Cerca

Seguici con

Moto & Scooter

Borile Multiuso: inseguendo un sogno

di Fabio Cormio il 16/04/2012 in Moto & Scooter

Non credete che una moto artigianale, made in Italy e dotata di sospensioni regolabili possa costare meno di 5000 euro? In effetti sembrava impossibile anche a noi. Fino a quando non siamo stati a Vo' Euganeo...

Borile Multiuso: inseguendo un sogno
Chiudi
Pochi esemplari di moto l'anno, costruiti a mano da quell'uomo allo stesso tempo semplice e geniale che è Umberto Borile. Questa è stata fino ad oggi la dimensione e la cifra della Borile, piccola azienda con base a Vo' Euganeo, in provincia di Padova. Le cose però stanno cambiando. No, niente paura, il piccolo "atelier" veneto non è stato rilevato dai cinesi né da un qualsiasi grande gruppo industriale che andrebbe, giocoforza, a snaturarlo.

Leggerissima e incredibilmente maneggevole, la Multiuso ha nell'estrema facilità e nella versatilità le sue carte migliori

A fare il suo ingresso in Borile è invece Carlo Bassi, manager milanese di grande esperienza che, dando respiro al marchio padovano, ne amplia anche gli orizzonti, visto che i nuovi prodotti, la Multiuso (oggetto di questo servizio) e la Scrambler (che sarà presentata nelle prossime settimane) saranno prodotte a Bologna in alcune centinaia di esemplari.
Il giovane figlio di Bassi, Alberto, è amministratore delegato e un ruolo fondamentale nella ricerca e sviluppo è ricoperto da Andrea Artusi, personaggio creativo e poliedrico ben noto agli appassionati di motori e di fumetti. Un team ancora piccolo ma ben assortito, quindi, al centro del quale c'è ovviamente sempre lui, Umberto, che non rinuncia, oltretutto, alla produzione in piccoli numeri di alcuni modelli dedicati ai palati fini, come le bellissime CR e Ricki.
E adesso scopriamo come è fatta!
Borile Multiuso: inseguendo un sogno
Chiudi

88 chili col pieno di carburante, cerchi da 21" e 18", piccolo motore monocilindrico quattro tempi... ma cos'è esattamente la Multiuso?
Lo stesso Umberto Borile ci aiuta a capirlo, spiegandoci il suo progetto: "Doveva essere funzionale prima che bella. La Multiuso non è nata per vincere concorsi di stile e design, è come quando scegli la carta igienica, deve essere morbida e fare il suo dovere senza mai rompersi. Con questo concetto ho cominciato a lavoraci sopra. Il primo prototipo era una macchina da guerra, pesava solo 60 kg, ma era veramente terribile, mi avrebbero additato tutti come un sopravvissuto dall'era postatomica, credevo di fregarmene dell'estetica, ma un pochino dovetti ricredermi. Avevo montato un motore Honda GX 160 da tagliaerba. Il secondo prototipo veniva fin troppo bello e costoso, a tre quarti del lavoro mi fermai, la semplicità costruttiva che mi ero ripromesso stava andando a farsi friggere". 

Il terzo prototipo è, praticamente la Multiuso come la vediamo ora: motore Zongshen (partner della Piaggio) 4T di 230 cc e 15 CV, telaio in alluminio che funge anche da serbatoio carburante e scatola filtro, forcella dalla lunga escursione e completamente regolabile, con tanto di piastre ricavate dal pieno, forcellone in alluminio e doppio ammortizzatore regolabile da bici di downhill. Di fatto, quella che inizialmente può apparire un bizzarro ibrido tra motoalpinismo e trial, in effetti è un mezzo differente e versatile: robusta, tremendamente maneggevole e in grado di fare manovra in un fazzoletto, la Multiuso può adattarsi anche alla città oltre che ai boschi e ai campi.

Non a caso è in vendita in due allestimenti: "Motoalpinismo" (con gomme da trial e rapporti corti) e "Strada" (con gomme on/off e rapporti più distesi).

