Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Motogp

MotoGP Misano: la gara degli orfani di Valentino Rossi

Marco Gentili il 05/09/2017 in Motogp

Erano 131 GP che Rossi non si presentava al via. Ma in pista a Misano è in gioco il destino del titolo Mondiale: Andrea Dovizioso è l'uomo da battere, le Honda tentano di arginare il momento magico delle Ducati

MotoGP Misano: la gara degli orfani di Valentino Rossi
Chiudi
Sono passate 131 gare. Centotrentuno. È dal GP di Catalogna del 4 luglio 2010 che Valentino Rossi non saltava una partenza, una libera, una qualifica. Il pilota di Tavullia è sempre stato più forte di tutto, anche degli infortuni. Anche per questo farà strano non vederlo in griglia a Misano, domenica prossima. La gara della riviera romagnola sarà per molti versi il GP degli orfani di Vale, di tutti quelli (e sono moltissimi, perché il Motomondiale scarseggia assai per quanto riguarda le personalità di spicco) che vanno alle gare solo perché c’è lui che corre col numero 46, qualunque sia la sua moto. La sua assenza rischia di pesare, almeno a livello mediatico, più di quanto riusciremo a vedere in pista, Dove, non dimentichiamolo, c’è un italiano che lotta per il titolo. Anche se ha meno appeal rispetto a Sua Maestà Rossi.

SARÀ DUELLO DOVI-MARQUEZ
Stiamo parlando di Andrea Dovizioso, reduce da due vittorie, la cui Ducati (capace di risolvere il rebus della gestione in gara delle gomme Michelin) sta attraversando un momento d’oro. E ad animare il più scontato dei duelli sarà lui con Marc Marquez, un altro che non molla un colpo (e che qui ha già vinto nel 2015). Per le sue caratteristiche, Misano è pista che ben si addice alle Honda, per cui anche Dani Pedrosa (vincitore un anno fa) è da tenere d’occhio. Così come Maverick Vinales, unico pilota ufficiale Yamaha impegnato sul tracciato romagnolo.

CLASSIFICA (prime posizioni)
1. A. Dovizioso (Ducati) 183 punti; 2. M. Marquez (Honda) 174; 3. M. Vinales (Yamaha) 170; 4. V. Rossi (Yamaha) 157; 5. D. Pedrosa (Honda) 148; 6. J. Zarco (Yamaha) 109; 7. J. Lorenzo (Ducati) 90; 8. C. Crutchlow (Honda) 89; 9. J. Folger (Yamaha) 77; 10 D. Petrucci (Ducati) 75.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • Starugo
    Complimenti per il titolo - C'e' un italiano su moto italiana che si gioca il mondiale,senza contare tutti gli altri piloti che gareggiano ma sono tutti solo "orfani di Valentino". Complimenti....
  • lupi.alberto
    Personaggi e/o Piloti - "il Motomondiale scarseggia assai per quanto riguarda le personalita' di spicco"... Che commento da Novella2000 e Gazzetta dello Sport!
  • trap6320
    vale the king - comunque allacciandomi al discorso di prima i piloti come i calciatori iniziano e finiscono la carriera chi prima e chi dopo smette di correre o di tirare i calci ad un pallone,se guardo la f1 tifo ferrari non i piloti vado allo stadio tifo genoa non i calciatori in moto gp tifo ducati non yamaha anche x che i piloti come i calciatori vanno via ma la moto o la squadra del cuore rimane sempre
  • trap6320
    mi dispiace davvero x vale - pero x chi ama le moto a prescindere di chi corre va lo stesso a vedere le gare anche perche' spero piu tardi possibile ma prima o poi smettera quindi cosa facciamo non guardiamo piu la motogp? e poi c'e' un pilota italiano su moto italiana che si gioca il mondiale dovremmo esserne fieri x questo.io le gare di moto le seguo da quando ancora la tv era in bianco e nero sbk compresa conta la passione