Cerca

Seguici con

Motogp

SBK Imola: la pioggia ferma la rincorsa di Rea

Stefano Borzacchiello
di Stefano Borzacchiello il 13/05/2019 in Motogp
SBK Imola: la pioggia ferma la rincorsa di Rea
Chiudi

Primo in Gara1 vincitore della Superpole Race il campione del mondo a Imola è tornato a graffiare. A fermarlo ci ha pensato la pioggia che ha costretto a cancellare Gara2, tutto rimandato a Jerez

A Imola Jonathan Rea è rinato. Il campione del mondo sul tracciato del Santerno sabato in Gara1 ha interrotto la marcia trionfale di Alvaro Bautista e della Ducati . Guidando come sa fare, sfruttando al massimo la sua Kawasaki e la sua conoscenza di Imola il nordirlandese ha dominato la prima corsa e ha vinto con distacco la gara lasciando dietro Bautista senza doversi preoccuparsi di Davies, che aveva la vittoria nel mirino ma è rimasto appiedato da un guasto tecnico. Un successo che ha festeggiato con l'enfasi di un titolo Mondiale e che di fatto gli ha ridato fiducia e morale. 

Correre o non correre? Tutto fermo per la pioggia

Domenica nella SuperPole Race il campione del mondo ha replicato inseguito come una furia da Chaz Davies che ha tenuto dietro lo scomodo compagno di team. Il bello doveva ancora venire… ma la pioggia ha costretto gli organizzatori e i piloti ad alzare bandiera bianca. Correre è stato ritenuto troppo pericoloso, tutto rimandato a Jerez, certo è che dopo la neve di Assen che ha costretto gli organizzatori a cancellare Gara1 quest’anno il mondiale SBK è sfortunato con il meteo. Resta il dispiacere per non aver visto l'atteso duello Rea Davies e chissà che Bautista non avesse nel taschino il guizzo per tornare a vincere….

Cosa resta dopo Imola

Di Imola conserveremo la rinascita di Rea che ha capito che si può vincere ancora, lui stesso ha cambiato faccia, la consapevolezza di Bautista che ora che ha un pezzo di titolo in tasca sa che quando non può vincere può anche "accontentarsi" di un secondo posto. Lascia Imola sorridente anche Toprak Razgatliouglu che con la Ninja di Puccetti si è messo dietro l'ufficiale di Leon Haslam. A Imola è rimasto giù dal podio Michael Van Der Mark e la Yamaha è apparsa meno incisiva di altre gare. Passo in avanti senza aver concretizzato punti per Tom Sykes e la BMW. Weekend da dimenticare per Marco Melandri che non riesce a risolvere i problemi della sua Yamaha. Peggio è andata a Eugene Laverty che nel venerdì ha rimediato una frattura ai polsi. Lo rivedremo a Jerez? Difficile… per il momento sulla sua moto è salito Bridewell.

 

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato