Cerca

Seguici con

Eicma 2017

Moto & Scooter

Kawasaki Z900RS, il trionfo del classic

Kawasaki lancia la sua nuova naked retrò: si ispira alla Z1 del 1972 e la reinterpreta in chiave moderna. Ha il motore 4 cilindri della Z900 che però è stato addolcito a 111 CV. Sarà disponibile in tre colori (nero, nero/verde militare e rosso/marrone)

Kawasaki Z900RS, il trionfo del classic
Chiudi
Kawasaki ha svelato per il 2018 una moto che omaggia l’inconfondibile stile della Z1 Super Four 900 del 1972. Il nuovo modello della casa di Akashi, battezzato Z900RS (dove la sigla sta per Retro Sport) è una moto moderna dallo stile classico ricca di diversi riferimenti alla Z1, un modello che non è solo una delle pietre miliari della storia di Kawasaki ma di tutto il settore motociclistico.

HA UN MOTORE 900 4 CILINDRI
Sebbene riprenda in parte il motore 4 cilindri da 948 cc raffreddato a liquido montato sulla Z900, la Kawasaki Z900RS è una moto completamente diversa. La potenza erogata infatti è di 111 CV a 8.500 giri/min e la coppia è di 98,5 Nm a 6.500 giri. Il telaio è un traliccio in acciaio dalle geometrie riviste (rialzato all’anteriore e più basso dietro) per rendere la Z900RS decisamente più stradale e guidabile della Z900. All’anteriore c’è una forcella con steli rovesciati da 41 mm di diametro mentre al posteriore c’è un monobraccio in alluminio collegato a un monoammortizzatore back-link. Il comparto freni vede all’anteriore un doppio disco da 300 mm con pinze a quattro pistoncini, mentre al posteriore c’è un disco singolo da 250 mm con pinza a un pistoncino.

DETTAGLI CLASSICI
Equipaggiata con fari ed indicatori full LED, cerchi dal design classico ma distintivo, un sound emozionante frutto di uno studio approfondito sulle frequenze sonore e altri numerosi dettagli, la Kawasaki Z900RS affascinerà i numerosi appassionati della famiglia Z. Dallo schema colori che richiama la mitica al font del badge applicato sui pannelli laterali ed al suo speciale trattamento, la Z900RS fonde passato, presente e futuro sino nei minimi dettagli come i coperchi valvole lucidati e le alette del cilindro in evidenza esattamente come sull’originale Z1. A proposito di colori, la Z900RS debutterà in tre diverse combinazioni: un evocativo omaggio alla Z1, un classico nero con dettagli dorati e argentati ed un più moderno ma intramontabile verde impreziosito da loghi “900” sui pannelli laterali. Il prezzo sarà comunicato al prossimo EICMA.

Kawasaki Z900RS, il trionfo del classic
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • beta0607
    quattro scarichi - BELLISSIMA ,ma meglio con 4 marmitte cromate, e' la perfezione. Io ho la vulcan 70 Mister Martini, anche li mancano i tre scarichi e i cerchi a raggi. PS: se mettono i quattro scarichi ci faccio un pensierino.
  • scrubs222
    Bellissima - Davvero una bella moto !
  • principe0602
    Molto bella - ho avuto sia la 900 che la 1000 quando ero giovane,e questa mi riporta indietro negli anni. Pero` non dico I 4 scarichi come l'originale, ma almeno quello doppio della 1000 si.
  • stivadi
    retro'? - Motore raffreddato ad acqua, monoammortizzatore, quattro in uno, forcella a steli rovesciati.... piu' che una "retro'" una Z con serbatoio arrotondato e sella comoda. O meglio una Z 900 "demanzinghizzata". Ma poi, la Z 900 e' veramente poco guidabile, visto che questa lo e' di piu' ?

Correlate

Annunci usato