma sapevamo che prima o poi avremmo dovuto girare in queste condizioni quindi ne abbiamo approfittato per provare a portarci avanti ed è andata piuttosto bene. Non ho cercato i limiti della nuova moto sul bagnato, tenendo presente anche le condizioni della spalla, ma siamo comunque riusciti a portarci avanti con alcuni lavori. A Jerez ripartiremo da qui. Abbiamo una buona base di partenza e le idee molto chiare, che è la cosa più importante in questa fase dello sviluppo".

Primi passi sulla Panigale V4R anche per Michael Ruben Rinaldi. “All'inizio ero un po' emozionato, salire sulla V4 è stata un'esperienza incredibile, ha commentato il nuovo pilota del team Barni Racing. Giro dopo giro però ho preso confidenza e devo dire che sono rimasto stupito: la moto lavora veramente bene e le sensazioni sono state molto positive sia a livello di ciclistica che di motore. Nella seconda giornata abbiamo provato a fare qualche giro in condizioni di pista bagnata, ma c'era troppa acqua. Questa era solo la prima uscita e ho cercato di non prendere troppi rischi”.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato