Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

ADV
Moto & Scooter

Yamaha XT 500, storia di una moto da enduro mitica

Carlo Pettinato il 09/04/2024 in Moto & Scooter
Yamaha XT 500, storia di una moto da enduro mitica
Chiudi

Arrivata sul nostro mercato nel ’76, ha rivoluzionato il mondo del fuoristrada non professionistico. Semplice, leggera, affidabile, si è affermata come fenomenale mezzo da diporto tra asfalto e sterrato ed è ancora oggi apprezzatissima

Era il 1975 quando si vide per la prima volta. Era il salone di Tokyo e la Yamaha XT 500 si apprestava a ridefinire le regole del segmento delle moto da enduro a quattro tempi. Il mondo del motociclismo era da poco orfano, o quasi, delle grosse monocilindriche inglesi e italiane che avevano imperversato negli anni ’60, sia nel campo del fuoristrada professionistico che in quello del diporto.

Triumph, BSA, Ducati, modelli mitici e a distanza di oltre mezzo secolo ancora bellissimi, ma ormai datati in quegli anni ’70 in cui la moda del due tempi aveva fatto invecchiare di colpo tutta la più complessa e pesante concorrenza a quattro. Il due tempi era in realtà la nuova soluzione nel mondo racing, motocross e regolarità, ma per le passeggiate risultava – e risulta tutt’oggi- nervoso e scomodo, con tutte quelle vibrazioni e gli alti consumi. Ecco che per il tempo libero serviva ancora un quattro tempi, sì, ma più moderno e leggero. La XT 500, appunto.

499 cc raffreddati ad aria, alesaggio di 87 mm e corsa di 84, distribuzione a due valvole (da 45 mm quella di aspirazione e da 39 quella di scarico) con singolo asse a camme in testa, carter secco con riserva di olio nel trave verticale del telaio, casse in magnesio, carburatore Mikuni da 34 mm, una trentina di cavalli o poco più e cambio a 5 marce. Telaio e forcellone in acciaio, forcella con perno in asse, doppi ammortizzatori posteriori, freni a tamburo e circa 140 kg di peso. Ruote da 21 e 18”. Semplice, un motore, un manubrio, due ruote.

TUTTI I RICAMBI ORIGINALI E I DISEGNI TECNICI DEI MIGLIORI MARCHI SU MOTONLINE
Yamaha XT 500, storia di una moto da enduro mitica
Il modello dell'80

L’origine della Yamaha XT 500 è da ricercarsi nel mercato statunitense, dove il fuoristrada era ed è ben sdoganato. Non solo motocross, ma anche tanto enduro a modo loro, americano, ovvero corse nel deserto su percorsi perlopiù lunghi e scorrevoli. Nacque per prima la TT 500, destinata proprio a questo tipo di gare e presentata nel 1974; solo una stagione dopo arrivò la XT, ingentilita per un impiego più blando e, soprattutto, misto tra sterrato e asfalto. X a indicare il motore a quattro tempi, T per trail, sentiero; fu la prima di sempre a recare la scritta Enduro (sulle tabelle laterali), termine derivante dall’inglese endurance che indica una prova lunga e faticosa.

Una moto tranquilla e longeva, caratterizzata nella sua primissima versione addirittura da uno scarico basso, sostituito da uno alto solo in seguito. Tranquilla, sì, ma anche la XT trovò il suo sbocco agonistico, e non roba da poco. La Yamaha XT 500, con ai comandi un certo Cyril Neveu, si affermò nelle prime due edizioni della Parigi-Dakar, 1979 e ’80. E non fu solo prima con Neveu, perché nell’80 le XT si piazzarono ai primi quattro posti; bastava un serbatoio maggiorato saldato in garage e si partiva per il continente nero (quella di Neveu era in realtà una moto ufficiale). Dimostrazione ulteriore di grande affidabilità e di semplicità costruttiva; laggiù nel deserto se qualcosa si rompe bisogna poterlo riparare o sostituire con poco sforzo, altrimenti è finita.

Yamaha XT 500, storia di una moto da enduro mitica
Cyril Neveu impegnato alla Parigi-Dakar del 1980

La Yamaha XT 500 è rimasta in produzione a lungo, sino addirittura al 1989 quando uscì di scena con la versione Anniversary. Nel primo lustro rimase sostanzialmente invariata, nel 1980 arrivarono il serbatoio in alluminio e la forcella a perno avanzato, nell’86 l’impianto elettrico a 12 Volt. Nel frattempo, nell’82, era già uscito il modello che avrebbe dovuto rimpiazzarla, la XT 550, più moderna con distribuzione a quattro valvole, contralbero, doppio carburatore, alzavalvole automatico e altro ancora, ma infinitamente meno fascinosa. Nell’84 arrivò la 600, in versione Ténéré con serbatoio da 23 litri e in versione base, con freno a disco anteriore, forcellone in alluminio, dall’86 avviamento elettrico e dall’87 disco anche dietro. Ma lei, la bella 500, restava in gamma.

Al di là della concorrenza interna in casa Yamaha, le aziende rivali non erano rimaste a guardare. Verificate la bontà della formula e la risposta del mercato, nel 1979 era arrivata Honda con la grande avversaria XL. Forse superiore tecnicamente ma meno affascinante. Provate voi, oggi, ad affiancare una XL di quel periodo e una XT, magari un model year ’81 con cerchi oro e serbatoio spazzolato con scritta rossa. Non c’è storia, e le quotazioni richieste dai collezionisti lo confermano.

Al cospetto dell’equivalente odierno, che possiamo identificare in una KTM 690 Enduro o similari, la XT 500 fa quasi tenerezza. Piccola, essenziale, bassa da terra. Eppure son pregi, proprio quelli che ti tolgono ogni pensiero e ti restituiscono l’essenza della guida della moto quando ci monti in sella. Tocchi bene con entrambi i piedi, tra le gambe è una bicicletta e non ci sono orpelli, display, pulsantiere con cui distrarsi.

Yamaha XT 500, storia di una moto da enduro mitica
La XT 500 del 1989

L’avviamento non è banale, bisogna conoscere la tecnica, che poi è la stessa per tutti i grossi mono a quattro tempi di quello stampo. Un gioco di decompressore, si trova il punto morto superiore e poi la scalciata decisiva. Se si è fatto tutto per bene lei si sveglia dal suo sonno e inizia a borbottare. Il nostro Roberto Ungaro, fiero possessore di XT 500, afferma che la voce sia più da mezzo agricolo che da motocicletta, e non ha tutti i torti. 

Metti la prima e inizi a godere. Al netto di qualche inevitabile “dettaglio”, tipo i freni, la marcia è quasi da moto, motoretta, moderna. Il monocilindrico è pastoso, bello pieno ai bassi e morbido, poi finisce subito e ti chiede una marcia in più. È maneggevole, una libellula, peso basso e bilanciamento invidiabile. Non correteci forte sullo sconnesso che le sospensioni sono quello che sono, ma per la passeggiata tra asfalto e strade bianche è unica. Bastano pochi metri per entrarci in sintonia e poi è una delizia infinita.

Yamaha XT 500, storia di una moto da enduro mitica
Yamaha XT 500, storia di una moto da enduro mitica
Yamaha XT 500, storia di una moto da enduro mitica
Yamaha XT 500, storia di una moto da enduro mitica

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato

ADV