Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Prove della redazione

Honda SH 125 ABS, Piaggio Vespa 125 LX

Stefano Borzacchiello il 09/09/2013 in Prove della redazione
Honda SH 125 ABS, Piaggio Vespa 125 LX
Honda SH 125 ABS
124,8 cc / 8,7 kW (11,8 CV) / 1 cilindro orizzontale / Euro 3
€ 3250 c.i.m.
Piaggio Vespa 125 LX
124 cc / 8,5 kW (11,6 CV) / 1 cilindro orizzontale / Euro 3
€ 3820 c.i.m.

Scegliere fra due icone, due modi del tutto diversi di spostarsi in città. A confronto il bestseller tra i ruote alte, l'Honda SH125i ABS e la celebre Vespa LX125 3V

Sarebbe bello ogni mattina aprire le porte del garage e avere a disposizione tutti i modelli di scooter in commercio, per poter scegliere il più adatto alle esigenze di quella particolare giornata... Ma siccome non si può avere tutto, bisogna fare delle scelte. Per aiutarvi abbiamo individuato fra le novità due modelli significativi, con un forte appeal ma caratteristiche molto differenti: l'Honda SH125i ABS, un ruote alte snello e compatto, e la Vespa LX 125 3V "il" classico con le ruote piccole. Che quest'anno ha ricevuto alcuni aggiornamenti estetici e monta il nuovo motore Piaggio a tre valvole. Questi scooter, seppur così diversi, hanno in comune una qualità: consumano poca benzina (oltre 35 km/l di media) che di questi tempi, con il prezzo del carburante alle stelle, è già una grande notizia. Prima di addentrarci nel confronto, guardiamo il listino: è evidente come il blasone e lo stile della Vespa si paghino. L'SH ha di serie parabrezza; paramini; cavalletto laterale e bauletto, mentre sulla LX per avere le stesse dotazioni si devono aggiungere scegliendo di montare accessori originali Piaggio, all'incirca altri 450 euro. Inoltre l'SH ha anche l'ABS di serie, mentre sulla Vespa l'antibloccaggio non è previsto nemmeno come optional.

Una questione di carico

Il sottosella piccolo è sempre stato il tallone d'Achille dell'SH, come del resto degli scooter a ruote alte in generale, ma sul nuovo modello questo limite è stato superato: nel vano del giapponese si può addirittura inserire un casco integrale e grazie al capiente bauletto da 35 litri e alla pedana piatta la capacità di carico è paragonabile a quella di un maxi: un vero record per la categoria. In più nel retroscudo troviamo, oltre al gancio portaborse, anche un piccolo cassettino con chiusura a pressione. La Vespa si difende bene: ha una pedana spaziosa e un vano retroscudo di medie dimensioni, ma un sottosella meno capiente, in cui vi si può alloggiare al massimo un casco jet. Inoltre, durante la prova di carico, l'SH si dimostra più pratico grazie al pulsantino a fianco al blocchetto di accensione che sblocca la chiusura della sella, mentre sulla LX bisogna inserire la chiave nella serratura posta sul lato sinistro della seduta. In un mondo popolato da scooter "tutta plastica", la Vespa si distingue ancora per il suo caratteristico telaio con scocca portante in lamiera d'acciaio. La 125 LX ha finiture curate e spiccano i numerosi dettagli cromati, come le cornici degli specchietti retrovisori, la mascherina che cela l'avvisatore acustico e la cresta sul parafango anteriore. Come il suo predecessore, il nuovo SH è ben assemblato: le plastiche sono solide e le verniciature brillanti.

Scelte diverse, un solo obiettivo

L'SH e la Vespa montano propulsori di nuova concezione: l'Honda eSP (enhanced Smart Power) e il Piaggio 3V. Il motore giapponese con distribuzione a 2 valvole e raffreddamento a liquido è stato rivisto per ridurre gli attriti interni, inoltre è abbinato a un alternatore che, oltre a generare corrente, funziona anche da motorino di avviamento: grazie al sistema "Start&Stop" consente di ridurre ulteriormente i consumi. Il nuovo 3V di Pontedera ha il raffreddamento ad aria e, rispetto al precedente motore "Leader", ha una corsa più lunga, gira a un regime inferiore, ha un migliore rendimento termodinamico e una combustione più efficace. La Piaggio opta per la distribuzione 3 valvole ritenendola la più efficace per ottenere il miglior rapporto tra prestazioni e consumi. Oltre al gruppo termico e alla testata è stata rivista anche l'elettronica.

