Cerca

Seguici con

Moto & Scooter

Kawasaki Ninja ZX-10R: il futuro è adesso

Dall'esperienza e (dalle vittorie nel Mondiale SBK) nasce l'evoluzione 2019 della Ninja spinta da un rinnovato motore da 203 CV. Edizione limitata di 500 pezzi la Ninja ZX-10RR

Kawasaki Ninja ZX-10R: il futuro è adesso
Chiudi
Prima di Intermot e di EICMA 2018, Kawasaki prosegue con le novità 2019 e svela la sua punta di diamante: la nuova Ninja ZX-10R.

I segreti della nuova Ninja

L’evoluzione del progetto Ninja si riassume in queste parole: più coppia e potenza. Ad Akashi si sono quindi concentrati per riuscire ad ottenere di più, senza stravolgere la base della moto. In sintesi l’incremento di potenza si è ottenuto grazie all’adozione della distribuzione con bilancieri a dito che, unita ad altri up-grade (non dichiarati), ha ulteriormente migliorato le performance del motore della Ninja ZX-10R che ora raggiunge i 203 CV; potenza che può essere ulteriormente aumentata con l’installazione di uno scarico completo, non omologato per l’uso su strade aperte al pubblico.

Nel 2019, tutte le varianti della Ninja ZX-10R saranno equipaggiate con la stessa testa predisposta per alloggiare gli alberi a camme con alzata maggiorata, introdotta inizialmente solo sulla Ninja ZX-10RR. Per indicare questo cambiamento, tutti i modelli sono dotati di una copertura della testata verniciata di rosso.
Altri interessanti aggiornamenti per il 2019 includono l'adozione del quickshifter a doppia direzione KQS per tutti i modelli.

Ninja ZX-10RR, solo 500 pezzi

Con una produzione mondiale limitata a 500 esemplari, la Ninja ZX-10RR sarà destinata solo a pochi fortunati. Gli upgrade tecnici proseguono con l’adozione di esclusive bielle in titanio Pankl, 400g più leggere delle bielle tradizionali, che riducono del 5% il momento di inerzia dell’albero motore e permettono di incrementare di 600 giri il livello del limitatore portando la potenza massima a 204 CV. La rilevante riduzione del momento di inerzia dell’albero motore ha comportato una rivisitazione della taratura delle sospensioni anteriore e posteriore.

Ed infine la ZX-10R SE avrà alcune superfici trattate con il nuovo processo di vernicitura Highly Durable Paint di Kawasaki, in cui un’alternanza di microelementi rigidi ed elastici agiscono in sinergia come una molla chimica, con la capacità di assorbire piccole abrasioni.

Kawasaki Ninja ZX-10R: il futuro è adesso
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato