Cerca

Seguici con

Moto & Scooter

Millepercento BB1

di Daniele Massari il 24/02/2009 in Moto & Scooter

Una Moto Guzzi raffreddata a liquido? Quasi, ma i creatori sostengono l'unicità di questa moto che, molto simile a una Griso, sarà presto in vendita

Millepercento BB1
Chiudi
Dopo la presentazionedel prototipo nel corso dell'EICMA 2007, l'azienda lombarda MPC presenta la versione definitiva della sua naked BB1. Si tratta di una naked stradale parente strettissima della Moto Guzzi Griso, spinta da un bicilindrico a "V" di 90° derivato da quello "Made in Mandello" ma dotato di raffreddamento a liquido. La cilindrata è di ben 1.420 cc (grazie a quote di alesaggio e corsa di 106,3x80 mm) e il twin è accreditato di ben 134 CV di potenza a 7.
100 giri e 146 Nm di coppia a 5.600 giri/min. Il propulsore, la cui architettura richiama molto da vicino i bicilindrici di tradizione Guzzi, è stato perfezionato grazie all'introduzione del raffreddamento a liquido e di alcuni componenti derivati dalle vetture del campionato NASCAR: l'idea nasce dalla partnership tra Stefano Perego, che nel 2005 rilevò una concessionaria Moto Guzzi, e l'azienda specializzata Big Bore. Esteticamente, la BB1 si distingue per il diverso aspetto del motore, che è 8 cm più stretto e 5 kg più leggero del twin da 1.
100 cc, per la sella dal profilo differente e per la presenza di una coppia di convogliatori in carbonio che, insieme al puntale, servono a mascherare la presenza del radiatore.
Invariata nella ciclistica, questa "special di serie" sfrutta lo stesso carter della sportivissima MGS-01, ha un albero motore ribilanciato e abbinato a nuove valvole in titanio, comandate da inedite punterie a rullo.
La BB1, che ha un peso a secco di 219 kg, è un progetto curato da Giuseppe Ghezzi (progettista, tra l'altro, della Ghezzi&Brian Furia e della Moto Guzzi MGS/01) e costituisce il primo risultato di un sodalizio che promette grandi soddisfazioni ai motociclisti in cerca di una cavalcatura unica, meglio se italiana: per il momento ne verranno prodotti solo 29 esemplari, commercializzati da febbraio a 24.190 euro.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • tonimaco
    perchè parlate senza sapè - Caro Francicrosso, ti assicuro che la Stelvio tira molto anche ai bassi(c'è stato un aggiorn. alla central.)questo motore è spaventoso, dai 4mila giri in sù rischi di perdere i capelli, parlo perchè sono a 15mila Km di godimento,prima avevo una Griso, mi appariva più pronta, ma con prove fatte anche in accellerazione siamo lì poi vado via, ho avuto successo anche con una famigerata Gs 1200 salut
  • antonuk
    bella motorona!!! - Gran bella bestia!!! Bravi quelli della MPC,e complimenti per il coraggio e la passione!
  • Franzhondo
    la Guzzi... - La Guzzi produceva fior di sportive e moto da corsa senza pari(vedasi la mitica 8 cilindri) e ora produce solo moto sovrappeso con il suo immancabile cardano e che di sportivo hanno solo qualche pezzetto di carbonio.Possibile che non riescano a schiodarsi da questi sterotipi e produrre di nuovo delle sportive vere non dei mucchi di ferro pesanti come due moto.c'è già la harley che fa moto così!
  • fanticrosso
    2 valvole Bigbore - Bene, speriamo che questa bella iniezione di passione dia una svegliata a Mandello. Un paio di notine: la Stelvio monta un quattro valvole (ad aria) molto meno prestante e povero di coppia in basso (sigh) invece qui con DUE valvole la coppia è da camion, poi ricorderei che il motore in questione ha vinto a Daytona. E' in arrivo anche la versione bigbore su base 1098 ducati che pare volare: 165c