Cittadini eccellenti

La posizione di guida su entrambi è accogliente: lo spazio per le gambe è più che sufficiente e la ridotta altezza della sella consente di toccare con sicurezza a terra con i piedi, un dettaglio non da poco specie nelle manovre a motore spento. In città la Vespa è maneggevole e rapida come pochi altri scooter, ma le ruote da 11" e 10" la rendono fin troppo reattiva nei cambi di direzione, e ciò va a discapito della stabilità quando si alza il ritmo. La 3V rispetto alla "vecchia" LX ha cambiato carattere: nelle partenze il motore ha una grinta sorprendente per essere solo un 125 cc, peccato che la frizione attacchi in maniera un po' secca. La frenata del disco anteriore è pronta, mentre il tamburo posteriore ha poco mordente e bisogna tirare con decisione la leva per ottenere una buona decelerazione. La Vespa comoda era e comoda è rimasta, certo sul pavé le ruotine e la ridotta corsa delle sospensioni fanno quello che possono. Se ci si sposta in coppia, lo spazio non manca e il passeggero oltre che su una buona porzione di sella può contare sulle maniglie laterali e sulle pedane integrate. Il nuovo SH125i è intuitivo e trasmette un feeling immediato. Inoltre, grazie alla redistribuzione dei pesi verso il posteriore (il radiatore è stato trasferito dallo scudo a lato del motore), l'anteriore è ancora più leggero e svelto negli slalom. Oltre a essere agile, l'SH è uno degli scooter più equilibrati, capace di regalare una sensazione di controllo assoluto anche viaggiando alla massima velocità, dove resta stabile e prevedibile. Il motore ha un'erogazione dolce e si rivela pronto e scattante a ogni richiamo del gas. Inserendo lo "Start&Stop", il sistema di autospegnimento si attiva in soli 3" a ogni sosta, ma basta ruotare l'acceleratore e lo scooter riparte: il comando del gas "dialoga" con la centralina attivando l'alternatore/avviatore che a sua volta mette in movimento l'albero motore e trascina la trasmissione facendo partire dolcemente il monocilindrico. In sella non ci si accorge di niente anzi sembra di guidare un normale scooter: fa solo effetto non sentire il borbottio del motore al semaforo. In città le ruote alte aiutano a digerire le malformazioni dell'asfalto e il comfort di marcia è buono. L'impianto frenante ha perso il ripartitore, ma grazie all'ottima modulabilità non se ne sente la mancanza. C'è poi l'ABS di serie: è a punto e interviene solo in situazioni limite. Il passeggero sta comodo e il bauletto con schienalino aumenta il comfort nei trasferimenti. In città Vespa e SH si contendono il primato dei consumi: nel nostro test ha avuto la meglio, seppur di poco, l'Honda con 38,5 km/l, ottenuti guidando nel traffico senza badare troppo a dosare il gas.

Dati Tecnici

 
Honda SH 125 ABS
Honda
SH 125 ABS
Piaggio Vespa 125 LX
Piaggio
Vespa 125 LX

Motore

1 cilindro orizzontale 1 cilindro orizzontale

Cilindrata

124,8 124,0

Serbatoio (litri)

7,5 8,3

Trasmissione

automatica con frizione centrifuga automatica con frizione centrifuga

Telaio

tubolare/acciaio monoscocca in acciaio

Sospensione anteriore

forcella teleidraulica da 33 mm monobraccio con bielletta oscillante

Sospensione post./regolazioni

doppio ammortizzatore/precarico mono ammortizzatore/precarico

Pneumatico ant./post.

