Verso il Telepass unico europeo


Marco Gentili martedì, 13 febbraio 2018
Entro l'anno è attesa la direttiva comunitaria sui pedaggi: l'apparecchio usato anche in Italia - che può essere usato attualmente in otto Paesi - potrebbe essere inserito tra i dispositivi compatibili



Il Telepass europeo potrebbe diventare realtà nel giro di un anno. Come riporta oggi Il Sole 24 Ore, la Ue sta preparando la modifica sostanziale della direttiva 2004/52, che mira a diffondere i metodi per pagare senza fermarsi ai caselli e a facilitare per il gestore il recupero del pedaggio non pagato, anche quando il debitore è straniero.

Anche il Telepass sarà compatibile

Il telepedaggio unico europeo dovrebbe includere anche il sistema di transponder a microonde, tipo quello usato in Italia da Telepass, che attualmente funziona in otto Paesi. Adesso l’elenco dei dispositivi autorizzati al telepedaggio è aperto a tre tipi di dispositivi: oltre a quelli a microonde, gli apparecchi Gsm e i satellitari. Il dossier, una volta superato l’esame della commissione Trasporti ad aprile, sarà votato in aula a luglio per concludere l’iter alla fine del 2018.

Addio alla Vignette?

L’Ue sta inoltre valutando la revisione dell’Eurovignette: si va verso una ridefinizione del meccanismo di tariffazione, che dovrebbe abbandonare il meccanismo forfettario a favore di pedaggi proporzionale ai chilometri percorsi e alla classe d’inquinamento del veicolo utilizzato.