Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Motogp

Preziosi: "Le verità su Stoner "

di Marco Masetti il 26/05/2010 in Motogp

Nel corso di una chiacchierata il padre delle Ducati MotoGP assolve l'australiano reduce da due cadute, smentisce le voci di mercato che lo vedono in fuga ed è pronto ad aiutarlo per farlo tornare a vincere

Ha raccolto la miseria di appena undici punti in tre gare. 3,666 a gara, una media da retrocessione. Eppure stiamo parlando di Casey Stoner, bomber di razza, campione del mondo nel 2007 e probabilmente il più veloce nella MotoGP. Eppure oggi il pilota della Ducati non è più sé stesso e cade. Lo ha fatto a Doha, quando stava dando un secondo al giro a tutti, si è ripetuto in Francia a Le Mans, quando toglieva due decimi ad ogni split. Che cosa è successo all'australiano?
Me lo chiedo da un po', ma non posso certo pensare che, di colpo, Casey sia tornato di nuovo Rolling Stoner. Per chiarirmi le idee ci vuole una consulenza: chiedo il parere agli "esperti", mi lancio nei deliri del fantapsicomercato, oppure telefono a uno che ne capisce davvero? Buona la terza, quindi chiamo Filippo Preziosi, l'uomo che ha progettato la moto cui corre Stoner. Un uomo che lo conosce molto bene e che di moto ne capisce. Moltissimo…
Preziosi: "Le verità su Stoner "
Zero preamboli, la nostra chiacchierata va subito al sodo.
- Ingegner Preziosi si può parlare di Stoner in crisi e della Ducati che ha perso il mondiale?
"L'unica cosa che conta nelle gare sono i punti in classifica, quindi non siamo messi benissimo. E' strano ma da un lato del box, quello di Hayden, abbiamo un pilota che l'anno scorso, dopo tre gare aveva 5 punti e adesso 39. Stoner, invece ne ha 11 e lo scorso anno qualche decina in più. E' innegabile che le cose non stiano andando bene".
- Cosa farete per riprendere il pallino del gioco?
"Bisogna capire cos'è successo, partendo da lontano. Dopo lo stop della scorsa stagione, Stoner è tornato in pista e ha fatto un podio ad Estoril, vinto a Phillip Island e a Sepang ed è stato in testa per tre turni più il warm-up a Valencia".
- Ed è caduto nel giro di allineamento… Questa scivolata ha segnato l'inizio della crisi? "Aspetta: Casey ha avuto un problema nel giro di allineamento ed è stata la prima di quattro prestazioni deludenti (gara di Valencia 09, Qatar, Jerez, Le Mans), nelle quali non è mancata la competitività, che invece è stata alta, ma nelle quali non si è concretizzata questa competitività".
- Un problema del pilota, quindi?
"No, Casey è un grande talento, altrimenti non sarebbe sempre davanti. Il problema quindi non è lui. Adesso la questione è: cosa possiamo fare in Ducati per farlo vincere ancora? Più precisamente, cosa dobbiamo dargli perché lui possa vincere senza dover rischiare e andare oltre il limite fisico della moto? E allora abbiamo analizzato la procedura di schieramento, abbiamo fatto delle simulazioni e abbiamo scoperto che questa procedura era perfettibile, quindi abbiamo trovato una configurazione da warm-up lap che gli permette di non rischiare".
- Allora è vero che per non sprecare benzina nel giro di allineamento le moto sono molto "magre" e scorbutiche?
"Questo è un segreto".
- Però non è un segreto che in Qatar Casey è caduto quando stava dominando?
"In Qatar si è presentato un problema di perdita dell'anteriore in ingresso curva, la stessa cosa che gli è successa a Jerez il venerdì mattina. In Qatar aveva un grosso vantaggio e in un solo giro aveva dato un secondo a chi lo seguiva. A Jerez è caduto dopo aver fatto il record della pista al quarto giro del venerdì. Bene, abbiamo capito che si poteva cambiare qualcosa per sistemare questo problema in ingresso e a Le Mans ci siamo presentati competitivi in una pista che non ci aveva mai visto in evidenza. In Francia Casey non è caduto in ingresso, ma in una curva lunga che si fa con il gas in mano. Nel giro precedente, nonostante avesse sporcato il giro con il sorpasso ad Hayden, era già più veloce di 3 decimi rispetto agli altri. Nel giro in cui è scivolato, nei due primi split, aveva dato rispettivamente due decimi e una previsione di 3. Certo, stava chiedendo molto alla moto e aveva già avuto segnali che era al limite".
- Insomma, perché non gli dite di andare più piano?
"Il compito nostro è quello di studiare e risolvere i problemi e permettergli di andare così forte senza cadere. Abbiamo capito qualcosa dopo Le Mans e al Mugello ci presenteremo con qualche idea nuova".
- Non mi hai risposto, perché non va più piano, cos'è senza controllo?
"Il confine tra un eroe è un idiota è molto labile. Pensa a Sepang quando Casey, dopo quattro turni sul bagnato, si è trovato con la pista che si asciugava e dava due secondi al giro a tutti (e alla fine 14 a Pedrosa e 19 a Rossi, ndr). Beh, questa impresa me la ricorderò sempre".
- Ma chi può farlo ragionare?
"Stoner ha lavorato con tanti tecnici, compreso Ramon Forcada che oggi è con Lorenzo. Lui mi disse che Stoner stava per farlo smettere con le corse! E invece con Cristian Gabarrini, suo tecnico dal primo giorno in Ducati (test di Valencia, novembre 2006) ha trovato l'anima gemella. Il loro non è un rapporto normale, è quasi un rapporto di coppia. E interferire dall'esterno su questo non è corretto, la loro è una coppia che funziona. Molto di quello che Stoner ha raccolto con la Ducati è merito di Cristian e della sua squadra e loro lo sanno capire. Ci sono piloti che hanno bisogno di stimoli e di pungoli: Casey non è così. Il nostro ingegnere ha sempre detto che Casey ha più talento di Valentino, in precedenza aveva lavorato con Hofmann, forse era una pazzia metterli assieme, ma hanno vinto. Lo sai, contano solo i risultati…".

