Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Prove della redazione

Sym Fiddle II 125 Is, Garelli Xò 125 4T i.e., Kymco People 125 GTi

Stefano Borzacchiello il 03/09/2012 in Prove della redazione
Sym Fiddle II 125 Is, Garelli Xò 125 4T i.e., Kymco People 125 GTi
Sym Fiddle II 125 Is
124,6 cc / 6,5 kW (8,83 CV) / 1 cilindro orizz. / Euro 3
€ 1990 c.i.m.
Garelli Xò 125 4T i.e.
124,6 cc / 6,5 kW (8,83 CV) / 1 cilindro orizz. / Euro 3
€ 2390 c.i.m.
Kymco People 125 GTi
125,0 cc / 10,9 kW (14,8 CV) / 1 cilindro orizz. / Euro 3
€ 3799 c.i.m.

Maneggevole, leggero, pratico, scattante, lo scooter è sempre l'ideale per muoversi in città rapidamente e senza stress. Ecco tre centoventicinque dal look originale: vintage, sportivo o elegante? A voi la scelta

Nei mesi invernali il freddo scoraggia e in giro con le due ruote resistono solo gli irriducibili. Poi l'arrivo della primavera risveglia la voglia di muoversi e le città tornano a popolarsi di biker. Spostarsi velocemente senza l'ansia di cercare parcheggio, o non dover più rimanere "schiacciati" nei mezzi pubblici è una grande attrattiva. Per tanti, però, l'acquisto di una moto resta troppo impegnativo: non è solo il prezzo a spaventare, ma soprattutto il peso elevato, il cambio manuale e le prestazioni. Per iniziare, senza ansie, dai sedici anni in su è allora meglio prendere in considerazione l'acquisto di uno scooter da 125 cc. In questa cilindrata i modelli fra cui scegliere sono tanti, noi ne abbiamo individuati tre che si distinguono per il design che strizza l'occhio ai gusti più disparati. Si va dal Garelli XÒ, un ruote alte snello dal look sportivo, al SYM Fiddle II, un compatto dalle forme rétro, per finire con il Kymco People GTi, un ruote alte elegante dalle dimensioni maxi. Tre modelli che, oltre alla cilindrata, hanno in comune la caratteristica di una guida intuitiva, requisito indispensabile soprattutto per chi ha poca esperienza. Inoltre sono molto versatili: da semplici commuter, infatti, questi 125 cc possono trasformarsi in mini-cargo per trasportare la spesa quotidiana e - perché no - per raggiungere, senza fretta, mete fuori porta nel fine settimana. Certo tangenziali e autostrade restano off-limits.

Xò: uno sguardo inconfondibile

Il Garelli XÒ ha un design spigoloso in cui spicca il frontale, caratterizzato dal fanale triangolare e da una coppia di lampade composte da un miriade di led azzurri che nelle ore serali lo rendono inconfondibile. Realizzato in Cina ma assemblato in Italia alle porte di Milano, il compatto ottavo di litro è uno scooter curato, con plastiche solide e verniciature brillanti. Per essere un ruote alte ha una capacità di carico discreta, con un portapacchi di serie, una pedana piatta e ospitale e un sottosella abbastanza ampio. Il Garelli è ben dimensionato per i piloti di tutte le taglie. L'altezza della seduta è contenuta e i meno alti, nelle soste, non hanno difficoltà ad appoggiare i piedi a terra. L'XÒ è leggero da manovrare e i pneumatici stretti e l'interasse contenuto lo rendono poi molto maneggevole soprattutto nel traffico. La ciclistica stabile, inoltre, consente di impostare le curve anche con piglio sportivo senza scomporsi: peccato che le sospensioni troppo rigide e l'imbottitura dura della seduta non favoriscano il comfort. Al passeggero è riservata una porzione di sella discreta e comode maniglie a cui aggrapparsi, mentre le pedane estraibili sono eccessivamente inclinate e l'appoggio del piede, sulle sconnessioni più marcate, a volte può venire meno. La frenata è soddisfacente, inoltre le leve ben sagomate si riescono ad azionare bene anche se si hanno le mani piccole; si arriva al bloccaggio del posteriore solo agendo con decisione sul comando nelle situazioni di emergenza. Al look sportivo del Garelli non corrisponde un motore altrettanto performante: il monocilindrico ha poca verve e, complice anche la taratura della trasmissione, nelle partenze perde terreno dalla maggior parte dei competitors di pari cilindrata.

Fiddle II: piccolo e rétro

Con quello scudo stretto e sagomato, il fanale rotondo sul manubrio, gli specchietti cromati e le eleganti verniciature, il Fiddle II ripropone alcuni elementi distintivi dello scooter italiano più famoso di sempre. Oltre al look questo taiwanese ha un'altra carta da giocare: il prezzo di 1990 euro c.i.m. Tuttavia, pur essendo un prodotto "low-cost", ha una dotazione di tutto rispetto: bauletto in tinta, antifurto e sella sbloccabile premendo un pulsante sul manubrio. Non mancano il doppio cavalletto e la pedivella per l'avviamento di emergenza. La presenza del bauletto, un capiente vano e una pedana ampia e spaziosa lo rendono ideale per le commissioni quotidiane. Il Fiddle II ha però una qualità costruttiva solo discreta e risulta poco curato negli assemblaggi, anche rispetto ad altri modelli di maggior cilindrata realizzati dalla stessa casa taiwanese. In città le dimensioni super compatte e il peso ridotto lo rendono facilissimo da spostare alle basse andature e per parcheggiarlo sul cavalletto centrale basta uno sforzo minimo. Il manubrio è stretto, con i comandi ben raggiungibili da mani di qualsiasi taglia. La seduta bassa e la posizione di guida molto raccolta sacrificano un po' i piloti più alti. La peculiarità di questo scooter è l'agilità: il SYM svolta in un fazzoletto, fra le auto si districa con molta disinvoltura tanto che negli slalom è uno degli scooter più rapidi. Complici un motore vivace e l'azzeccata taratura della trasmissione, scatta come un fulmine al semaforo e raggiunge rapidamente la velocità massima. Di contro il suo piccolo "mono" trasmette più vibrazioni sulla pedana rispetto al Garelli e al Kymco. Il suo impianto frenante, l'unico dei tre col tamburo al posteriore, ha una potenza discreta sebbene le leve vadano azionate con energia per ottenere spazi di arresto contenuti. Le sospensioni hanno un'escursione ridotta e sul pavé vanno in crisi, a tutto svantaggio del comfort di pilota e passeggero. Quest'ultimo ha comunque una posizione sacrificata, in quando siede molto vicino al guidatore.

Kymco: prestazioni e agilità

Il People con il suo design filante, le plastiche lucenti e i caratteristici indicatori a led, rappresenta il mezzo ideale per chi vuole abbinare a un completo elegante uno scooter altrettanto raffinato. Paragonato agli altri ottavo di litro il GTi risulta più imponente e il motivo è semplice: le carene del People 125 sono le stesse della versione "trecento", da cui mutua anche la ciclistica. La pedana del Kymco è ospitale mentre il sottosella dove è alloggiata la presa da 12V, ha dimensioni ridotte. Anche il vano nel retroscudo è poco sfruttabile ma il bauletto capiente compensa le piccole dimensioni del sottosella, portando la capacità di carico complessiva dello scooter a un buon livello. Il peso superiore alla media degli altri 125 cc non si percepisce e l'ergonomia azzeccata favorisce subito un buon feeling di guida. Nel traffico il People GTi è comunicativo e stabile come pochi altri scooter della stessa cilindrata infondendo un'elevata sensazione di controllo a qualsiasi andatura. Confortevole e protettivo per il pilota, grazie allo scudo largo e al piccolo parabrezza, il Kymco è anche molto comodo per il passeggero. La frenata è potente e progressiva e, anche azionando con decisione le leve, non si arriva mai al bloccaggio. Il fiore all'occhiello del People GTi è il propulsore - l'unico raffreddato a liquido - che ha una "marcia" in più rispetto ai rivali, consente partenze scattanti e supera i 100 km/h indicati.

