Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Moto & Scooter

Kawasaki Versys 1000: il futuro del turismo

di Andrea Padovani il 29/11/2011 in Moto & Scooter

Motore a quattro cilindri, ciclistica solida e tanta elettronica. Arriva sul mercato la crossover giapponese, un mezzo totale, in grado di affrontare qualsiasi sfida e qualsiasi percorso, da soli o in coppia. Nei concessionari a dicembre a 11.990 euro (f.c.)

Kawasaki Versys 1000: il futuro del turismo
Chiudi
Un po' tourer, un po' naked, un po' enduro, un po' sportiva. La Kawasaki Versys 1000 è tutto questo e molto di più. Non si limita ad un solo ambito ma ne abbraccia molti per soddisfare un pubblico esigente e quanto mai vario: dalla gita domenicale al viaggio a Capo Nord ai brevi trasferimenti cittadini, nulla le è precluso grazie a una base tecnica solita e all'uso di tanta elettronica che ne fanno una moto davvero completa, sicura e fruibile.
La Versys 1000 è spinta da un quattro cilindri preso a prestito dalla Z1000, ovviamente profondamente rivisto per la nuova destinazione. La cilindrata è di 1043 cc: le differenze con la naked di casa sono a livello di camera di scoppio, di rapporto di compressione (passato da 11,8:1 a 10,3:1), di distribuzione (inediti i profili delle camme) e di alimentazione con l'adeguamento dell'iniezione (i corpi farfallati sono da 38 mm di diametro) in funzione dell'uso turistico e della sistemazione nel nuovo telaio a doppio trave. Inediti anche i rapporti del cambio con la 1° e la 2° marcia più corte e le altre più lunghe.
L'elettronica gioca un ruolo importante nella nuova Versys: l'ABS deriva da quello installato sulla maxi sportiva ZX-10R e sfrutta un'unità Bosch tra le più piccole presenti sul mercato. A questo si affianca il KTRC, il controllo di trazione Kawasaki, impostabile su tre livelli di intervento: il primo e il secondo permettono uno slittamento controllato della gomma posteriore per ottenere la massima prestazione (deriva dal S-KTRC già visto sulla ZX-10R), il terzo invece risulta più invasivo ed è studiato per fondi a scarsa aderenza. I tagli (attuati mediante la modifica dell'anticipo, del timing dell'iniezione e la modulazione delle valvole a farfalla secondarie) sono quindi più sensibili.
Nella Versys è possibile inoltre scegliere tra due mappature del motore, Full e Low: quest'ultima, oltre a garantire una risposta più dolce all'apertura del gas, mette a disposizione del pilota solo il 75% dei 118 CV dichiarati (a 9000 giri) del propulsore.
Il quattro cilindri è inserito in un telaio a doppio trave in alluminio sempre di derivazione Z1000 composto da cinque elementi saldati: gli elementi principali laterali passano sopra la testa del motore per ridurre gli ingombri laterali e quindi favorire l'ergonomia. Anteriormente il motore è abbracciato da due bretelle che si abbinano a due tubi orizzontali di rinforzo. Il telaietto reggisella invece e un traliccio in tubi di acciaio studiato per sopportare elevati carichi quando si viaggia in coppia con le borse.
L'ammortizzatore posteriore (con regolazione remota del precarico) lavora con un leveraggio progressivo ed è posto orizzontalmente sopra il forcellone per far spazio all'imponente catalizzatore nella parte inferiore che permette di contenere le dimensioni del silenziatore laterale.
Tanto la sospensione posteriore quanto l'anteriore (affidata a una forcella KYB da 43 mm regolabile nel precarico e nel freno in estensione) godono di una corsa maggiore rispetto a quella delle stradali normali, ben 150 mm, a tutto vantaggio del comfort anche su fondi non proprio perfetti. A questo dato va aggiunto l'informazione sui pneumatici: quelli scelti per la Versys sono i Pirelli Scorpion Trail, gomme di compromesso adatte anche al fuoristrada leggero e installate su cerchi da
17".
Notevole l'attenzione riservata alla funzionalità e ai viaggiatori: il parabrezza è facilmente regolabile in altezza manualmente (su una escursione di 30 mm) mediante due pomelli a vite (pratici ma brutti da vedere) mentre le pance laterali della carenatura aiutano a deviare il flusso d'aria dalle gambe. Al posteriore si può notare invece il vistoso e poco elegante portapacchi in resina che integra le maniglie del passeggero. Come optional sono disponibili le valigie laterali Givi appositamente progettate: purtroppo non sono stati previsti attacchi appositi integrati nel codone quindi occorre applicare alla moto una brutta struttura in tubi per sorreggere le suddette borse: un piccolo sforzo in più non sarebbe stato male…
Ampio il vano sottosella e completa la strumentazione: include un contagiri analogico e un LCD con tachimetro, indicatore del carburante, contachilometri totale, orologio, doppio contachilometri parziale, indicatore dei consumi istantaneo e medio, autonomia rimanente e temperatura dell'aria esterna.
Kawasaki Versys 1000: il futuro del turismo

La Versys 1000 è imponente, massiccia, trasmette solidità e sicurezza, anche solo quando ci si accomoda in sella: da sopra appaga, rassicura, non stanca. La posizione in sella è quanto mai naturale, con il sedere comodo sul largo cuscino, le braccia ben distese ad abbracciare il manubrio proteso verso il busto del pilota. Le pedane sono piuttosto distanziate dal piano di seduta e questo garantisce un limitato affaticamento delle gambe anche sulle lunghe distanze.
Da fermo, la Versys non è proprio un fuscello. Come dire… i 239 kg dichiarati si avvertono tutti in manovra. Ma in movimento sembrano davvero molti meno: la prima impressione è quella di una moto agilissima, reattiva ai comandi del pilota.

Sulle prime può addirittura prendere in contropiede vista la velocità con cui scende in piega e va alla corda: certo, il merito va anche al favorevole braccio di leva offerto dal manubrio, ma rimane il fatto che questa moto sembra tutt'altro che una maxi quattro cilindri di 1000 cc… L'agilità si sposa a una stabilità davvero elevata sul veloce: anche ad andature superiori a quelle consentite dal codice non si registrano sbavature o incertezze. Insomma, nei lunghi trasferimenti autostradali ci si può rilassare, coccolati da una protezione aerodinamica eccellente anche col cupolino in posizione ribassata. Peccato invece per le vibrazioni che si avvertono in maniera netta su manubrio e interno coscia sopra i 5000 giri e in rilascio: alla lunga infastidiscono.
Questa precisione direzionale sul veloce va "aiutata" quando si affronta il misto guidato: le quote ciclistiche conservative, con il cannotto di sterzo piuttosto aperto (27°), a centro curva non permettono alla Versys di chiudere a dovere la traiettoria e spesso occorre chiamare in causa il disco posteriore per rimediare. Ovviamente questo accade quando si guida di buon passo: nella normalità di una condotta tranquilla tutto rimane nella norma. Anche i trasferimenti di carico in frenata o in accelerazione non prestano il fianco a critica, questo nonostante la lunga escursione delle sospensioni che in più offrono una grande capacità filtrante sulle malformazioni, a tutto vantaggio della stabilità.
L'altro punto forte di questa moto è il propulsore: la sua regolarità di funzionamento è impressionante. In sesta permette di riprendere fin da regimi prossimi a quelli del minimo e la schiena che offre nella guida è esemplare: dai 4000 ai 9000 giri è un portento che permette realmente di dimenticarsi del cambio. All'occorrenza è possibile insistere fino al limitatore, ma con questa moto davvero non serve.
I freni sono all'altezza delle elevate prestazioni del propulsore: aggressivi all'attacco si sono rivelati potenti e modulabili e solo esagerando si registra l'intervento dell'ABS, sempre misurato e mai troppo invasivo.
E l'elettronica? Su strada, con fondo in ottime condizioni, il traction control non è mai intervenuto, anche in virtù dello splendido lavoro dei pneumatici Pirelli Scorpion Trail. Così come non è mai stato necessario passare alla mappa Low del propulsore. Perché precluderci il divertimento?

Kawasaki Versys 1000: il futuro del turismo
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • antonioferrari
    di sostanza, - caro Maverick, come non quotarti, stessa mia esperienza anche io volevo una moto comoda, agile e che mi desse belle sensazioni di guida...e le ho provate tutte; GS1200 venduto per la disperazione, Tiger1200, KTM, Tenere'1200; Crossturer, Multistrada1200 S... tutte in citta, statale (collina) e 10 km di autostrada.... ho scelto la Versys!
