Cerca

Seguici con

Eicma 2013

Moto & Scooter

Yamaha TCross Hypermodified

di Riccardo Capacchione il 06/11/2013 in Moto & Scooter

Proseguendo nel programma Hypermodified, Yamaha ha portato al Salone l'ultima versione di un TMax molto speciale: Waltz, Lazareth e Sands i nomi dei customizer che sinora si sono cimentati in questo contest. I cognomi di chi ha creato il TCross, invece, sono tutti italiani

Yamaha TCross Hypermodified
Chiudi
Sembra pronta per saltare un "triplo", ma se lo pensate state commettendo un errore, anzi, due.
Prima di tutto quello della foto è un "lui", ovvero uno scooter, e non una "lei", cioè una moto da cross. Per chi ancora non lo avesse riconosciuto, è il TMax 530, ma chiamatelo TCross dopo la cura di Riccardo Giradelli, un "guru" delle tecnica fuoristradistica, e di Rodolfo Frascoli, la "matita" che ha tracciato le affascinanti linee di moltissimi progetti firmati dallo studio Marabese Design. Sono i "maestri" che hanno raccolto la provocazione della rivista Rider's.
Trasformare un maxi scooter stradale dall'indole sportiva in un "ferro" per correre dove l'asfalto finisce, evidenzia una spiccata sindrome bipolare in chi ha avuto l'idea, ma soprattutto si tratta di un'operazione di customizing che normalmente porterebbe a un disastro. Facile perdere tutte le qualità dinamiche dello scooter più prestante mai costruito - costate anni di studi a un team di ingegneri giapponesi ultraqualificati - distruggendole nel delirio immaginifico di un preparatore rinchiuso in un garage.
Ma se si rivestono le soluzioni tecniche geniali di uno come "Ric" Girardelli, con la nitidezza estetica tipica del tratto di Rodolfo Frascoli, beh, il risultato l'avete sotto agli occhi, e una foto vale mille parole…

Questa apparente follia meccanica fa parte di un progetto promosso da Yamaha nel 2012: parola d'ordine, "Hypermodified". Lo scopo era di mostrare cosa si può fare con una base tecnica di eccellenza come il TMax lasciando piena libertà ai preparatori. I primi ad accettare la sfida sono stati Marcus Waltz, Ludovic Lazareth e Roland Sands, la cui fama mondiale se la sono conquistata esponendo le loro moto nei contest più famosi al mondo, faccia a faccia con biker...
Ognuno nel 2012 ha realizzato una special su base TMax 530: sinora la palma dell'idea più ardita era nelle mani di Lazareth, grazie al suo scooter sovralimentato con compressore volumetrico.


Ma con il TCross siamo andati ben oltre: Lazareth ha potenziato doti già insite nel progetto originale, Girardelli e Frascoli hanno portato lo scooter in un'altra dimensione. Non sappiamo se il TCross mantenga la promessa che il design suggerisce: in pratica, non è dato sapere se salti davvero i tripli ma siamo sicuri, conoscendo la mente pragmatica di Girardelli, che come minimo in un campetto da cross questo scooterone brutta figura non farebbe.

Yamaha TCross Hypermodified

Immaginatevi un uomo, pensieroso davanti a uno scooter. Tra l'uomo e il TMax sul tavolo d'officina c 'è un'idea, che ancora appartiene al mondo della mente e della fantasia, non a quello del garage in cui ci troviamo. In breve le mani di Riccardo Girardelli cominciano a muoversi sulle plastiche dello scooter, che velocemente spariscono, assieme a tutte le sovrastrutture, seguite da frecce , fari, accessori vari, sino a che sul tavolo non restano che il motore, il telaio e il forcellone.