Dati Tecnici

 
Sym Fiddle II 125 Is
Sym
Fiddle II 125 Is
Garelli Xò 125 4T i.e.
Garelli
Xò 125 4T i.e.
Kymco People 125 GTi
Kymco
People 125 GTi

Motore

1 cilindro orizzontale 1 cilindro orizzontale 1 cilindro orrizontale

Raffreddamento

aria aria liquido

Alesaggio corsa

52,4x57,8 52,4x57,8 54,0x54,5

Cilindrata (cc)

124,6 124,6 125,0

Rapporto di compressione

9,6:1 9,2:1 11,2:1

Distribuzione

monoalbero a 2 valvole monoalbero a 2 valvole monalbero a 4 valvole

Alimentazione

carburatore iniezione iniezione

Lubrificazione

carter umido carter umido carter umido

Serbatoio (litri/riserva)

5 l 6 9

Frizione

automatica centrifuga automatica centrifuga automatica centrifuga

Telaio

doppia culla doppia culla doppia culla

Materiale

acciaio acciaio acciaio

Sospensione ant/regolazioni

forcella teleidraulica da 33 mm forcella teleidraulica da 33 mm forcella teleidraulica da 37 mm

Sospensione post/regolazioni

monoammortizzatore doppio ammortizzatore doppio ammortizzatore-precarico

Escursione ruota ant/post

n.d. 100 mm/60 mm 110 mm/100 mm

Pneumatico ant/post

110/70-12”- 120/70-12” 100/80-16”- 120/80-16” 110/70-16”- 140/70-16”

Freno anteriore

disco da 190 mm disco da 240 mm disco da 260 mm

Freno posteriore

tamburo da 130 mm disco da 220 mm disco da 260 mm

Lunghezza

1870 mm 2090 mm 2145 mm

Altezza sella

770 mm 790 mm 780 mm

Interasse

1320 mm 1450 mm 1450 mm

Peso a secco

107 kg 121 kg 156 kg

Potenza max/giri

6,5 kW (8,83 CV)/8000 8,83 CV (6,5 kW)/7500 14,8 CV (10,9 kW)/9000

Coppia max/giri

8,33 Nm (0,8 kgm)/6500 0,73 kgm (7,2 Nm)/6000 11,5 Nm (1,17 kgm)/9000

Prestazioni

Il commento del centro prove

Pur avendo la stessa cilindrata, per il motore G5 del Kymco vengono dichiarati quasi 6 CV in più dei propulsori che equipaggiano il SYM e il Garelli. Questo vantaggio di potenza nelle prove di accelerazione si concretizza in una velocità di punta superiore di circa 10 km orari sul traguardo dei 1500 m con partenza da fermo e in una maggior efficacia nella prova di sorpasso da 50 a 90 km/h: qui il People GTi distacca nettamente gli avversari. La frenata del 125 cc Kymco è pronta e soprattutto decisamente più modulabile di quella dei due rivali. Oltre al divario nelle prestazioni velocistiche, il People sulla bilancia fa segnare 30 chili in più rispetto a Garelli e SYM. I consumi contenuti sono fra i pregi di questi scooter che in città consentono di percorrere oltre 150 km con un pieno.

Curva di accelerazione

Sym Fiddle II 125 Is, Garelli Xò 125 4T i.e., Kymco People 125 GTi

Condizione della prova

Cielo sereno
Vento 3 m/s
Temperatura aria 21°C
Pressione atmosferica 1003 mb
Temperatura asfalto 36°C

Rilevamenti

 
Sym Fiddle II 125 Is
Sym
Fiddle II 125 Is
Garelli Xò 125 4T i.e.
Garelli
Xò 125 4T i.e.
Kymco People 125 GTi
Kymco
People 125 GTi

RILEVAMENTI

Velocità a 1500 m con partenza da fermo (tempo) 95,4 km/h (64,8 s) 93,0 km/h (67,8 s) 106,4 km/h (62,5 s)

ACCELERAZIONE

0-400 m 22,4 s (89,0 km/h) 24 s (84,6 km/h) 23,0 s (88,3 km/h)
0-1000 m 45,6 s (94,9 km/h) 48,2 s (92,0 km/h) 45,3 s (103,3 km/h)
0-40 km/h 3,4 s (22,1 m) 4,5 s (28,0 m) 4,1 s (23,9 m)
0-80 km/h 15,6 s (233,5 m) 19,4 s (295,6 m) 15,8 s (233,7 m)

