Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Prove della redazione

Sym Mio 50 , Malaguti Ciak 50 4T Cat

Fabio Cormio il 24/07/2012 in Prove della redazione
Sym Mio 50 , Malaguti Ciak 50 4T Cat
Sym Mio 50
49,5 cc / 2,8 kW (3,8 CV) / 1 cilindro orizz. / Euro 2
€ 1.459 c.i.m.
Malaguti Ciak 50 4T Cat
50 cc / non disponibile / 1 cilindro orizz. / Euro 2
€ 2.175 c.i.m.

Sfida all'ultima goccia di verde tra due campioni dei consumi. Chi ha trovato l'alchimia perfetta, il compatto taiwanese o il più elegante italiano? Ma soprattutto, chi ha fatto più strada con un euro di benzina?

Mentre scriviamo queste righe, con un euro si comprano 0,81 litri di benzina verde. Più o meno quattro bicchieri di comune carburante. E la situazione peggiorerà, inutile illudersi. Per questo motivo, oltre che per una questione di normative antinquinamento sempre più severe, c'è un bisogno stringente di mezzi utilitari in grado di fare molta strada con poco combustibile. Tralasciando i veicoli ad energie alternative (elettrici, metano, gpl), non c'è niente di più economico di un scooter 50 cc a quattro tempi. Nell'ultimo paio d'anni l'offerta si è allargata a macchia d'olio, dopo decenni di dominio incontrastato di ciclomotori due tempi. I Taiwanesi si dimostrano particolarmente vispi nel settore dei piccoli monocilindrici con targhino, valvole e punterie: il primo prodotto di nuova generazione in questo ambito fu infatti - qualche anno fa - il Kymco Filly, un ruote alte ingiustamente ignorato dal grande pubblico. Ora dal piccolo Stato orientale arriva un nuovo scooter 4T dallo stile simil-europeo e di grande sostanza: si tratta del Sym Mio, un compatto ruote basse dalle linee retrò prodotto dalla multinazionale Sanyang. L'abbiamo confrontato con uno scooter di casa nostra, il Malaguti Ciak, ruote alte bolognese motorizzato Piaggio. Siccome stiamo parlando di risparmio, ecco i prezzi: il Taiwanese costa 1.459 euro, l'Italiano 2.175, entrambi «chiavi in mano». Una differenza forte, che può diventare determinante al momento dell'acquisto, soprattutto trattandosi di veicoli scelti più col portafogli che col cuore.

Come li abbiamo provati

Il termine di paragone tra i due scooter è stato quello dei consumi e su questo si è concentrata la nostra prova. Abbiamo quindi svuotato i due ciclomotori fino all'ultima goccia di carburante riempiendone poi i serbatoi - con appositi contenitori graduati- con 0,81 litri di benzina, cioè la quantità di carburante che si acquista con 1 euro. Per rendere le condizioni paritarie abbiamo scelto due tester di stazza comparabile: stessa altezza e solo 3 kg di differenza, compensati comunque con una zavorra dello stesso peso nascosta sotto la sella dello scooter condotto dal tester più leggero. A questo punto siamo partiti dal garage della redazione dopo aver trascritto le cifre riportate dai contachilometri (nessuno dei due scooter ha quello parziale, quindi non si possono azzerare): abbiamo quindi stabilito che a «vincere» sarebbe stato quello che avesse percorso più km. Il tragitto è stato effettuato in contemporanea. Abbiamo scelto di non tenere un'andatura «al risparmio», bensì di circolare per strade urbane ed extraurbane utilizzando i due scooter proprio come farebbe un utente qualsiasi, comprese le accelerazioni a gas tutto aperto: naturalmente, però, la nostra velocità massima è stata di 45 km/h, cioè quella consentita ai ciclomotori.

Due strade diverse

Alla guida, i due scooter sono molto differenti: il Sym pesa circa 20 kg in meno (80 a secco), è più corto e ha piccoli cerchi da 10". Il risultato è un'agilità senza pari, che va però a scapito del comfort (chi ha gambe lunghe si ritrova con le ginocchia contro il manubrio) e dell'equilibrio complessivo. Al confronto, la stabilità del Ciak sembra quella di una moto vera: è comodo e abitabile, e i suoi cerchi da 16", uniti all'interasse lungo, richiedono di impostare le curve con qualche attimo di anticipo, ma il senso di controllo e la sicurezza sono di livello superiore. A proposito di sicurezza: l'impianto frenante del Ciak è più dimensionato di quello del rivale orientale, anche se alla prova dei fatti la differenza è contenuta. Anzi, il tamburo posteriore del Sym è più efficace e resistente di quello del Malaguti, che, sotto sforzo, tende ad allungare gli spazi di frenata e la corsa della leva. È comunque evidente che il taiwanese vince alcune sfide col rivale di San Lazzaro grazie alla leggerezza e alla compattezza. Una di queste è sicuramente relativa allo spunto del motore: con potenze così ridotte, 20 kg contano eccome; infatti il Mio accelera con più prontezza, raggiungendo con un paio di secondi di anticipo i 45 km/h. Nonostante le dimensioni compatte, il Mio ha un vano bagagli ampio: grazie al ridotto ingombro delle ruote, sotto la sella si riesce a stivare un casco integrale. C'è anche un piccolo vano a parte, nel quale inserire cellulare o documenti. Il bagagliaio del Ciak è invece in grado di ospitare un casco jet, ma solo di piccole dimensioni. C'è però un gancio portacasco applicato al retroscudo, e la pedana piatta rende agevoli altri piccoli carichi. Un particolare poco gradito è invece la mancanza dello specchietto retrovisore destro (disponibile unicamente come optional).