La Multiuso può essere allestita con due portapacchi laterali e uno anteriore in acciaio con chiusura a molla, inoltre è predisposta per il montaggio di due portaoggetti, uno sul manubrio e l'altro sul serbatoio, che si sommano ai due vani ricavati nelle fiancatine laterali offerti già nella configurazione di serie. Bisogna comunque dire che non ci sono altre sovrastrutture e che la stessa strumentazione si riduce a un piccolo pannello digitale con funzione di tachimetro e contachilometri. I freni sono entrambi a disco Braking da 220 (anteriore) e 190 mm.

E ora proviamola! 

Borile Multiuso: inseguendo un sogno

Leggerissima e incredibilmente maneggevole, la Multiuso ha nell'estrema facilità e nella versatilità le sue carte migliori. Guidabile a 18 anni con la patente A2, si rivela adattissima ai neofiti e al pubblico femminile: del resto, anche in caso di scivolata o di caduta accidentale dal cavalletto, è difficile che questa moto si danneggi e anche i motociclisti dalla corporatura più minuta sarnno in grado di sollevarla.

Noio abbiamo provato la Multiuso in allestimento "Motoalpinismo", divertendoci molto a passare continuamente dall'asfalto allo sterrato senza che la piccola Borile facesse un plissé. La prima marcia cortissima, unita alla gommatura specialistica, permette davvero di inerpicarsi ovunque, anche sulle salite più ripide e infangate. Già in questa configurazione si apprezza il tiro, per la verità inatteso, del monocilindrico Zongshen, pronto nella risposta e gratificante nel sound (a proposito, grazie alle due camere di compensazione la Multiuso non necessita del terminale di scarico).

Il raggio di sterzata è ridottissimo e in pratica questa Borile gira su se stessa, come una BMX. Le sospensioni sono comunicative e i freni più che adeguati al peso e alla tipologia di motocicletta.
A questo punto siamo curiosi di provare l'allestimento "Strada": con una gommatura adeguata all'uso stradale e una rapportatura un po' più distesa, la piccola monocilindrica veneta potrebbe rivelarsi un'insospettabile arma anche sui percorsi pieni di curve.

E ora è il momento di guardare la gallery!

