Cerca

Seguici con

Prove della redazione

Ducati Supersport S 2017/0, Ducati 959 Panigale 2017/0

Andrea Padovani il 02/10/2018 in Prove della redazione
Ducati Supersport S 2017/0, Ducati 959 Panigale  2017/0
Ducati Supersport S 2017/0
937,0 / 83,1 kW (113 CV) / 2 cilindri a V di 90° / Euro4
da € 15.140 c.i.m.
Ducati 959 Panigale 2017/0
955,0 / 115,5 kW (157 CV) / 2 cilindri a V di 90° / Euro4
da € 17.100 c.i.m.

Bicilindrico desmo, mezzi manubri, cilindrata attorno ai 950 cc, un frontale dall'innegabile family feeling: sembrerebbero simili queste due sportive bolognesi, ma nella guida mostrano caratteri molto diversi, tanto in pista quanto in strada. E non è detto che a vincere sia quella che arriva per prima al traguardo...

Così uguali, così diverse. Entrambe bianche, aggressive, uniche… perché quel magnifico frontale si riconosce tra mille; nell'universo delle sportive carenate è un rimando senza se e senza ma alla Ducati. Ma per quanto ad una rapida e distratta occhiata possano apparire simili, la 959 Panigale e la SuperSport (nel nostro caso la più raffinata versione S) sono due prodotti che hanno poco in comune. Per feeling, per carattere e per precise scelte tecniche. Già a una sommaria osservazione si capiscono molte cose: i semimanubri, ad esempio, offrono al pilota una sistemazione ben diversa. Nella SuperSport sono più rialzati e sono abbinati ad un plexiglas regolabile su due posizioni, a tutto vantaggio del comfort. Discorso diverso per la Panigale, dove la posizione di guida è tipicamente racing e il cupolino è basso per offrire la migliore penetrazione aerodinamica. In quest'ultima, anche l'altezza della sella non gioca a favore della praticità d'uso: con 830 mm (20 mm in più della SuperSport) le manovre da fermo non sono proprio agevoli. Praticità d'uso… un concetto su cui ritorneremo in questo contesto e che sarà discriminante nella valutazione di questi mezzi. Perché se è vero che stiamo parlando di due moto spinte da bicilindrici Desmo di estrazione, cubatura e potenza diversa, altrettanto vero è che non sempre vince (se di vittoria si può parlare in un confronto così strano) chi va più veloce…

Sembra... anzi no

La più prestante tra le due è ovviamente la 959 Panigale, nata nel 2016 sulle ceneri della 899. Per far fronte ai vincoli della normativa Euro4 senza che nulla fosse perso in termini di prestazioni, la cilindrata è cresciuta a 955 cc grazie alla corsa più lunga del pistone (da 57,2 mm a 60,8 mm) da ricondurre al nuovo albero motore. Nuovi sul motore denominato Superquadro anche le bielle e i citati pistoni mentre teste e coperchi superiori sono stati ridisegnati per limitare la rumorosità meccanica. Modificato anche il sistema di alimentazione ride-by-wire: due gli iniettori per ciascun corpo farfallato ellittico. Il secondo è situato nell'air-box e interviene a circa 9.000 giri. Anche l'impianto di scarico è stato modificato: i silenziatori che prima erano inglobati inferiormente nella carena hanno lasciato posto a un doppio terminale in titanio sul lato destro. Il motore che spinge la SuperSport S è invece il Testastretta 11° di 937 cc che equipaggia l'Hypermotard 939: il carter e le teste sono però stati ridisegnati così come i passaggi dell'acqua. Il motore è alimentato da corpi farfallati di 53 mm di diametro gestiti anche qui da un sistema full ride by-wire. L'elettronica di gestione è evoluta: tre i riding mode (Sport, Touring e Urban) a cui sono collegate mappature motore dedicate, il Traction Control e l'ABS. La logica di funzionamento dell'elettronica è la medesima di quella della 959 Panigale che si differenzia per i riding mode selezionabili (Race, Sport e Wet) e ovviamente per la taratura degli stessi. Differenze importanti anche a livello ciclistico: se nella Panigale il telaio è risolto con un elemento monoscocca anteriore in alluminio, nella SuperSport troviamo un classico un traliccio in tubi di acciaio. Il forcellone nella prima, il monobraccio nella seconda, sono fulcrati direttamente nel basamento del motore.

