Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Moto & Scooter

EBR 1190RX: il sogno americano

di Andrea Padovani il 18/11/2013 in Moto & Scooter

Arriva la versione stradale della moto che Erik Buell ha allestito per correre nel Campionato AMA Superbike. Deriva dalla Buell 1125R e rappresenta il cavallo di Troia per invadere commercialmente il "vecchio Continente"

EBR 1190RX: il sogno americano
Chiudi
Doppio debutto per la EBR Motorcycles che prima presenta la sua sportiva carenata destinata all'uso stradale – la EBR 1190RX - e poi annuncia di voler espandere le proprie mire commerciali ai mercati europei. Ma andiamo con ordine...
La EBR Motorcycles (Erik Buell Racing) nasce grazie all'ostinazione di Erik Buell sulle ceneri dell'omonima azienda da lui stesso creata e poi chiusa dall'Harley-Davidson (che detiene ancora i diritti sul marchio). L'EBR muove i primi passi nel mondo delle competizioni americane AMA allestendo la 1190RS Super Bike, con cui disputa il campionato SBK statunitense con i piloti Geoff May e Aaron Yates.

Da questa moto è stata sviluppata la versione stradale destinata alla vendita, che a sua volta deriva dalla Buell 1125R presentata dalla casa americana qualche anno fa e spinta da un bicilindrico a V di 72° sviluppato dalla Rotax.

La cilindrata della moto è passata da 1124,9 a 1190 cc lavorando sulle termiche e aumentando l'alesaggio fino a 106 mm (contro i precedenti 103 mm): la potenza raggiunge la ragguardevole soglia di 185 CV a 10.600 giri gestiti anche da un traction control con 21 livelli di intervento selezionabili dal pilota. La ciclistica rimane sostanzialmente quella della 1125R, un doppio trave in alluminio – che funge anche da serbatoio di carburante - abbinato a un forcellone ampiamente sagomato su cui agisce il mono Showa privo di leveraggio progressivo. Sparisce la trasmissione posteriore a cinghia per una più funzionale catena. Il peso a secco dichiarato è di 190 kg.

Anche la forcella è firmata Showa mentre rimane quale caratteristica distintiva il classico disco anteriore perimetrale da 386 mm lavorato da una pinza a otto pistoncini contrapposti provvista di condotti per il raffreddamento dei punti più sollecitati e quindi facilmente surriscaldabili.
La EBR 1190RX è disponibile per il solo mercato americano a 18.995 dollari: ma nei piani di Erik Buell c'è anche l'espansione nei mercati europei. A questo scopo è stato contattato l'olandese Edwin Belonje – un passato in Triumph e alla Zero Motorcycles - incaricato di tessere le fila per una futura rete commerciale nel nostro continente. Ma le novità non sono finite: secondo alcune indiscrezioni, la 1190RX sarà schierata nel Mondiale SBK all'interno con la nuova "configurazione" EVO, la sottocategoria che prevede motori di serie e classifica separata. Lo sponsor principale sarà Hero, importante casa motociclistica indiana che supporterà l'operazione.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • rossoacuto
    oddio - le abbiamo le bicilindriche che funzionano! non so come va', ma con quel porta targa e soprattutto lo scarico in quel modo fuori dal forcellone e proprio poco bello, e andra' cosi bene che c'e' bisogno di un tale disco davanti per fermarsi?
  • kawa.rapp
    Bravo Erik : - ma avete mai provato una Buell ?? Sapete come va un telaio progettato da Erik Buell ?? In una moto non esiste solo la potenza ...
  • Riccioz750
    Ho un dubbio: - in SBK non c'e' un limite al diametro dei dischi del freno? O mi sto confondendo con la motoGP?
  • galla90
    Simpatica - Beh, ovviamente la competitivita' e' tutta da verificare... certamente pero' e' un prodotto interessante e "simpatico", in quanto "originale", con tutti i "dogmi" cari a Erik Buell (disco perimetrale, serb. olio nel telaio, ecc...)
  • da.va
    uno sfizio - per me si e' voluto togliere uno sfizio e ha fatto bene (visto che investe soldi suoi), ma ho dei dubbi che sia competitiva con la concorrenza: un solo disco perimetrale non penso sia adeguato per prestazioni della moto che dichiarano. Il serbatoio e' originale e magari accentra anche le masse ma bisogna vedere come influisce sulla rigidezza del telaio. E poi il peso: 190 kg sono tanti per un twin
  • lucabarea
    Ma.... - pero' mi piace vedere scelte tecniche diverse a volte eccentriche!!!
  • Pollopullo
    Buell - continua a fare le Naked che ti riescono molto meglio