L'obiettivo da raggiungere è chiaro nei pensieri di "Ric": il forcellone, troppo corto per garantire trazione nella guida e piccolo per ospitare un cerchio a raggi adatto ai tassellati, viene tagliato alle estremità. Intanto una fresa termina di lavorare l'alluminio "billet", un blocco forgiato dal quale si ricavano i nuovi terminali del forcellone, con i fori per il perno ruota. La lavorazione procede, si costruiscono delle piastre di sterzo adatte a modificare l'angolo di incidenza della forcella: montando una sospensione rovesciata "lunga" l'angolo sarebbe troppo ampio.
Lentamente due "entità" a due ruote si stanno sovrapponendo: il TMax 530 e la Yamaha YZ450F si stanno fondendo in un unico corpo. L'impianto elettrico è ridotto all'osso, la YZ dona il terminale di scarico al TMax e, nel frattempo, nella lavorazione si fa sempre più sentire la mano di Rodolfo, che adatta e tratteggia vecchie parti e nuove linee. Frascoli incrocia cromosomi meccanici antitetici dando vita a un'ibrido la cui genetica è così ben modificata che il TCross sembra esser esistito da sempre, tano è rifinito e curato nei dettagli più nascosti. Alla fine le ruote da 15' e 17' sono al loro posto, lo scarico corre alto sul lato destro come le Cross "vere" e la sella sale sul serbatoio come sui modelli offroad meglio riusciti.

A questo punto, vien da chiedersi: a che serve tutto ciò? A mostrare quanto eclettico sia lo scooter Yamaha, oppure a sfidare le capacità dei preparatori, o ancora a stupire il pubblico al salone… Ma in fondo una moto (questo status il TCross se l'è meritato) di questo tipo non è altro che l'espressione dell'amore e della passione per le moto che è nei cuori di noi motociclisti. Chi non la prova, non può capire. Una passione che corre nel petto e nel polso destro, che parte dai vertici di una grande azienda e, passando per dei tecnici di prim'ordine, arriva al ragazzino che, a bocca spalancata, osserva la "belva". Di sicuro, stanotte, starà per un po' ad occhi aperti, sognando.. le moto.

Yamaha TCross Hypermodified
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • O-RACE
    Geniale ! - Semplicemente geniale e fuori dal coro. Finalmente un po' di fantasia!
  • jimmymigliore
    davvero un bel progetto - Magari fosse commercializzata sarebbe sicuro un successo in questo panorama motociclistico arido di idee e bloccato dalla crisi economica mondiale ...in ogni caso sono sempre gli italiani a distinguersi nel design e nelle capacita' costruttive con un sistema politico e produttivo che sta' distrruggendo tutto e tutti...
  • s.gonzales
    il motoscooter piac - penso che il motore sia troppo pesante e ingombrante per uso in fuori strada .punterei per un progetto stradale una versione motard o stradale privilegiando l'uso turistico confort e sportivita' come il TMax
  • rutti
    x Lucio1960 - Tranquillo che c'e' anche in versione enduro.. ;-) Cerca le foto su internet!!
  • Lucio1960
    enduro - Perche' crosso e non enduro, sarebbe veramente la moto polivalente che manca. Veramente ben riuscita esteticamente.
  • SYNAPSYS
    una meraviglia . - Concordo con i due lettori che hanno scritto prima di me. Questo TCross e' il primo scooter off-road, vero. Ci farei subito un trofeo. inoltre, viste le sovrastrutture potrebbe costare PARECCHIO meno del TMax. Le ruote... penso si possano montare quelle che si vogliono. Questo dovrebbe essere il capostipite di una nuova traccia. Perche' i vari VanVan ecc son carini, ma son VECCHI, non Vintage!
  • maurizioperico
    kiss kiss kiss - je t'adore. e perche' non anche ruote motard??
  • rutti
    La piu' bella del salone... - Non m'importa se non puo' concorrere ad essere eletta La piu' Bella del Salone, per me questa T-Cross e' la moto piu' interessante di quest'anno. Un raggio di sole nel salone piu' triste degli ultimi anni..

Correlate

Annunci usato