  • 00Maverick
    FATTI!! NON PUGNETTE - Volevo una moto agile e che mi desse belle sensazioni di guida...le ho provate quasi tutte; GS1200, Tiger1200 e Tiger1050; Tenere'1200; Crossturer; Multistrada1200 S... provate su stesso percorso di montagna. Le uniche ad emozionarmi (senza togliere niente alle altre) sono Versys e Multistrada.Tranne l'estetica, migliorabile, il resto e' FANTASTICO!
  • Kaversys
    Kawa Versys 1000 provata ed ....acquistata - Avevo la piccola 650 nera, una forza, non sbagliava una curva...ho provato la 1000, beh e' come sedersi sulla poltrona di casa preferita, maneggevole, potente, da' sicurezza piena con il CT. la possiedo da 3 mesi, lavoro fuori citta' dal lun al ven...beh non vedo l'ora il sabato di andarci. Strumentazione, posizione guida, ABS....una sicurezza. Non sara' bellissima, ma e' l' "emozione" Versys 1000.
  • Francisco64
    Provare per credere.......sorprendente! - Beh di moto ne ho avute tante, tutte le Gs dalla 1100 in avanti, per finire con la ktm adventure 990 ma mai una jap e mai un 4 cilindri.......beh dopo che ho provato la versys 1000 me la sono comprata! Certo a guardarla non svieni dalla bellezza ma quando ci sali e sopratutto ci giri vi assicuro che e' un grandissimo mezzo.
  • betto0501
    segue mia nota precedente del 30/11 - Provata e messa sul serio alla frusta in compagnia di altre moto che tiravano sul serio percorso da cronoscalata salendo per ben 3 volte su l' Etna (mare-neve). Minchiaaaa e' fantastica il motore tira in basso da paura,freni buoni (abs non invasivo). scende bene in piega(allarga un po la traiettoria in uscita)i cambi di direzione sono rapidi mi sono permesso qualche bel sorpasso. Assetto fai date
  • tn75
    moto furba - moto intelligente,tecnicamente evoluta a un prezzo interessante..perche' no?
  • robyvaro
    ACCIDENTI QUANTO E' BRUTTA ! - Un ragazzino di terza elementare la poteva disegnare meglio! confidiamo nelle doti che, ... pare, siano inversamente proporzionali alla BRUTTEZZA !!!! (i giapponesi sono incredibili in tutto !!!)
  • luigiculmone06
    ne venderanno molte - per me e' stupenda....e poi costa 4000 euro meno delle concorrenti.....la sostanza e qualita ci sono e quindi.........inoltre e' una molto con un suo stile inconfondibile......attenzione : rispetto a chi non piace...ciao a tutti.................
  • virginio59
    1000 cc e oltre - serve davvero un 1000 cc o piu' ? io a capo nord non ci andro' mai .io con la sorella da 650 pero' sono stato in portogallo .ho fatt0 7000 km e sinceramente i 60 cv della sorella sono piu che sufficenti. anzi bastano e avanzano. poi di questi tempi perche devo pagare bollo assic benza tagliandi vari x un 1000 che x il 90% dell'uso non superero' mai il 50% di potenza ??? meditate gente meditate
  • fabianoviva
    Il suo unico e irrimediabile problema. GS forever - Il problema di questa Versys come della piccola e' uno solo: E' BRUTTA. Molti diranno:" Gli italiani, dovrebbero fare come i tedeschi che non pensano all'estetica, ma badano al sodo". Ok..cazzate! Voi la vorreste un'amante brutta? Perche di questo parliamo: di cuore, passione, di un qualcosa che ti fa vibrare il cuore, un po' come una donna. Una donna bella e' desiderata da tutti,ma una brutta?
  • tours59
    ma se la Giesse ha quel successo ci sara' un motivo - va bene cercare di impensierire la Giesse, ma finora mi pare che siamo lontani. a mio parere qualche fastidio lo potra' dare la honda crosstourer, l'ho vista all'Eicma e mi sembra fatta bene, ha carateristiche simili alla Giesse per quanto riguarda la comodita' generale, la qualita' e le dotazioni. ma questa versys e' un stradale e basta
  • agmuttley
    Le Enduro stradali di enduro hanno solo il nome. - La Versys non credo nasca per far paura alla BMW, non mi sembra modaiola o quella che si fa notare parcheggiata davanti al bar. Mi sembra una moto assolutamente concreta ed un otima base per lunghi viaggi su strada, se il commento sulle vibrazioni vi fa storcere il naso allora non avete mai guidato un boxer bavarese.
  • marcataldi
    moto "intelligente" - L'estetica non fa rimanere senza fiato, pero' il rapporto qualita'/prezzo c'e', in particolare rispetto alla gamma Multistrada.All'Eicma ne ho apprezzato la posizione di guida e le rifiniture. Effettivamente manca qualcosa di turistico/enduro leggero che non superi i 15.000 euro e il 1000 di cilindrata. Forse le uniche concorrenti vere sono F800GS e Tiger 800 std. Ma l'affidabilita' nipponica...
  • chicomoto
    pesanteee - che dire.....secondo me di intrigante ha solo il fatto di avere 4 cilindri poi il resto ..... il mio ktm SMT ha la stessa potenza ed e' molto ma molto piu' leggera poi la bellezza soggettiva
  • Julius0507
    Come detto da molti... - Moto intelligente, ma esteticamente non entusiasmente (e questo credo sia cio' che conta veramente nel mondo motociclistico). Anche la Versys (come Honda e Yamaha) non andra' a scalfire lo strapotere BMW. L'unica che credo potra' impensierirla sara' la Tiger Explorer. Gran bel mezzo, tra l'altro, ma di cui non ho ancora capito il prezzo.
  • robyvaro
    Che dire... (?) - Tanti auguri.! ..... ma proprio tanti !
  • voina77
    versys 1000 - ...un altro flop..partono credo con l obbiettivo di far concorrenza a bmw e costruiscono degli obrobi.dovrebbero chiedere a chi le usa cosa vogliono.io volevo comodita,leggerezza ,spinta motore e versatilita,dall autostrada al deserto infatti ho preso una ktm 990 adventure.Moto ECCEZZIONALE,non mi dispiaceva la supertenere ma il peso e' eccessivo....dopo 3 africa twin.....
  • ambroghio
    Si ma l'estetica... - ... secondo me e' una delle piu' brutte moto mai prodotte assieme alla Mana GT. Posto che vada cosi' bene come da vs prove ma non se po' guarda'. Sicuramente con questa in garage rientri prima in casa dalla mogliettina, sicuramente non ti soffermi ad osservarla dopo il giro per goderti le sue forme ... potrebbe essere un pregio anche questo. .... preferisco rientrare dopo dalla mogliettina ....
  • K-04
    Ha rottogli schemi - Possiedo una ktm 990 Adventure e' sono soddisfatto,che dire sulla nuova versys 1000 ? Bella. Complimenti alla Kawasaki per il coraggio dimostrato nell'affrontare nuove strade rompendo gli schemi motociclistiche oramai tradizionali o astratti.Meglio della nuova Multistrada " per quanto costa " .... !
  • giuliaTN
    L'estetica.. - Non mi fa impazzire e men che meno quello scarico lungo e basso....il motore sara' sicuramente al top....per viaggiare dv'essere fantastica ed e'quello che conta!
  • mussoletto
    aspetta e vedrai - dopo la originalissima klv 1000 adesso ci riprovan co sta 4 cilindri ,consiglio di aspettear il prox salone per vedere se riescon a migliorarla un pochino, poi gusti e colori non si discutono ci mancherebbe
  • ivan031009
    Va provata - Ma come fate ad esere cosi' obbiettivi e convinti di cio che asserite? Quanti di voi l'hanno provata o toccata o soltanto vista dal vivo? Io credo che una moto di questo livello richieda piu' tempo per essere valutata attentamente e soprattutto debba essere cavalcata per davvero e non virtualmente. Quindi io aspetto di salirci sopra prima di sbilanciarmi e poi non e' bello cio che e' bello ......
  • confidence
    Che brutta! - Tecnicamente molto interessante, esteticamente improponibile
  • stanansi0301
    Non male - oooh a me piace!!! Ci sono salito in fiera e mi trovavo bene, l'unico neo sono le pedane passeggero un po' alte e neanche regolabili perche' saldate al telaio. Bisogna vederla messa giu' da turismo, con borse, bauletto, borsa serbatoio, un parabrezza piu' protettivo, paramani, navigatore, ecc., senno' non ha senso. Nessuno lo comprerebbe per fare sterrati, come col GS del resto. Ma il prezzo?
  • robertoguzzi0611
    Necessario. - Era necessario per restare nel gruppo dei prodotti presentati da altri costruttori. A mio parere non servono moto cosi' pesanti,cosi' potenti,cosi' costose;ben venga la tecnologia avanzata ma sarebbe opportuno mantenere il tutto a livello "umano".
  • fiorepira
    la moto perfetta - A me sembra la moto perfetta, manubrio largo, busto eretto, facilita' di guida, e' chiarissimo che non e' un fuoristrada ma una perfetta granturismo. con quel motore se poi consima anche il giusto...quando la mia Caponord sara' (mai) finita prendero' questa.
  • deltabox0104
    Rizzey - Completamente d'accordo con Rizzey. Chi parla di enduro ha un po' di confusione: se questa e' una enduro, io sono Casey Stoner.... E' una moto di estrema concretezza, che poi e' l'ideale per fare turismo. Seghe mentali sul numero dei cilindri non hanno senso, quando parliamo di una tourer che ha tutto quel che serve per lo scopo per cui e' stata progettata.
  • achab 1956
    Bandit per ... sempre ! - Stiamo vedendo una lunga passerella di cloni senza uno stile, costosi e dalle caratteristiche positive che non compensano le negative. Mi faro' il campionato italiano turismo orgoglioso si cavalcare il mio Bandit S che e' costato non poco ma il giusto che anche la critica piu' pelosa non riesce a scalfire. Vedremo al salone del prossimo anno se ci sara' qualcosa di nuovo.
  • emi051120
    MEGLIO LA MIA STELVIO! - A parte i 10 cv in piu' non mi pare che offra di meglio rispetto alla Stelvio.
  • betto0501
    IO CI CREDO!!! MOTO CONCRETA - L'unica nota stonata e' il fontale; ma....gran motore affidabilissimo con una gran coppia per fare dell'ottimo gran tutismo a largo raggio, senza temere confronti con due o tre cilindri. Buona ciclistica,(si poteva fare di piu' nel comparto sospensioni) . Elettronica Q.B. , il peso in ordine di marcia lo trovo allineato. Design innovativo, (LE GS HANNO STANCATO ) PREZZO INTERESSANTE!!!
  • maaxser
    Intelligente ma brutta. - Sicuramente si tratta di una moto intelligente, apprezzo la scelta del 4 cilindri. mi piace l'elettronica proposta, il prezzo non sarebbe male ma........ l'estetica proprio non mi va giu' !!! Preferisco alla grande la stradale SX..
  • rizzey
    Scrivere senza leggere ... - Lo so leggere affatica un po la vista, ma non mi sembra che questa moto manchi di personalita', anzi nel suo design e' unico e moderno, in fondo la gs ha quasi 30 anni ... e poi non e' una fuori strada anzi e' fatta proprio per non andarci. Quindi moto intelligente fatta per chi ama anche la piega ma in tutta comodita' del manubrio alto, anche in 2, assistiti dall'elettronica ad un prezzo abbordabile.
  • principe0602
    X metroid - perche`4 per cortesia??? io ne ho abbastanza dei 2 cilindri su questo tipo di moto, per cui ben vengano i 3 della Triumph, i 4 della Honda e i 4 della kawasaki. Poi discutiamo sulla linea e come e`fatta, ma i 4 per me sono una manna; 4 in fouri strada?? quante GS hanno visto gli sterrati? Puo`piacere o no, ma il concetto mi sta benissimo.
  • metroid
    Ma fare TUTTO A REGOLA D'ARTE?! - KAWASAKIIIIIII...... ma con un 4 in linea non riuscire a renderlo "NON VIBRANTE?"... Lo accetto dal mio Gs (che non e' moto perfetta, anzi, checche' se ne legga), dalle Tenere' (ottimo prodotto ma "anonimo di motore")et similia... ma 4????? Dai per cortesia....
  • teddyraspa
    Obbrobrio... - ...e' la prima parola che mi viene in mente. Ma sono l'unico a rimanere allibito quando mi si propone una ENDURO (quindi on/OFF road) a quattro cilindri, che pesa oltre 240 kg a secco e che ha oltre 100cv?? Gia' si fara' fatica a spostarla da fermo, non parliamo di andarci a fare degli sterrati... Tra Honda, Triumph, Kawa non so davvero quale mi faccia piu' ridere...
  • J78
    Bella ma l'estetica.. - Se avessero messo il muso della z1000 sx come hanno fatto con la Er6f l'avrei presa ad occhi chiusi. Cosi' pero'.. mah.. non riesco proprio a farmela piacere.
  • deltabox0104
    Mi piace - Non fa girare la testa per l'estetica. Ma e' una moto estremamente concreta, ha tutto quello che serve per fare turismo comodamente. Il motore sara' pure un 4 in linea, ma va benissimo, visto che non e' una enduro e cmq e' un motore ricco di coppia ai bassi, come si conviene ad una moto turistica. Potrebbe fare al caso mio per sostituire la Caponord che uso esclusivamente per turismo in coppia.
  • multimarco
    Brutta - La 650 era brutta ,questa e' peggio ,ci vuole del coraggio a mettere insieme pezzi alla rinfusa per far concorrenza alle note endurone bicilindriche. Piu' che una moto giapponese mi da l'impressione di una "cinesata"
  • moldan
    DOPO ANNI DI ATTESA !!!! - Sono diversi anni che aspetto questa maxi enduro kawasaki, era nell'aria non vedevo l'ora di vederla......delusione......doppia delusione.......penso, perche' comprarla???? fra qualche anno se vado a rivenderla quanto puo' valere? conoscendo il mercato molto poco. E allora il mio pensiero torna sulla GS o Multi.
  • lukra
    Inutile - a parte che mettere un 4 cilindri, perche' non si ha altro in casa, su un tipo di moto di taglia media, mi sembra proprio una forzatura. Tanto e' pregevole la 650, quanto inutile 1000. Fara' la fine della Varadero, VStrom/KLV 1000 che poi almeno queste erano bicilindriche. Staremo a vedere, di sicuro chi la compra nuova, l'anno dopo se la rivende ci smena un pacco.
  • calus
    crisi d'identita? - la kawasaki mi sembra la miglior casa giapponese, ad oggi. Non vedo questa crisi d'identita. Non osa piu di tanto, ma propone prodotti validissimi (zzr1400, z1000sx, versys e nuove Er, zx10r), a prezzi accetabili. Yamaha a parte una bella Supertenere, cos'altro ha di cosi nuovo? La peggiore supersport, le fazer fotocopia e manco tanto godibili...non so. bho..
  • micione70
    INCOMPRESA - sara' l'ennesima incompresa causa l'estetica un po' fiacca. La base tecnica c'e' ed e' furba perche' presa a prestito di qualcosa gia' esistente e collaudato. Ci sono salito e si sta bene, pero' il motociclista giustamente vuole innamorarsi dell'aspetto per sopportare eventuali difetti. Potra' ricavarsi la sua nicchia magari di possessori della 650 che vogliono qualcosa in piu'. Attendiamo idee..
  • cuori&pistoni
    vibrazioni - dev'essere divertente... peccato per vibrazioni ed estetica. ma se alla seconda ci si puo' far l'occhio, alle vibrazioni nn e' che...
  • MAVERICK300
    La moto universale - Sembra che la corsa alla moto universale non finira' mai, ed il motivo lo conoscono tutti: non puo' esistere la moto universale. Perche' le case costruttici insistono nel voler farci digerire motociclette che secondo loro vanno bene ovunque; e questo solo perche' le leggi del mercato obbligano a seguire una moda nata con 4 fighette che di enduro vero o pieghe vere non ne hanno neanche sentito parlare.
  • gioaller
    Vorrei ma non posso... - Sembra il motto di questa moto...una maxi enduro costruita in economia,recuperando in casa quanto si ha,personalmente ritengo che ne venderanno pochine,Kawasaki e Suzuki sembrano entrate in una crisi d'identita' e di prodotti,solo Honda e Yamaha sembrano in grado di rispondere allo strapotere della casa con l'elica,nel settore delle maxi-enduro e con risultati alquanto discutibili.
  • dante.cafarelli
    Una moto logica - Che dire. A sensazione, dovrebbe solo essere un pelo piu' leggera e un po' piu' incline alla guida sportiva. Ma, sono dettagli. Purtroppo, ho la sgradevole sensazione che, insidiando la GS, avremo il solito fuoco di fila delle riviste "alleate" dell'elica. Un po' com'e' accaduto alla SuperTenere'. Naturalmente, si spera che i motociclisti italiani apprezzino il (molto) buono, rapporto prezzo/qualita'