Ci sono piloti che hanno bisogno di stimoli e di pungoli: Stoner non è così

- Mi viene in mente un parallelo: Haga in crisi in Superbike, Stoner in Moto GP, è un anno duro per la Ducati?
"Non credo sia un confronto corretto: Stoner è veloce sempre, in tutti i turni e qualche volta lo è meno in gara. Haga ha difficoltà in qualifica e in corsa si sblocca. Uno è giovane, l'altro esperto. No, sono troppo diversi.".
- Bene, veniamo al concreto: che strategia avete deciso di adottare visto che il mondiale pare già perso?
 
"Non cambiamo di una virgola dal solito. Pensiamo a portare a casa più punti possibile. Cerchiamo di vincere dove e quando si può. Lavoriamo gara per gara, ne mancano 15, quindi prima di settembre l'unica strategia è questa; a quel punto studieremo qualcosa. Insomma: proviamo a vincere, poi si vedrà! Ovviamente non pensiamo e speriamo in disgrazie altrui, faremo del nostro meglio e, se va male, perderemo con onore".
- C'è chi dice che le voci di mercato abbiano destabilizzato Casey, vero o falso?
"Onestamente non lo posso sapere. Credo che queste cose tolgano energie durante la settimana, ma quando la visiera si abbassa penso non si facciano sentire".
- Si è sentito dire che Casey potrebbe usare di nuovo il motore a scoppi irregolari per cercare più potenza, vero?

"Non credo che il big bang lo abbia danneggiato, io so che quando facemmo la comparazione tra quello a scoppi regolari usato lo scorso anno e il big bang attuale, quattro piloti, Stoner compreso, non ebbero dubbi. Nei test di Sepang abbiamo portato uno screamer per lui, nel caso volesse testarlo sulla pista più favorevole a questo tipo di motore, ma lui non l'ha nemmeno voluto provare, disse che la sua scelta era già fatta. Voleva e vuole il big bang. Aggiungo: solo lui può capire se questa è la scelta giusta, solo lui arriva al limite della moto e, in ogni caso, quando è caduta andava forte, quindi il big bang è competitivo".
- Delle voci di mercato, cosa ne pensi?
"Credo che dalla Yamaha nessuno voglia andare via, per me Stoner è un pilota fantastico e penso anche che si parli di queste cose con troppo anticipo".

Grazie ingegnere, per fortuna ci sono quelli come lei. Quelli che non urlano slogan, che non inventano bufale, ma che ragionano e ti fanno ragionare. E, alla fine, capire.

Alla luce delle recenti, drammatiche condizioni che il coronavirus sta producendo in Italia e nel mondo, Domus sente l’esigenza di dare un segnale di presenza, interpretazione e sostegno a tutte le attività creative e produttive, italiane e straniere

Cristian Lancellotti

Vai a #BackOnTrack

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • Conte Vlad
    Rolling Stoner? - Tanti han fatto riferimento all'ingresso di Stoner nella MotoGP ed all'appellativo (rolling - datogli da un cret..ese). In una intervista di quei tempi, Casey spiegava che non avendo un mezzo competitivo (honda clienti) doveva - sempre, comunque e in qualsiasi punto del tracciato - metterci del suo, fino prima o poi, a volare. Ma non scordiamo la prima gara, pole da rochie! MITICO
  • robutrix
    Bene - Credo a tutto quello che e' stato scritto perche' preziosi ha detto una sacrosanta verita': "stava chiedendo molto alla moto e aveva gia' avuto segnali che era al limite". Si e' visto benissimo che su quella curva, nel giro precedente, aveva rischiato di perdere l'anteriore. Il problema di Casey e' nella sua tanta voglia di superare tutto e tutti, anche i limiti della fisica. Ce la fara'.
  • Steve584683
    Incapacita' di gestire la pressione - Per chi mastica anche un po' di supercross, Stoner mi ricorda tanto Damon Bradshaw a cavallo degli anni '80 e '90 ritiratosi giovanissimo causa stress. Era nettamente il piu' veloce in pista, poi pero' i titoli li vinceva Bayle che sembrava andare piano. Capirossi in tempi non sospetti lo aveva detto..."fa quello che fa senza sapere nenche lui come, vedremo alle prime difficolta' come reagira'..."
  • DesmoManto
    PERPLESSITa'!!!! - Mi chiedo come facciano a dire che Stoner abbia piu' talento del Vale quando la differenza tra i due e' di 9 - 1..Cioe', 9 mondiali contro 1. Ok ke Stoner ha ancora anni davanti a se' per correre pero' non mi sembra che si stia dimostrando tutto quel talento che gli dipingono addosso?! Voglio, cos'e' in grado di fare, vedere se mettessero Stoner su una moto cancello come la Yamaha prima di Valentino?!?
  • mitsuhashi1
    la linea tra l'idiota e l'eroe e' sottile - penso che questa frase dica tutto e vale per tutti i piloti nel momento che tirano in una gara, io sono un grande tifoso di valentino, ma sparare a zero su stoner solo perche ha mandato la moto al limite mi sembra troppo, tutti i piloti piu' grandi hanno fatto grandi gare e magari senza rischiare di cadere non sarebbe stato cosi'.
  • ziobato
    Grazie! - Grande Preziosi, ma grande anche Masetti! Grazie ad entrambi. Anch'io appartengo alla schiera di coloro che preferirebbero "leggere di piu' i commenti di chi si sporca le mani e non dei milioni di euro dei contratti" (? coach146): questo articolo e' da incorniciare.
  • favolart
    a sandw - ogni volta che si ricorda un corpo a corpo tra stoner e valentino ci si riporta a laguna seca dove, purtroppo, casey cadde a diversi giri dalla fine. pero' non ci si ricorda mai di barcellona 2007, dove casey, a differenza di lorenzo nel 2009, oltre a vincere la sfida di un corpo a corpo con valentino, vinse anche la sfida di tenere a bada quel mostro indomabile della ducatigp7 !! Wla Motogp !!
  • vaccaroale