Borile Multiuso: inseguendo un sogno
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • ueppe 73
    bravo borile - la multiuso e spettacolare non ascoltare le critiche di chi vuole solo la moto per farsi vedere da gli altri il mezzo deve essere funzionale un cros o una super sportiva o una turistica deve funzionare. non solo per farsi vedere e farsi notare MA soprattutto deve divertire e la tua lo provata e mi sono divertito tantissimo per questo lo comprata subito la uso per spostarmi dove voglio
  • ueppe 73
    lo provata e lo comprata subito - ciao come lo provata mi ha convinto subito per il resto quello che non mi piaceva lo cambiato subito come i due fari e il portatarga mettendo quelli che mi piacevono , senza spendere una follia anzi !!!! il motore e cinese ma e cosi semplice e banale apunto non credo mi dia problemi poi lo utilizano per quod e cros un po da per tutto nel mondo e i ricambi non ci sono problemi linportatore e ingl
  • ueppe 73
    oggi si guarda solo l ' estetica che barba - ciao raga . mi interesava questa moto visto che ho un CBR 1100 XX e ho bisogno di qualcosa di diverso piu pratica e manegevole senza anoiarmi con uno scuter o una vespa udierna anchessa senza marcie , la beta alp 4oo e totalmente inutile interasse lungo , pesante e non meno pratica come una induro . Ho voluto provarla prima di pensare di comprarla come ho provato la beta alp. e mi e' piaciuta
  • ueppe 73
    lo provata e lo comprata subito - ciao ragazzi . ho provato la Multiuso e spettacolare , mi ha convinto subito agile leggera pratica . quando mi arriva e la utilizo vi diro pregi e difetti visto che sono melto critico e puntiglioso comunque l' idea di borile e giusta mancava nel mercato una moto di questo genere visto che le altre della concorenza fanno motoalpinismo del genere sofisticato in un mezzo che non dovrebbe eserci
  • pana0607
    Perplessita' - Si, Senz'altro particolare, si fa notare eccome. Si fa' guardare piu' della supersportiva da 200 cv, ormai inflazionata. Buona per fare il figo al bar, l'intellettuale minimalista, un po' alla Lapo con la 500. A cosa serve?, fuoristrada un po', ma non come un trial o un enduro, in citta' puo' andare bene, ma non protegge e non trasporta come uno scooter. In due poi?? Il prezzo esorbitante,motore cina
  • Primavera1958-4401
    UTILITY BIKE - a quando i Concessionari??? - I commenti negativi sono di 20/30enni-quelli sui 40/50 l'apprezzano perche' e' evocativa, funzionale, "l'essenza della moto intesa come mezzo di trasporto ridotto ai minimi termini" >>> BRAVO Carmegeo! I piu' "maturi" le hanno viste, le prime moto (da piccoli o magari nei film) ed erano cosi', essenziali: non piacciono i portapacchi? Basta non ordinarli. Bravo BORILE, ma i Concessionari quando???
  • grandemarcello
    Moto inguardabile - Questa moto e' semplicemente una offesa all'intelligenza umana motociclistica...non si puo'guardare,spero sia un prototipo del dott. Stranamore..
  • 55tuaregs
    creativa - una bella motina per andare dappertutto e per divertirsi senza dover aver fatto palestra per prepararsi. anche per derapare un po\\\' non deve essere male.
  • 55tuaregs
    creativa - una bella motina per andare dappertutto e per divertirsi senza dover aver fatto palestra per prepararsi. anche per derapare un po\\\' non deve essere male.
  • vaccaroale
    Sinceramente, mi domando se - c'era bisogno di questo modello. A chi e' destinata? A un ragazzo di 18 anni? Ad una donna? Ad un anziano/a? A chi abita in collina o montagna? A chi vuole un oggetto kitch da mettersi in salotto? Scusate ma essere dei geni non significa solo fare qualcosa che nessuno fa, c'e' dell'altro. Se l'avesse commercializzata la Zongshen direttamente sareste tutti a sbellicarvi dalle risate.
  • guidomontalb
    Invece dello scooter e... della bici - Lo so, forse e' brutta, con quei portapacchi! Ma per me, che spesso uso la bicicletta invece della moto proprio quando devo caricare qualcosa, proprio perche' ha il portapacchi, e la mia moto no, e' proprio questa idea che mi piace molto, unita ad un telaio leggero da trial; e' sicuramente agilissima, meglio di uno scooter. Condivido con altri una sola critica: quella al doppio faro.
  • Yoghi52
    Secondo me - Chi rovina veramente l'esterica sono quei portapacchi in tubi che ricordano tantissimo le biciclette da panettiere ed i portapacchi delle vespe di qualche decina d'anni fa. Provate ad escludere dal campo visivo quei portapacchi l'aspetto complessivo migliora subito notevolmente. Inoltre migliorerei quei fianchetti verdi che non c'entrano proprio niente col resto. Gia' fossero neri sarebbero meglio
