Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Circuiti

Chang International Circuit: i segreti e le curiosità

Redazione
dalla Redazione il 24/09/2019 in Circuiti
Chang International Circuit: i segreti e le curiosità
Chiudi

Costruito nel 2014 il circuito thailandese, disegnato dall’architetto tedesco Herman Tilke, si trova nella piccola città di Buriram e ha ospitato per la prima volta il Campionato del Mondo MotoGP nel 2018

Disegnato dall’architetto tedesco Herman Tilke, il Buriram International Circuit è stato costruito nel 2014 ha ospitato per la prima volta il Campionato del Mondo MotoGP nel 2018. Situato a circa 400 km a nord est da Bangkok, Buriram è il capoluogo dell’omonima provincia ed è definita la ‘città della felicità’.

La zona è caratterizzata dal tipico clima del sud est asiatico caldo e umido. Lungo 4,554 km e formato da 12 curve, il tracciato ospita dal 2015 il Round Thailandese del Mondiale Superbike. L’impianto ha una capienza massima di 100.000 persone e le tribune offrono un’ampia visuale di tutto quanto accade in pista.

Il circuito thailandese si trova nella piccola città di Buriram, 410 km a nord-est di Bangkok. Il nome della città significa ‘città della felicità’.

Chang International Circuit: i segreti e le curiosità

IL 2018 È STATO L’ANNO DEL DEBUTTO DEL MOTOMONDIALE SU QUESTO TRACCIATO ED È STATO UNO SPETTACOLO GRAZIE ANCHE AL COINVOLGIMENTO DEL PUBBLICO. DUCATI, HONDA E YAMAHA: TRE MOTO NEI PRIMI TRE POSTI DELLA CLASSIFICA, MA ALLA FINE, ANCHE QUI HA VINTO MARC MARQUEZ

Il layout del circuito ha un totale di 12 curve e 7 punti di frenata, con due aree molto diverse. La prima parte consiste in lunghi rettilinei e frenate "stop & go", mentre la seconda parte è una serie di curve raccordate fra loro. La frenata più forte arriva alla curva 3, che va da 330 km/h a 75 km/h su una distanza di 240 metri in 5,5 secondi. Il rettilineo che porta alla curva 3 è lungo 1.000 metri, il che lo rende il 5° più lungo dell'intero calendario, dietro COTA, Mugello, Argentina e Montmeló.  

La temperatura dell'asfalto, che può raggiungere i 60° C, è uno dei fattori più preoccupanti, dal momento che le gomme possono superare i 150° C, causando la perdita di aderenza, lo sbandamento e l’aumento della temperatura degli stessi pneumatici.

Chang International Circuit - i dati della pista

Lunghezza 4.554 metri

Larghezza 12 metri

Rettilineo più lungo 1.000 metri

Curve 5 a sinistra, 7 a destra

Giro più veloce 1’30”031 (M.Marquez/Honda-2018)

Velocità di punta 330,4 KM/H (A. Dovizioso/Ducati-2018)

Record in gara 1’31”471 (M. Marquez/Honda-2018)

Maggior num. vittorie M.Marquez (1)

Chang International Circuit: i segreti e le curiosità
Chang International Circuit: i segreti e le curiosità
Chang International Circuit: i segreti e le curiosità
Chang International Circuit: i segreti e le curiosità
Chang International Circuit: i segreti e le curiosità
Chang International Circuit: i segreti e le curiosità

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.