Due moto, una pista

Che la 959 Panigale sia una moto estrema sotto ogni aspetto è una affermazione quasi banale. Basta guardarla per capire. E una volta saliti la situazione è pure peggio: la triangolazione sellapedane-manubrio, ogni dettaglio, tutti i comandi sono studiati per la massima prestazione. La 959 è un animale da pista che nell'uso normale risulta irritante tanto è indisponente, fastidiosa e scomoda. L'abbiamo capito con chiarezza dopo aver fatto la conoscenza con la SuperSport, che al suo cospetto sembra una tranquilla turistica: la posizione di guida con busto più eretto già strappa un sorriso e permette un approccio più disinvolto. Anche varcando i cancelli di una pista. Perché, diciamocelo, quanti saranno quelli in grado di sfruttare appieno le potenzialità di un mezzo tanto specialistico come la Panigale? Pochi a nostro avviso: da sempre la Ducati realizza moto sportive di grande personalità ma anche difficili da capire fino in fondo. Quindi a questo punto la seconda domanda è: perché non guardare a un mezzo meno estremo, sfruttabile fino in fondo, godendo di ogni sua sfumatura? Quello insomma che accade con la SuperSport, da cui non si vorrebbe più scendere: controllo totale, risposte ciclistiche misurate, feeling anche alle massime inclinazioni. Che non saranno quelle della Panigale, ma poco ci manca. Tempi alla mano non c'è storia: la SuperSport non regge il confronto. La differenza in termini di CV è abissale… ben 44. Quando si forza si percepisce che manca qualcosa in termini di precisione di guida, di capacità di chiudere la traiettoria, di solidità in frenata, di grinta in accelerazione. Aspetti che la Panigale porta al limite: la 959 è una scarica di adrenalina che dura lo spazio di una manciata di giri al limite (per chi ci riesce): l'avantreno scava l'asfalto, in piega offre una solidità da riferimento, in staccata è una roccia. La SuperSport va goduta giro dopo giro, dopo giro, dopo giro… non stanca, non impegna, non stressa il pilota. E soprattutto non ci si ritrova in balia della moto.

A passeggio... o quasi

Questo su pista. E su strada? Beh, qui il divario è ancora maggiore. Perché nel classico giretto domenicale, con la Panigale dopo mezzora si inizia istintivamente a cercare un bar dove riposare gli avambracci. Al contrario, con la SuperSport si va avanti senza grossi problemi per ore: il parabrezza regolabile offre un buon riparo (specie nella posizione alta) e la maneggevolezza è di buon livello, tanto nel lento quanto nel veloce. La 959 è decisamente più fisica e più secca sulle asperità del fondo, un po' per la taratura delle sospensioni, un po' per le diverse quote ciclistiche, un po' per la citata posizione di guida più caricata verso l'avantreno. La SuperSport ha dalla sua anche un bicilindrico più gentile, specie ai regimi più bassi: non raggiunge la fluidità di funzionamento di un quattro in linea, ma poco ci manca. Con la 959 occorre invece abituarsi a una certa ruvidità ai bassi regimi, laddove il motore viene più spesso utilizzato per non incorrere in problemi con il codice della strada. E il ricorso al cambio si fa inevitabile: il quick-shift (che lavora solo in inserimento di marcia) è un grande aiuto. Ma la SuperSport fa di meglio visto che la versione S è dotata dello stesso sistema con in più la funzione "scalata": e la frizione è solo un ricordo. Sostanziale parità invece nel funzionamento dell'impianto frenante: su entrambe le moto la potenza sviluppata dal doppio disco anteriore è molto elevata e la modulabilità è al top.

Dati Tecnici

 
Ducati Supersport S
Ducati
Supersport S 2017/0
Ducati 959 Panigale
Ducati
959 Panigale 2017/0

Motore

2 cilindri a L 2 cilindri a V di 90°

Raffreddamento

a liquido a liquido

Alesaggio corsa

94,0 x 67,5 100,0X60,8

Cilindrata (cc)

937 955

Rapporto di compressione

12,6:1 12.5:1

Distribuzione

Desmodromica bialbero a camme in testa Desmo bialbero a camme in testa

Alimentazione

iniezione elettronica con 2 corpi farfallati Full RbW da 53 mm iniezione elettronica con 2 corpi farfallati e doppio iniettore

Lubrificazione

a carter umido a carter umido

Serbatoio (litri/riserva)

da 16 lt da 17 lt

Frizione

multidisco in bagno d'olio mutidisco in bagno d'olio con antisaltellamento e comando idraulico

Telaio

a traliccio monoscocca

Materiale

in tubi d'acciaio alluminio

Sospensione ant/regolazioni

forcella rovesciata da 43 (48) mm tutta regolabile forcella rovesciata da 43 mm tutta regolabile

Sospensione post/regolazioni

monobraccio in alluminio e ammortizzatore regolabile nel precarico e in estensione (completamente regolabile forcellone in alluminio, ammortizzatore tutto regolabile

Escursione ruota ant/post

130/144 mm 120/130 mm

Pneumatico ant/post

ant. 120/70-ZR17; post. 180/55-ZR17 ant. 120/70-ZR17; post. 180/60-ZR17

Freno anteriore

2 dischi da 320 mm, pinze ad attacco radiale a 4 pistoncini 2 dischi da 320 mm, pinze ad attacco radile monoblocco a 4 pistoncini

Freno posteriore

disco da 245 mm, pinza a doppio pistoncino 1 disco da 245 mm, pinza a doppio pistoncino

Lunghezza

n.d. 2.056

Altezza sella

810 830

Interasse

1.478 1.431

Peso a secco

peso a secco 184 kg peso a secco 176 kg

Potenza max/giri

83,1 kW-113 CV a 9.000 giri 115,5 kW (157 CV) a 10.500 giri

Coppia max/giri

96,7 Nm-9,86 kgm a 6.500 giri 107,4 Nm (10,9 kgm) a 9.000 giri

Prestazioni

Il commento del centro prove

La differenza di potenza tra la SuperSport S e la 959 Panigale è notevole e si concretizza in distacchi sensibili in accelerazione, specialmente sul traguardo dei 1.000 metri e in quello successivo dei 1.500 (rispettivamente oltre un 1"e mezzo e ben 2" e 6 decimi). La SuperSport si prende una bella rivincita nella prova di sorpasso dove il suo Desmo si impone grazie all'erogazione più morbida e regolare ai medi regimi. Equilibrata la situazione in frenata, anche se nella prova 130-80 km/h la posizione più caricata sull'avantreno della Panigale determina l'alleggerimento della ruota motrice con inevitabile intervento dell'ABS. Circa 10 i kg di differenza sulla bilancia tra le due moto.

Curva di accelerazione

Ducati Supersport S 2017/0, Ducati 959 Panigale  2017/0

Condizione della prova

Cielo sereno
Vento 1,1 m/s
Temperatura aria 16°C
Pressione atmosferica 1.020 mb
Temperatura asfalto 22°C

Rilevamenti

 
Ducati Supersport S
Ducati
Supersport S 2017/0
Ducati 959 Panigale
Ducati
959 Panigale 2017/0

RILEVAMENTI

Velocità a 1500 m con partenza da fermo (tempo) 228,3 km/h (29,8 s) 259,5 km/h (27,2 s)

ACCELERAZIONE

0-400 m 11,6 s (193,0 km/h) 11,0 s (213,4 km/h)
0-1000 m 21,9 s (222,2 km/h) 20,2 s (251,0 km/h)
0-90 km/h 3,0 s (37,2 m) 3,1 s (37,2 m)
0-130 km/h 5,3 s (107,8 m) 4,6 s (84,7 m)

PROVA SORPASSO (nella marcia più alta)

80-130 km/h 4,9 s (143,2 m) 5,9 s (173,0 m)

FRENATA (compreso tempo di reazione convenzionale pari a 1 s)