    Certe volte agli sportivi si spegne la luce - e non si capisce perche'. Un lettore ha citato Spencer ma non e' il solo. Beattie aveva fatto piu' o meno uguale (anche se i titoli non c'erano). Uscendo dal motociclismo c'e' stato lo sciatore Rok Petrovic che da dominatore degli slalom agli inizi degli anni '80 in un anno e' uscito di scena. E se fosse il turno di Casey? Sinceramente mi dispiacerebbe, speriamo di no.
  • steeve0303
    in pagella 10 a Masetti - Se si potesse votare l'articolo darei un bel 10. Trasparente, onesto ed imparziale.. Forse come le persone che vi hanno preso parte? Quello che ogni appassionato (non parlo di tifosi) vorrebbe leggere su questo meraviglioso mondo delle 2 ruote. Grazie.. ce ne fossero magari altri in questo stile
  • Alverman0104
    e' sempre piu' dura x Casey..... - ho l'impressione che il problema sia... ricorrere alla tecnologia per quello che il pilota nn sa fare...! Da tempo ci siamo accorti dei limiti del pilota Stoner, ovvero, lui non sa dov'e' il "limite"...il gas e' sempre "aperto" e l'elettronica deve fare il resto! Non metto in discussione la sua velocita', ma il suo modo di gestire le corse; o stravince o perde la testa e cade!
  • Rapi1947
    Stoner - Sono perfettamente in sintonia con Preziosi, Stoner e' un grande campione e la Ducati deve fare di tutto per farlo primeggiare. Forza Stoner!!!!
  • sandw
    piu' talento di valentino!!!! - fosse solo x gli 8 di differenza tra i 2 e stiamo parlando di mondiali non di gare... ma poi mi sembra che sul corpo a corpo stoner abbia sempre preso sonore paghe che lo hanno messo pure in ginocchio vedi laguna.... come fa uno a dire che casey ha piu' talento del pilota piu' forte del mondo va bene che ogniuno porta l'acqua al proprio mulino ma siamo realisti!!!! veloce ma non e' un vincente
  • slow bear
    Andare fortissimo non basta - Che stoner sia velocissimo,credo sia sotto gli occhi di tutti,ma x essere un grande campione forse bisogna anche imparare a sentire il limite della moto e qualche volta anche il proprio (tenere la manetta sempre aperta e fidarsi cecamente dell'elettronica non e' tanto normale),lorenzo sembra che ci sia riuscito e infatti sta' vincendo alla grande, forse deve solo maturare un po' di piu'?
  • manicawa
    EH SI.... - E per fortuna che ci sono quelli come Lui. ho letto l'intervista tutta d'un fiato e mi sembrava quasi di sentirlo parlare, innamorato delle sue moto, tecnico, genio e uomo allo stesso tempo. Chissa' cosa darei per parlargli di persona!!
  • Conte Vlad
    Un tecnico, un giornalista, un pilota - si trovano su di un aereo che sta' precipitando! .................... ;) Preziosi e' davvero grande. Non ragiona per rallentare un pilota "cadente" ma per riuscire a farlo andare come vuole lui, 1 secondo oltre ai limiti altrui. Limiti che i competitori si sognano. Credo sia lo spirito vincente che si puo' avere solo in un'azienda familiare.
  • csoverin
    Preziosi... - Un uomo da prendere come esempio...
  • Macchi205
    Fare quadrato - Grazie,Ing. W Stoner,grande campione! Protegggiamo il nostro gioiello.
  • Bendo0101
    Bravo Preziosi - Fatti .. non pugn...
  • ms29er
    Assurdo - Ok c' e' la crisi economica ... ma mi sembra che siamo arrivati all' assurdo: modificare la carburazione nel giro di ricognizione per consumare meno ?!?!?!?!?!?!?!?!?! Cosi' e' davvero un mondiale superCASTRATO ! Ma togliete l' elettronica se proprio vogliamo ridurre i costi e facciamo dei bei 1000 liberi di bruciare benza !!!
  • centogab