100/80-16 - 120/8016 110/70-11 /120/70-10

Interasse

1340 mm 1280 mm

Lunghezza

2030 mm 1770 mm

Larghezza

740 mm 740 mm

Altezza sella

799 mm 785 mm

Peso in ordine di marcia

135 kg nd

Potenza max/giri

8,7 kW (11,8 CV)/8500 8,5 kW (11,6 CV)/8250

Coppia max/giri

11,0 Nm (1,1 kgm)/6500 10,7 Nm (1,09 kgm)/6500

Freno stazionamento

false no

Pedane passeggero

retrattili integrate

Presa da 12V

false no

Cavalletti

centrale/laterale centrale

Vano sottosella

contiene 1 casco integrale contiene 1 casco jet

Vano retroscudo

1, senza serratura 1, con serratura

Prestazioni

Il commento del centro prove

I numeri parlano chiaro: a causa del parabrezza di serie che penalizza l'aerodinamica dell'SH, la Vespa è una spanna sopra. La velocità di uscita ai 1500 m è prossima ai 100 km/h, quasi 7 km/h in più di quella dell'SH. Nello scatto da fermo la LX distanzia l'SH di ben 1 s sui 400 m, che diventano quasi 3 sui 1000 m. Il distacco si fa però importante nella prova di sorpasso: complice la velocità massima dell'SH, quasi identica a quella di uscita imposta dalla prova, il gap registrato è di quasi 10 s. Va precisato che sull'SH il parabrezza, volendo, può essere smontato. Coincidenti le prestazioni in frenata, nonostante la LX pesi 20 kg in meno dell'SH.

Curva di accelerazione

Honda SH 125 ABS, Piaggio Vespa 125 LX

Condizione della prova

Cielo sereno
Vento 1 m/s
Temperatura aria 13°C
Pressione atmosferica 999 mb
Temperatura asfalto 18°C

Rilevamenti

 
Honda SH 125 ABS
Honda
SH 125 ABS
Piaggio Vespa 125 LX
Piaggio
Vespa 125 LX

RILEVAMENTI

Velocità a 1500 m con partenza da fermo (tempo) 92,1 km/h (66,5 s) 98,8 km/h (62,3 s)

ACCELERAZIONE

0-400 m 22,8 s (84,8 km/h) 21,8 s (91,5 km/h)
0-1000 m 47,0 s (91,7 km/h) 44,1 s (98,5 km/h)
0-40 km/h 3,5 s (22,2 m) 3,3 s (21,0 m)
0-80 km/h 17,3 s (273,5 m) 14,1 s (217,1 m)

PROVA SORPASSO (nella marcia più alta)

50-90 km/h 30,7 s (676,3 m) 21,5 s (450,1 m)

FRENATA (compreso tempo di reazione convenzionale pari a 1 s)

90-50 km/h 2,4 s (52,4 m) 2,4 s (51,7 m)
50-0 km/h 2,5 s (24,4 m) 2,5 s (25,4 m)

CONSUMO

Urbano 38,5 km/l 36,7 km/l
Extraurbano 34,5 km/l 32,5 km/l
Autostrada (130 km/h indicati) n.r. n.r.

PESO

In ordine di marcia e serbatoio pieno 142,0 kg 121,0 kg
Distribuzione masse senza conducente (% ant./post.) 37,5 / 62,5 34,0 / 66,0
Distribuzione masse con conducente (% ant./post.) 40,0 / 60,0 34,5 / 65,5

Pagelle

 
Honda SH 125 ABS
Honda
SH 125 ABS
Piaggio Vespa 125 LX
Piaggio
Vespa 125 LX

In sella

Su entrambi la posizione di guida è intuitiva: si ha tutto sotto controllo e grazie alla sella bassa nelle manovre da fermo si appoggiano bene i piedi.
5.0
5.0

Comfort

La Vespa è comoda e la sella è molto confortevole, l'SH però grazie alle ruote alte e alle sospensioni più sostenute filtra meglio le malformazioni.
4.5
4.0

Dotazioni

Parabrezza, paramani, bauletto e soprattutto l'ABS: all'SH non manca nulla. La Vespa è essenziale, ma la gamma di accessori è ricchissima.
5.0
2.0

Qualità percepita

Entrambi al vertice: la cura degli assemblaggi dell'SH è da riferimento tra gli scooter con carrozzeria in plastica, allo stesso tempo la solida scocca in acciaio della Vespa fa la differenza.
5.0
5.0

Capacità carico

L'SH è uno dei pochi ruote alte che nel sottosella contiene un integrale e in più ha anche il bauletto. La LX ha un vano ampio, ma meno profondo.
5.0
3.5

Motore

Il 3V della Piaggio per essere solo un 125 cc ha una grinta insospettabile. Il motore dell'SH ha un'erogazione fluida ma è meno brioso.
4.0
4.5

Trasmissione

Quella dell'SH ha una risposta sciolta a tutti i regimi, la Vespa è più pronta ma ha un innesto un po' ruvido.
4.5
3.0

Sospensioni

Gli ammortizzatori della LX filtrano ben le malformazioni dell'asfalto ma soffrono le sconnessioni. Ben tarate le sospensioni dell'SH.
3.5
3.0

Freni

Sull'SH sono pronti, modulabili e l'ABS a due canali è a punto. Sulla Vespa il disco anteriore è potente mentre il tamburo posteriore ha meno mordente.
4.5
3.0

Su strada

La Vespa è compatta agile e maneggevole, l'SH non è da meno, ma quando si alza il ritmo, a differenza della più reattiva LX, rimane stabile.
4.5
3.5

Versatilità

Per muoversi tutti i giorni in città l'SH e la Vespa sono l'ideale: con motori che consumano così poco, alla fine del mese si risparmia parecchio.
3.0
3.0

Prezzo

Il "pacchetto" Honda SH è uno dei più completi ed economici in circolazione. L'esclusività della Vespa si paga, ma si sa: i miti non hanno prezzo...
5.0
3.5

Gallery

Honda SH 125 ABS, Piaggio Vespa 125 LX
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • lotus82
    Questione di gusti - Questione di gusti. Sicuramente non sono piu' le Vespa degli anni 70-80. Da possessore di Vespa posso dirvi che se tornassi indietro non prenderei una Vespa. Solo scena, solo fashion, pubblicita' e poca sostanza. Questione di gusti, sicuramente la Honda a ruota alta avra' una stabilita' maggiore e poi e' sempre una ditta campione del mondo, la differenza nei dettagli si vede.
  • Trukbiker
    Non sempre si sceglie con la ragione - Certamente l'SH e' superiore (come quasi sempre Honda) ma teniamo presente il fascino che ha la Vespa. SH e' perfetta ma la Vespa e' la Vespa, e' un po' come parlare di Harley: non c'e' un motivo valido per comprarle, anzi ce ne sono cento per non farlo ma spiegalo ad un Harleista... tempo perso. Se poi devo usare la ragione come unico metro di misura...la discussione e' gia' finita
  • BenNick
    honda avanti anni luce - inutile continuare a dire che con honda non c'e' storia, tutta la dotazione e l'offerta sono piu' complete, disco posteriore, finiture, e dotazione di sicurezza (ABS!!!). certo che piaggio sembra aver fatto un bel motorino con quel 3V, ma il progetto secondo me ha bisogno di essere rinfrescato ulteriormente con dotazioni e finiture pari al prezzo. certo la Vespa e' sempre la Vespa!!
  • erressesteq
    Honda travolgente - La Vespa per arrivare al livello dell'Sh deve essere corredata di Bauletto, Parabrezza, ABS, e sistema start & stop, valora circa 1.500 euro. Poi si chiedono come mai in Italia vendono poche Vespa. p.s. La famiglia SH e' ai vertici delle vendite da anni......
  • taffy0402
    La ragione non lascia scelte - Alcuni aspetti della Vespa sono ormai anacronistici: la sostituzione del parafango anteriore, la parte piu' esposta agli urti, comporta lo smontaggio di forcella e circuito idraulico del freno anteriore, la riparazione di colpi e graffi a lasciare il veicolo fermo in carrozzeria. Ci sono poi i limiti del raffreddamento ad aria e l'instabilita' congenita delle ruotine. L'alto prezzo del fascino....

Listino

Piaggio

Piaggio

Vespa 125 LX

Correlate

Annunci usato