130-80 km/h 2,4 s (75,6 m) 2,5 s (80,1 m)
50-0 km/h 2,5 s (24,3 m) 2,7 s (24,8 m)

CONSUMO

Urbano Pista 11,2 km/l Pista 9,8 km/l
Extraurbano 19,1 km/l 18,6 km/l
Autostrada (130 km/h indicati) 16,9 km/l 16,5 km/l

PESO

In ordine di marcia e serbatoio pieno 216,0 kg 207,5 kg
Distribuzione masse senza conducente (% ant./post.) 51,0/49,0 52,0/48,0
Distribuzione masse con conducente (% ant./post.) 48,0/52,0 49,0/51,0

Pagelle

 
Ducati Supersport S
Ducati
Supersport S 2017/0
Ducati 959 Panigale
Ducati
959 Panigale 2017/0

In sella

Se non avessero la targa e l'obiettivo finale fosse il tempo sul giro non ci sarebbe storia: ma visto che entrambe sono destinate alla strada, il maggior feeling offerto dalla SuperSport S fa la differenza.
4.0
2.5

Comfort

Con la Panigale si soffre sotto ogni punto di vista, a partire dalla posizione in sella. Decisamente meglio la SuperSport: le sospensioni sono più morbide, la protezione aerodinamica migliore, la ciclistica più gentile.
3.0
1.5

Dotazioni

Una stella in più alla SuperSport S per le sospensioni più raffinate firmate Öhlins e per il quick-shift che funziona anche in scalata. Per il resto le due moto si equivalgono abbastanza, con una dotazione davvero super.
5.0
4.0

Qualità percepita

Difficile pretendere di meglio. Tutto curato come si deve, componentistica di prim'ordine, assemblaggi e finiture superficiali perfetti. E poi c'è quel look inconfondibile che esalta ogni minimo dettaglio.
5.0
5.0

Capacità carico

Viene naturale puntare il dito contro la Panigale... ma con la SuperSport S la situazione non è molto migliore. Su quest'ultima almeno il passeggero si ritrova con pedane meno alte e una sella leggermente più comoda...
2.5
2.0

Motore

Dal punto di vista delle prestazioni pure, il Desmo della 959 Panigale è una bomba. Quello della SuperSport compensa con una maggior fruibilità nella guida stradale. Comunque sia, promossi entrambi a pieni voti.
4.0
5.0

Trasmissione

Cambiate rapide e precise come fucilate, coadiuvate da un quick-shift sempre impeccabile. Specialmente quello della SuperSport S che funziona anche in scalata. Promosse le frizioni dotate di antisaltellamento.
4.5
4.0

Sospensioni

Ovviamente sono diverse per taratura e destinazione, ma sono ugualmente efficaci. Una stella in più a quelle della SuperSport S, il classico compromesso che riesce ad accontentare sia gli stradisti sia i pistaioli.
5.0
4.0

Freni

Qui siamo al top sia a livello qualitativo, sia in termini di prestazioni: l'impianto frenante Brembo non teme confronti e in pista l'ABS può essere disinserito al posteriore per il massimo dell'efficienza.
5.0
5.0

Su strada

La Panigale regala grandi soddisfazioni tra i cordoli, ma su strada è impegnativa e meno sfruttabile. La SuperSport S ha il grande merito di difendersi bene in entrambe le situazioni. Un pregio non da poco.
4.5
3.5

Versatilità

Casco nel cupolino, gas spalancato. La Panigale è così. Ma con la SuperSport S si possono anche programmare le vacanze estive: non a caso la Ducati ha ideato dei pacchetti di optional specifici per ogni utilizzo...
3.0
1.5

Prezzo

Quasi duemila euro di differenza non sono affatto pochi, specie se si considera che la più eclettica è quella che costa meno... In un mondo in cui le sportive soffrono, la SuperSport S è una opzione davvero interessante.
4.0
3.0

Gallery

Ducati Supersport S 2017/0, Ducati 959 Panigale 2017/0
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Listino

Ducati

Ducati

Supersport S

Ducati

Ducati

959 Panigale

Correlate

Annunci usato