Il «Mio» vince di un soffio

I minuti passano e la luce del sole si abbassa. I pochi cc di carburante sono sufficienti a far muovere i pistoni milioni di volte, mentre percorriamo di buon passo tutta la periferia ovest di Milano. Dopo 25 chilometri ci aspettiamo di sentire i piccoli propulsori singhiozzare da un momento all'altro. Ci prepariamo dunque a mettere la freccia a destra e accostare per non intralciare il traffico dell'ora di punta. Invece i due monocilindrici continuano a lavorare, spingendo gli scooter nelle continue ripartenze ai semafori sulla strada che ci riporta verso la redazione. Ma a un certo punto, inevitabilmente, la benzina finisce. Il primo a cedere è il Ciak: la sua percorrenza con un euro di carburante è stata di 29,7 km. Con un litro avremmo viaggiato per più di 36 km. Il Sym invece, come il coniglietto della pubblicità delle pile, continua la sua corsa. Per poco, in verità: si ferma dopo aver percorso 31,4 km (equivalenti a 38,8 con un litro). Ma è quanto basta per dichiararlo vincitore della sfida e iscriverlo nel gotha dei mezzi a motore più economici in circolazione. Dando uno sguardo al mercato degli scooter utilitari, è difficile trovare chi faccia di meglio del piccolo taiwanese per rapporto qualità-prezzo.

Dati Tecnici

 
Sym Mio 50
Sym
Mio 50
Malaguti Ciak 50 4T Cat
Malaguti
Ciak 50 4T Cat

Motore

Monocilindrico orizzontale 4 tempi monocilindrico orizzontale, 4 tempi

Raffreddamento

ad aria ad aria

Alesaggio corsa

37x46 mm non disponibile

Cilindrata (cc)

49,5 cc 50 cc

Rapporto di compressione

12,6:1 non disponibile

Distribuzione

un albero a camme in testa, 2 valvole per cilindro non disponibile

Alimentazione

a carburatore a carburatore

Lubrificazione

a carter umido a carter umido

Serbatoio (litri/riserva)

4,8 litri 8 litri

Frizione

centrifuga con variatore automatico di velocità automatica centrifuga a secco

Telaio

tubolare monotrave sdoppiato

Materiale

acciaio acciaio

Sospensione ant/regolazioni

forcella telescopica forcella teleidraulica con steli di 28 mm

Sospensione post/regolazioni

motore oscillante con monoammortizzatore motore oscillante con monoammortizzatore idraulico

Escursione ruota ant/post

70 mm/70 mm non disponibile

Pneumatico ant/post

anteriore 90/90-10, posteriore 90/90-10 non disponibile

Freno anteriore

a disco singolo disco di 230 mm con pinza a doppio pistoncino

Freno posteriore

a tamburo a tamburo di 140 mm

Lunghezza

1.72 2.000

Altezza sella

non disponibile 755

Interasse

1.17 1.345 mm

Peso a secco

84,5 kg. 102 Kg

Potenza max/giri

2,8 kW (3,8 CV) a 8.000 giri non disponibile

Coppia max/giri

3,73 Nm (0,38 kgm) a 6.500 giri non disponibile

Prestazioni

Condizione della prova

Cielo
Vento
Temperatura aria
Pressione atmosferica
Temperatura asfalto

Rilevamenti

 
Sym Mio 50
Sym
Mio 50
Malaguti Ciak 50 4T Cat
Malaguti
Ciak 50 4T Cat

RILEVAMENTI

ACCELERAZIONE

PROVA SORPASSO (nella marcia più alta)

FRENATA (compreso tempo di reazione convenzionale pari a 1 s)

CONSUMO

PESO

Gallery

Sym Mio 50 , Malaguti Ciak 50 4T Cat
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Listino

Sym

Sym

Mio 50

Malaguti

Malaguti

Ciak 50 4T Cat

Correlate

Prove della redazione
Sym Joy Max 300 ABS
Prove della redazione
Sym Symphony 200 ST

Annunci usato