PROVA SORPASSO (nella marcia più alta)

50-90 km/h 23,0 s (489,7 m) 38,6 s (847,2 m) 15,0 s (330,3 m)

FRENATA (compreso tempo di reazione convenzionale pari a 1 s)

90-50 km/h 2,4 s (52,3 m) 2,4 s (51,7 m) 2,2 s (48,7 m)
50-0 km/h 2,5 s (24,8 m) 2,6 s (26,1 m) 2,4 s (24,0 m)

CONSUMO

Urbano 27,3 km/l 28,7 km/l 28,1 km/l
Extraurbano 28,8 km/l 30,1 km/l 29,7 km/l
Autostrada (130 km/h indicati) n.d. n.d. n.d.

PESO

In ordine di marcia e serbatoio pieno 120,0 kg 136,5 kg 163,5 kg
Distribuzione masse senza conducente (% ant./post.) 35,0/65,0 37,5/62,5 37,0/63,0
Distribuzione masse con conducente (% ant./post.) 38,5/61,5 40,0/60,0 38,5/61,5

Pagelle

 
Sym Fiddle II 125 Is
Sym
Fiddle II 125 Is
Garelli Xò 125 4T i.e.
Garelli
Xò 125 4T i.e.
Kymco People 125 GTi
Kymco
People 125 GTi

In sella

La posizione di guida del SYM è raccolta, più ospitali Garelli e Kymco.
3.0
4.0
4.5

Comfort

Il Kymco è protettivo e confortevole, anche in coppia. Scudo stretto e sella dura per Garelli e SYM.
2.5
2.5
4.5

Dotazioni

Essenziali, ma Kymco e SYM hanno anche il bauletto di serie.
3.5
3.0
3.5

Qualità percepita

Il Garelli e il Kymco sono solidi e ben assemblati. Meno curato il SYM.
2.5
4.0
4.5

Capacità carico

Buono lo spazio sotto la sella di Garelli e SYM, il Kymco compensa con un bauletto capiente.
4.0
3.0
4.0

Motore

Il Kymco ha più CV ed è il più performante. Vivace il motore SYM. Un po' fiacco il "mono" del Garelli.
3.5
3.0
4.5

Trasmissione

Pronta sul SYM, ben gestibile ai medi quella del Kymco. Poco scattante quella del Garelli.
4.0
2.0
4.5

Sospensioni

Un po' troppo sostenute quelle del Garelli, duro il mono del SYM. Confortevoli sul Kymco.
3.5
3.0
4.5

Freni

Potenti e modulabili quelli di Kymco e Garelli, un po' meno incisivi quelli del SYM.
3.0
4.0
4.5

Su strada

Kymco e Garelli sono più stabili, il SYM si distingue per l'agilità.
4.0
4.0
4.5

Versatilità

Progettati per spostarsi in città, hanno tutti i requisiti per soddisfare le esigenze quotidiane.
4.0
4.0
4.0

Prezzo

Garelli e SYM sono più economici, il Kymco ha una qualità superiore ma è più costoso.
3.5
3.5
3.0

Pregi e difetti

 
Sym Fiddle II 125 Is
Sym
Fiddle II 125 Is
Garelli Xò 125 4T i.e.
Garelli
Xò 125 4T i.e.
Kymco People 125 GTi
Kymco
People 125 GTi

PREGI

Design rétro, Accelerazione scattante, Capacità del vano sottosella e bauletto di serie Design sportivo e ricercato, Qualità delle plastiche e degli assemblaggi, Stabilità Design elegante e verniciature curate, Qualità degli assemblaggi, Consumi ridotti

DIFETTI

Finiture poco curate, Stabilità alle alte velocità Accelerazione, Comfort di marcia Peso elevato, Capacità del vano sottosella

Gallery

Sym Fiddle II 125 Is, Garelli Xò 125 4T i.e., Kymco People 125 GTi
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Listino

Sym

Sym

Fiddle II 125 Is

Garelli

Garelli

Xò 125 4T i.e.

Kymco

Kymco

People 125 GTi

Correlate

Annunci usato