  • BenNick
    bella - un elogio all'originalita' ma soprattutto al lavoro di Borile, che crea moto stupende alcune con forti richiami alla scrambler ducati, mitica moto. sulla multiuso ci starebbe benissimo anche un faro singolo che alleggerirebbe notevolmente la vista dell'anteriore e cambierebbe la personalita' della moto, ma anche ora non mi dispiace
  • carmegeo
    Dai Borile - La Borile e' l'essenza della moto intesa come mezzo di trasporto ridotto ai minimi termini; e' una moto che ti dovrebbe portare ovunque anche se non con tempi minimali e comodita' da scooter . Assomiglia alla Yamaha Tricker ed alla Beta Alp moto da citta' e da escursioni on/off. Un incoraggiamento alla Borile a continuare nella sua politica evidenziando una originalita' difficile da trovare altrove.
  • pal
    Per chi critica l'estetica: qui la linea... - ...e' volutamente asservita alla pura funzionalita' di un mezzo che nasce prettamente utilitario (il buon Borile nella sua ci attacca pure un carrello per spostare materiale tra le vigne...). Per quel che mi riguarda proprio questo stretto legame funzione-forma che la distingue rendendola totalmente anticonformista, me la fa piacere eccome. Ad ogni modo Borile fa anche moto dalla linea stupenda...
  • katacumbe
    Di primo impatto .. - Risveglia l'infanzia e anche la linea non e' male ma... mi fermo qua. Per un giudizio su di una moto di questo tipo e' necessario provarla.
  • CLAUDIOSANTA
    ma quali Multiuso... - Va bene tutto, come il motore, il prezzo, e l'essenzialita' , ma occorre essere onesti con noi stessi : sono un motociclista da quasi 50 anni ed assicuro tutti che una bruttura simile puo' uscire solo dalla penna di un folle. Non ha personalita', non attira neppure un bradipo, e' tutta un non senso. Con tutto il mio rispetto per il lavoro di un progettista ritengo che e' stato perso del tempo.
  • glauco0101
    emozionante - esprime il concetto di ...... moto! primordiale, umano, lento ed emozionante. desiderabile.
  • lomanassero
    Motoalpinismo - Sono un 75 quenne che ama andare a spasso in montagna, in moto. Al momento ho una Suzuki 750 DR che va molto bene, ma ha dei limiti: e' alta , pesa con il pieno e qualche aggiunta oltre 160 kg. Se mi si rovescia sono dolori a raddrizzarla. Inoltre ha la prima stradale.Una moto come questa potrebbe risolvermi i problemi se avesse un serbatoio che permettesse almeno 250km, veri.
  • robertovaselli
    nostalgica - Secondo me, cambiando il faro e il nome, diventerebbe anche interessante, sembra una scrambler replica degli anni 70, i particolari poi sono delle chicche...
  • robertovaselli
    nostalgica - Secondo me, cambiando il faro e il nome, diventerebbe anche interessante, sembra una scrambler replica degli anni 70, i particolari poi sono delle chicche...
  • latexmike
    a me non piace... - ceh sia italiana, cinese o rumena poco importa.... a me sta moto non piace e non la comprerei nemmeno per 1000 euro. Poi se volete proprio difendere la produzione made in italy...bhe' e' un altro discorso. Ma obiettivamente e' brutta e costa cara
  • watcher
    mah.. - Sono d\'accordo che artigiani come Borile andrebbero supportati, ma questa moto esteticamente non si può guardare.. peccato..
  • saf1b2a2b
    dingo croos guzzi - ciao a tutti non e' male come piccola moto x tutti gli usi, vi ricordate il dingo croos guzzi 50 ? siamo li . AUGURI
  • jackal263
    ORGOGLIO ITALIANO - Io trovo che Artigiani come Borile andrebbero supportati e spronati ma sopratutto apprezzati. Tutti questi signori che hanno tirato pomodori in faccia con i loro commenti magari sono anche quelli che si lamentano perche' i cinesi i rumeni ecc...ci rubano il lavoro,le ditte chiudono e non ci sonoi soldi...comprate giapponese?mangiate giapponese?ma vivete in Italia?FATEVI UNA DOMANDA!
  • Gekozen
    Inseguendo un sogno ... - che pero' e' troppo veloce e non e' stato affatto raggiunto ... Simpatica, nulla piu' !
  • Yoghi52
    @ Monegasque - "...La moto dovrebbe essere un sogno, questa non lo e' di certo,..." ecco quello che intendevo dire. Finche' la moto dovra' essere "un sogno" invece che un mezzo di trasporto questa moto non avra' successo. Finche' dura....
  • pal
    Adorabile. Nel suo essere brutto anatroccolo... - ...mi ispira una certa simpatia. Ma anche all' aperitivo farebbe una gran figura, distinguendosi dalla massa delle varie maxi alla moda, use al solo tragitto casa-happy hour. Per il resto Borile e' una garanzia di qualita' assoluta: una moto nata puro mulo utilitario ma cesellata da grande artigiano in grado di divertire assai, nel suo piccolo.Moto da piccoli numeri,riservata ad amatori esperti
  • rozilla
    presa di giro - altroche' genialata.. motore cinese, sospensioni da bici, serbatoio da pochi litri ed estetica ributtante.. al fantastico prezzo di 4700euro..un affare (?!). e per qualcuno dovrebbe pure attirare i giovani come moto di utilita'? ma per favore... con 4700 euro mi prendo uno scooter piuttosto.. che va pure piu' forte e ha la garanzia.
  • AndreaAlfa1991
    Mah... - Io se dovessi prendere una moto con 5.000 euro mi prendo una Kawasaki ER-6n a km 0 (almeno potrei dire di guidare una moto che non sara' italiana ma almeno che sia vera e seria) Poi devo capire dove sta la ricerca del design in questo normalissimo scrambler con i portapacchi Vespa installati sopra... Apprezzo lo sforzo, ma quando nascera' un nuovo Corradino d'Ascanio qui in Italia?
  • mobic15
    Moto?? - Mai visto un tale insulto al motociclismo........... Semplicemente inguardabile!!! Senza offesa e'!!! ;-)
  • fabbroman
    Yoghi52 confuso - ...la Vespa e' uno scooter, e' stata progettata proprio in alternativa all'auto, ma con costi ed ingombri piu' bassi di una moto. Nel dopoguerra non c'erano i soldi per l'auto e lo scooter e' nato per la mobilita' di questi utenti che potevano recarsi al lavoro senza sporcarsi le scarpe ed i pantaloni. La moto invece e' nata per lo sviluppo tecnologico e la velocita' su altri mezzi di trasporto (cavallo)
  • pepe98
    Molto Intelligente: Una Vera Utilitaria ! - Nonostante la crisi i motociclisti in genere adattano l'uso anche utilitaristico della loro moto che pero' acquistano col cuore e non con la testa. Cosi' si vede che va al lavoro con una supersportiva.Io non sono migliore. Ma credo ci sia spazio per usi 100% utilita' soprattutto fra i giovani. Sono felice che fra le vigne delle dolci colline euganee sia nata una moto multiuso. Complimenti a Borile !
  • micioblues
    Bella!!!! - Dev'essere una moto divertente, anche per dei veterani.Ricorda vagamente la Yamaha Tricker 250.Moto piccole e leggere senza troppe pretese,adatte a motociclisti dalla statura medio -piccola.Comunque bravi,un bel 7 per l'impegno!W l'Italia:)))!!!
  • fagni
    la voglio - conosco borile da una vita: uno dei pochi geni rimasti in italia. la genesi di questa moto pure. quindi: la voglio!
  • superbowl
    e' stata una scelta farla cosi' brutta? - secondo me' era possibile ,magari usando uno stile retro', magari ispirandosi a qualcosa di buono gia vistoi,realizzare una moto con le caratteristiche richieste,senza dover essere ridicoli in sella...ve la immaginate un auto utilitaria a basso costo con l'estetica della NSU PRINZ al giorno d'oggi? anche se fosse l'auto perfetta chi la comprerebbe?...
  • fabbroman
    estetica a parte - ...almeno il carter per la catena lo poteva mettere, vista la destinazione d'uso "campestre"...non dico un carter completo alla jawa ma almeno una piccola appendice in modo da non dover pulire ed ingrassare la catena ogni due giorni...sicurezza a parte.
  • monegasque
    @Yoghy52 - Ognuno compra cio' che vuole e puo'. Una moto "troppo avanti con i tempi?" A me sembra il contrario, una "NON MOTO", forse una bicicletta senza pedali La moto dovrebbe essere un sogno, questa non lo e' di certo, assomiglia a un incubo da ex DDR. Io spero invece che ai motociclisti NON si svuotino le tasche ancora di piu', anzi. Auguro comunque a chiunque produca qualcosa di vendere e prosperare.
  • pico55
    boh!!! - mi pare che per gli stessi soldi ci siano in commercio moto simili ma almeno molto piu' belle.
  • zek
    BoRilE. - Borile fa da sempre le cose con gusto e stile, incontrando altresi' le esigenze di mercato. Umbe uno di noi! Grande!
  • Yoghi52
    Una moto intelligente - Purtroppo ini Italia le moto intelligenti non attecchiscono. Questa e' troppo avanti con i tempi. Bisogna aspettare che ai motociclisti si svuotino ancora un po' le tasche e con questo il concetto che la moto debba essere un oggetto di culto prima che un mezzo di trasporto. Quando la moto tornera' ad essere quello che era la vespa nel dopoguerra allora avra' successo.