Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Sbk

SBK Lausitzring: conclusi i test, mercato in movimento

il 28/07/2016 in Sbk

Sul tracciato tedesco che ospiterà il decimo round a settembre si è svolta una due giorni di test con i piloti dei team Ducati e BMW. Intanto il mercato è in evoluzione con Marco Melandri sempre più vicino alla Ducati, Stefan Bradl in orbita Honda e...

SBK Lausitzring: conclusi i test, mercato in movimento
Chiudi
La SBK è in vacanza. Dopo il nono round californiano sulla pista di Laguna Seca, infatti, la prossima gara si correrà al Lausitzring a metà settembre. Una pausa lunghissima per il campionato delle derivate, il cui interesse negli ultimi giorni è acceso dai movimenti di un mercato in costante evoluzione: negli ultimi giorni Marco Melandri è sempre più nell’orbita Ducati al posto di Davide Giugliano, Stefan Bradl - oggi pilota Aprilia in MotoGP - sempre più vicino alla Honda e Michael Van Der Mark pare destinato a salire sulla Yamaha. Intanto una sessione di test poco pubblicizzata, come quella appena conclusa proprio sul tracciato tedesco, ha visto protagonisti i piloti del team Ducati Aruba e Barni e quelli del team Althea BMW impegnati a portare avanti lo sviluppo delle moto e a definire gli assetti in vista della gara. Ecco i commenti dei piloti dopo le due giornate.
Davies e Giugliano hanno avuto modo di prendere confidenza con il circuito da 4.265 metri, percorrendo rispettivamente 135 e 95 giri sulla Panigale R, gettando le basi per il lavoro sull’assetto di base da utilizzare in occasione del decimo round della stagione, valutando anche nuove soluzioni di ciclistica ed elettronica con buoni riscontri.

Chaz Davies, il cui miglior tempo è stato 1’37.0 ha commentato: “Tutto sommato, è stato un test molto positivo. Ero un po’ amareggiato dopo le ultime gare perché non eravamo riusciti a trovare il solito feeling con la moto, ma abbiamo fatto alcuni aggiustamenti di elettronica e ciclistica e pare che abbiamo ritrovato le migliori sensazioni. La priorità era imparare il tracciato, che si è rivelato più divertente del previsto ma ha bisogno di alcuni interventi. Le buche, in particolare, lo rendono difficile da imparare. Siamo stati fortunati con il meteo, perché le previsioni erano brutte ma abbiamo perso solo un paio d’ore per la pioggia. Abbiamo fatto molti giri, e penso che il tempo con gomme da gara sia molto buono, quindi andiamo in vacanza stanchi e felici”.

Davide Giugliano
, ha lavorato come sempre sodo fermando il cronometro a 1’37.8. “Era importante per noi venire a provare su questo tracciato prima della gara - ha dichiarato Giugliano. Ci avevo girato soltanto nel 2007, e non me lo ricordavo molto bene. La pista è molto bella e divertente da affrontare. L’unico problema sono le buche, davvero troppe. Comunque abbiamo fatto un buon lavoro sul setup, valutando diverse soluzioni che dovrebbero aiutarci ulteriormente in queste ultime quattro gare. Purtroppo non siamo riusciti a girare quanto avremmo voluto a causa di alcuni problemi e della pioggia, ma sicuramente abbiamo preso dei riferimenti che ci saranno molto utili in vista della gara”.

Restando in Ducati, sensazioni positive anche per Xavi Fores, pilota del team Barni. “Sono state due giornate molto positive che ci hanno permesso di lavorare su molti aspetti che avevamo individuato nel corso della stagione. Sono stati dei test molto importanti per noi; il Lausitzring é una pista impegnativa, perciò i dati raccolti ci permetteranno di individuare con più semplicità il giusto setup durante il weekend di gara. Ora posso iniziare le vacanze estive con delle buone sensazioni per il finale di stagione!”.
Con le BMW del team Althea hanno girato Jordi Torres e con il pilota Stock 1000 Raffaele De Rosa. “Sono stati due giorni di test molto utili – ha sottolineato Jordi Torres - abbiamo lavorato sia sugli aspetti elettronici che sull’assetto. Tutte prove che dovevamo effettuare qua per capire a che punto siamo e per essere i più preparati possibili per le gare. Ovviamente non sapremo come siamo messi rispetto agli altri prima di settembre, quando torneremo qui per la gara! Comunque mi ritengo soddisfatto ed abbiamo raccolto tante informazioni. Mi dispiace che Markus non ci sia, anche perché lui conosce bene questa pista ed avrebbe potuto aiutarmi!”.

Gli fa eco Raffaele De Rosa: “Sono abbastanza contento perché abbiamo lavorato bene, trovando quello che volevamo. Siamo stati anche fortunati per quanto riguarda il meteo. E’ una pista ‘nuova’ per me, e mi piace nonostante la presenza di alcuni avvallamenti…. Il grip comunque non è male ed è un layout un po’ diverso rispetto ad altri circuiti, con molte chicane a sinistra e a destra. Tutto sommato, è stato molto utile venire qua in vista della gara e del campionato, visto che non conoscevamo questa pista. Vedremo poi a settembre cosa riusciremo a fare…”

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • ga0102
    Povera Ducati! - Mettersi in casa Melandri e' una iattura! Se non ha la moto perfetta non va, non vale nulla come collaudatore, non rispetta alcun ordine di scuderia ed e' capace di far perdere il mondiale alla sua squadra per vincere una gara. Anche se Giugliano sta vivendo una stagione non particolarmente positiva, e' comunque preferibile al bollito ravennate.