    Preziosi e' un grande, altro che Del Torchio.... - Preziosi si e' rivelato per una volta in piu' un grande uomo, che dice le cose con cognizione di causa e che non va dietro alle scemenze del momento; ha ribadito che Stoner e' ancora molto veloce e che se ha qualche problema col feeling con l'anteriore devono provare a risolverlo e non certo a scaricare il pilota che ha contribuito (insieme a Preziosi stesso) a far vincere un mondiale alla Ducati.
  • maxmu
    commento - bell'intervista, finalmente ragionamenti e non frasi fatte!
  • SADUS44
    vai piano - Casey vai piano 7 decimi in un settore son tanti gestisciti son stai giocando in arcade :)
  • fcalissi
    Quei bravi ragazzi che ti fanno ragionare - "Grazie ingegnere, per fortuna ci sono quelli come lei. Quelli che non urlano slogan, che non inventano bufale, ma che ragionano e ti fanno ragionare. E, alla fine, capire" E grazie anche a Masetti stavolta franco
  • coach146
    Grande Preziosi! - Hai ragione Masetti ce ne fossero come lui...un genio che ha messo sale sulla coda dei Jap, vale 100 volte di piu' una chiaccherata cosi' che uno scoop farlocco ma molto sbandierato. Hai le conoscenze giuste per fare qualche articolo come questo, mi piacerebbe leggere di piu' i commenti di chi si "sporca" le mani e non dei milioni di euro dei contratti.
  • pantah0510
    Grazie - a Uomini cosi' che sono e saro' sempre orgoglioso della Ducati,sa' bene che il problema e' all'80% di Stoner che spinge troppo nei primi giri,ma comunque gli toglie pressione cercando eventuali soluzioni alternative nella moto
  • vmax0302
    CASEY E DUCATI - La relazione fra Casey e la Ducati nos si puo riassumere "allegremente" parlando di marketing e scivolate...io vado alla sustanza: 1.- Casey ha fatto pi? per Ducati che tutti gli Italiani insieme ( eccetto Filippo Preziosi )...soltanto deve imparare a "administrarsi" meglio e controllare i nervi. 2.- Nel 2007/8/9 Casey e Ducati sono stati il duo a battere ( gli altri erano solo ripieno )
  • gitano0303
    Di chi e' la colpa? - Secondo l'Ing. Preziosi la moto e' competitiva e il pilota e' veloce, talmente tanto che cade quando sta andando piu' forte di tutti: forse troppo forte, no?! Mi viene il dubbio che Stoner non abbia la percezione del limite, cosa imprescindibile per un pilota: difatti, si merito' il titolo di Rolling Stoner in categorie o su moto senza traction control, o con traction control poco evoluti...
  • lukrubio
    Stoner e' gia' in fuga.... - Dopo aver letto l'analisi lucida e chiara dell'Ing.Preziosi,posso pensare che Stoner sia' gia' con la testa altrove,perche' se il mezzo e' migliorato con il cambio del motore,vedere i risultati di Hayden,non mi vengono in mente altre soluzioni. E' chiaro che perdere Stoner sara' un duro colpo e piloti liberi che si possono trovare non ci sono,e l'idea Vale in rosso,possiamo scordarla bellamente..
  • anto_ral
    MASETTI SEI IL SOLITO MITO - non vorrei sembrare troppo ossequioso ma...grande Masetti, e sopra tutto grande Preziosi. Se ci fosse piu' gente cosi' in giro...una intervista utile e non di quelle buttate giu' per rimepire il foglio, pacata e diretta, che aiutano davvero chia ama questo sport e non il gossip, a stargli vicino e viverlo con intensita'. grazie.
  • kevin 340303
    continuo a pensare che il problema di Stoner sia.. - ..nella sua testa... dopo la "fuga" a dir poco misteriosa dell'anno scorso, ora una serie di cadute un poco strane.. secondo me si mette (da solo) troppa pressione addosso, come se invece di vincere volesse stra-vincere... gran fenomeno Casey, ma mi sembra un poco "fragile" di testa, mi ricorda tanto un certo Freddy Spencer...