Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Motogp

MotoGP Brno: inizia un agosto bollente

Marco Gentili il 02/08/2017 in Motogp

Dopo il mese di vacanza, la Moto GP riparte da Brno. Da qui inizia un trittico micidiale con due gare in sette giorni (Repubblica Ceca-Austria) e Silverstone a fine mese. Chi sarà il più pronto a ripartire alla grande? Chi tenterà di allungare in classifica? Ecco tutti gli spunti che la gara di domenica ci regala

MotoGP Brno: inizia un agosto bollente
Chiudi
La vacanza è finita, a Brno suona la campanella. Dopo il lungo break estivo in MotoGP si respira aria da primo giorno di scuola. Tutti i piloti hanno approfittato del mese di pausa per rilassarsi, allenarsi o cercare di mettere a punto fisico e moto in vista di un mese di agosto che si preannuncia bollente, e non solo dal punto di vista meteorologico. Tre GP - di cui due back to back (Brno domenica, Austria 7 giorni dopo e Gran Bretagna il 27) – in cui non si deciderà certo il destino del Mondiale, ma che fungeranno da cartina di tornasole in vista dello sprint finale, quello che ci accompagnerà dritti al trittico asiatico.

Ma dove eravamo rimasti? A una classifica cortissima, con Marc Marquez primo a 129 punti e gli inseguitori a un’incollatura o poco più: Vinales 124, Dovizioso 123, Rossi 119. Di sicuro, a partire dalla Repubblica ceca in poi, ogni errore, ogni caduta, diventerà più pesante. Alla vigilia Vinales ha detto una frase tanto banale quando condivisa: “Non ci sarà spazio per gli errori”. Alla fine, come succede sempre più spesso negli ultimi anni, sarà la costanza più che il risultato fine a se stesso a decretare il vincitore.

A Brno, su una pista da sempre favorevole alla Honda (che dal 2010 ha vinto 5 gare su 7), parte favorito Marc Marquez (che, eccezion fatta per il 2014, qui da sei stagioni va sempre a podio). Occhio anche a Cal Crutchlow, che qui lo scorso anno ha centrato la sua prima vittoria in MotoGP. E le Yamaha? A Brno Valentino non vince dal 2009, ma negli ultimi tre anni è sempre andato a podio, mentre Vinales da quando corre in MotoGP non ha mai brillato su questo tracciato (9° lo scorso anno, ritirato due anni fa). Stesso discorso per Andrea Dovizioso e la Ducati, che da queste parti non hanno mai ben figurato (miglior performance, due sesti posti). A spostare gli equilibri potrebbe contribuire il meteo, che domenica è dato per capriccioso e instabile.

Intanto a Brno, dopo anni di assenza, tornerà nella griglia del Motomondiale un pilota statunitense. Si tratta del 20enne Joe Roberts (nessuna parentela con la dinastia dei Kenny), talentuoso rider che sostituirà in Moto2 Jonny Hernandez sulla moto del team AGR. Un gradito ritorno – che non si registrava dai tempi del compianto Nicky Hayden – per una nazione che ha contribuito a rendere grande il movimento sportivo del Motomondiale a cavallo tra gli anni 70 e 80.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.