Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Circuiti

MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'

Stefano Borzacchiello
di Stefano Borzacchiello il 09/10/2019 in Circuiti
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
Chiudi

Situato in una zona montagnosa il circuito giapponese è una pista ‘stop & go’ con una serie di lunghi rettilinei seguiti da curve strette

Il circuito Twin Ring Motegi ha una configurazione molto particolare con una serie di lunghi rettilinei seguiti da curve strette che mettono a dura prova i freni delle moto e le loro prestazioni in accelerazione. Negli scorsi anni la pista giapponese è stata favorevole ai piloti Ducati, che hanno ottenuto degli ottimi risultati su questo circuito, con le tre vittorie consecutive di Loris Capirossi nel 2005, 2006 e 2007 e la vittoria del 2010 di Casey Stoner, che proprio a Motegi conquistò il titolo mondiale 2007 con la Ducati.

IL CIRCUITO DI MOTEGI È ANCHE CHIAMATO TWIN RING, PERCHÉ IN REALTÀ SONO DUE CIRCUITI ALL'INTERNO DI UN SINGOLO COMPLESSO, DI CUI CONDIVIDONO SOLO LA CORSIA DEI BOX

MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'

LO SCORSO ANNO QUI SI È IMPOSTO MARQUEZ, CHIUDENDO ANTICIPATAMENTE I GIOCHI PER IL SETTIMO TITOLO E REGALANDO AL SUO TEAM UNA VITTORIA SULLA PISTA DI CASA

Situato in una zona montagnosa, il circuito giapponese comprende un ovale di 2,5 km e una pista classica che misura 4,8 km. Costruito come pista di prova nell'agosto 1997 ha ospitato per la prima volta il Gran Premio del Giappone nel 1999. Il circuito, che si trova circa 100 km a nord dell'aeroporto di Narita (Tokyo) e 30 km da Mito, ospita un museo, oltre a una scuola guida, piste di dirt-track e go-kart, hotel, ristoranti, negozi e altri servizi per i numerosi visitatori che lo visitano durante l’anno.

Motegi è una cosiddetta pista ‘stop & go’ perché ha sei punti di accelerazione seguiti da sei punti di frenata forti. È il circuito in cui viene utilizzata di più la prima marcia, fino a tre volte, e dove sono più variazioni di velocità, con un totale di 30 al giro.

LA PRIMA GARA DEL MOTOMONDIALE NEL 1999

Nel 1999 si è svolto il primo GP sul circuito di Motegi e da allora è rimasto in calendario. Dal 2000 al 2003 si è svolto sotto il nome di Pacific GP, mentre nelle altre occasioni è stato chiamato GP del Giappone. Il punto di frenata più forte dell'intera pista è la curva 11, dove le velocità vanno da 308 km/h a 86 km/h in 5,2 secondi su una distanza di 263 metri. Per fare questo, i piloti esercitano una pressione di 7.6 kg sulla leva del freno.

Con cinque vittorie al suo nome, Dani Pedrosa è il pilota più vittorioso a Motegi e l'unico pilota che ha vinto in tutte e tre le classi (1 vittoria in 125cc nel 2002, 1 in 250cc nel 2004, 3 in MotoGP nel 2011, 2012 e 2015).

MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'

Twin Ring Motegi - I dati della pista

Lunghezza 4.801 metri

Larghezza 15 metri

Rettilineo più lungo 762 metri

Curve 6 a sinistra, 8 a destra

Giro più veloce 1’43”790 (J. Lorenzo/Yamaha-2015)

Velocità di punta 314,3 KM/H (A. Iannone/Ducati-2015)

Record in gara 1’45”350 (J. Lorenzo/Yamaha-2014)

Maggior num. vittorie Pedrosa, Lorenzo (3)

MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'
MotoGP Motegi: una pista 'stop & go'

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato