Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Motogp

Aoyama, la follia del campione

di Marco Masetti il 09/11/2009 in Motogp

Ha disputato la gara finale che gli ha consegnato il titolo della 250 pensando a Kato, correndo a testa bassa e con il cervello staccato

Aoyama, la follia del campione
"Quando ero sulla ghiaia ho sentito che Daijiro (Kato) mi stava guardando e aiutando a restare in piedi". Hiroshi Aoyama, l'ultimo samurai, campione del mondo della 250, l'ultimo della storia, si è comportato da vero guerriero. Si è fatto forza con il ricordo di un amico, di un eroe, e ha corso la gara più folle della storia. La leggenda che i giapponesi siano gelidi e abili a controllare le emozioni è una delle più grosse sciocchezze del mondo.
Hiroshi ha corso a testa bassa, cervello staccato, alternando una fase iniziale degna di un pilota che deve rimontare 21 punti al rivale (e invece li aveva di vantaggio) a un finale con passo da parata.
Alla fine ha vinto e Marco Simoncelli, steso per terra, non ha potuto che battere le mani al rivale.

Ora passa alla MotoGP, dove correrà in sella, neanche a dirlo, di una Honda

Aoyama il mondiale lo ha vinto a inizio stagione e nella fase centrale, quando ha guidato con rabbia e classe. Sul finire di questo mondiale è letteralmente scoppiato, ma ce l'ha fatta. Era dal 2001 che un giapponese non vinceva la 250, anzi che non vinceva qualcosa. Loro sono fatti così: bravissimi a costruire moto, meno a guidarle, almeno nella attuale fase storica del mondiale.
Aoyama, che correrà con la Honda del team Interwetten, è nato il 25 ottobre del 1981 a Chiba, ha iniziato con le moto fin da bambino ma è esploso nel campionato giapponese della 250. Grazie al quale è arrivato al mondiale nel 2000, wild-card a Motegi. Un anno dopo era già sul podio e nel 2003 ha vinto la prima gara del mondiale, naturalmente in Giappone, in sella ad una Honda. Ha corso 104 GP, tutti in 250 tra Honda e KTM, con 9 vittorie, 27 podi, 11 giri veloci e un titolo mondiale. Il primo per la Honda dal 2006, quando Hayden diventò campione della MotoGP.
1996 Kanto Minibike Champion
1997 Kanto Minibike Champion
1998 2° 125 Tsukuba Championship (Honda)
1999 11° 125 All-Japan Championship (Honda)
2000 2° 250 All-Japan Championship (Honda)
2001 8°250 All-Japan Championship (Honda)
2002 2° 250 All-Japan Championship (Honda)
2003 250 All-Japan Champion (Honda)
2004 6° 250 World Championship (Honda)
2005 4° 250 Campionato del mondo (Honda)
2006 4° 250 Campionato del mondo (KTM)
2007 6° 250 Campionato del mondo (KTM)
2008 7° 250 Campionato del mondo (KTM)
2009 250 Campionato del mondo (Honda)
Aoyama, la follia del campione
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • ninja63
    aoyama.. unico giap a stare in piedi - che dire.. condivido pienamente il commento di RDo3o3, mi ha tolto le parole di bocca!! grande pilota, il primo dopo kato.. ma di piu' il team!!
  • RD0303
    Giapponese felice e giapponesi no - Grande Aoyama, ma fa piacere ancora di piu' che abbia vinto con una moto sviluppata da un team italiano dopo che la Honda ha abbandonato il progetto. Che bello vedere le facce dei tecnici Honda incazzati perche' vinceva.....
  • lukrubio
    Aoyama campione,Sic il futuro italiano... - Grande Aoyama,un plauso a Sic che in ogni caso e' stato un grande avversario ,purtroppo ha pagato alcuni errori di inzio stagione.Il valore di Sic lo vedremo ora in Moto GP,un altro rappresentante dell'Italia che in moto sa andare forte. 58 The Best......
  • Max041128
    mitico aoyama - da italiano dovrei essere triste per sic ma invece sono felice che abbia vinto aoyama sicuramente piu onesto e corretto di simoncelli che sa solo far ridere il pubblico ....vedi sbk quando senza nessun motivo e' andato solo a infastidire biaggi volendo dimostrare cose inutili ....che gli serva di lezione...di umilta....forza biaggi grandissimo aoyama gambaremas
  • lucamax74
    grande Aoyama,in nome di KATO - grandissimo Aoyama a vincere un titolo con una moto che sul dritto pagava 20 km/h alle aprilia e grande anche simoncelli a sdraiarsi per l'ennesima volta....