Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Motogp

Test di Losail: Yamaha tira fuori le armi segrete

Giulia Girardelli il 22/02/2024 in Motogp
Test di Losail: Yamaha tira fuori le armi segrete
Chiudi

La Casa giapponese - che sta cercando di recuperare il gap dai rivali - ha sfoggiato uno scarico lungo e i flap verticali sul codone

Con gli ultimi due giorni di test sul circuito del Qatar, il pre-season si può definire ormai concluso. Losail è una pista importante per mettere a punto gli ultimi dettagli, considerato che il primo round della nuova stagione si correrà proprio qui tra sole due settimane.

Le novità più importanti le avevamo già viste dopo la sessione di test di Sepang, ma anche stavolta ci hanno svelato qualche chicca. Dando uno sguardo alla Yamaha, che a Sepang sembrava non aver portato così tanti sviluppi come le altre case, questa volta notiamo due dettagli importanti: il primo è uno scarico a tubo lungo, che permette di convogliare i gas di scarico più in alto.

Il secondo invece, che ha incuriosito molto gli appassionati, è la presenza di tre flap verticali sul codone, che servirebbero per stabilizzare meglio la moto creando una controforza verso il basso, sia in staccata che sul dritto quando si raggiunge la velocità massima. Insomma, finalmente abbiamo visto qualcosa di nuovo sulla M1, anche se c’è ancora molto lavoro da fare per poter essere veramente competitivi.

Una forte risposta è arrivata da Bagnaia e Martin che da subito hanno dimostrato di reagire molto bene alla nuova GP24, riaffermandosi come i due osservati speciali.

Anche Marquez si è piazzato tra i migliori alla fine della seconda giornata. Lo spagnolo sta lavorando soprattutto sull’adattamento del suo stile di guida, ancora troppo “Honda style” per la Ducati nuova che ora ha tra le mani. Uno step che richiede tempo e fiducia con la moto, ma nel momento in cui il pacchetto sarà completo potremo finalmente dire di aver ritrovato il campione che conoscevamo.

 

TUTTI I RICAMBI ORIGINALI E I DISEGNI TECNICI DEI MIGLIORI MARCHI SU MOTONLINE

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

ADV