Cerca

Seguici con

Moto & Scooter

Aprilia Scarabeo 200

Portato al successo dai modelli 125 e 150, lo Scarabeo si presenta anche in versione 200 cc, con un nuovo motore e modifiche alla ciclistica

Aprilia Scarabeo 200


di Luigi Rivola




In occasione del lancio ufficiale dello Scarabeo 125/150, avvenuto a Lisbona due anni fa, i più scettici sul potenziale gradimento di questo nuovo veicolo erano proprio loro, gli uomini dell’Aprilia, che temevano reazioni freddine da parte del pubblico alla proposta di uno scooterone a ruote alte.

Chi invece scendeva di sella, dopo averlo provato sulle tormentate salite e discese, magari pavimentate con cubetti di porfido, della capitale portoghese, dopo essere passato disinvoltamente sulle rotaie del tram ed aver dovuto frenare frequentemente di colpo nel caotico traffico latino, era entusiasta e sicuro che tanti altri avrebbero capito ed apprezzato.


Così è stato.




Nel 2000, lo Scarabeo è stato prodotto in 35.000 esemplari, il che ne fa un fenomeno nel panorama degli scooter, considerato che è tuttora unico nel suo genere.

Il successo che il pubblico ha decretato allo Scarabeo ha convinto l’Aprilia che valesse la pena di accentuare le doti di stradista di questo scooter. Di conseguenza, lasciando assolutamente invariata la fortunata formula costruttiva ed estetica originale, ha ampliato la gamma con una versione dotata di un nuovo motore di 200 cc , modificando la ciclistica per adeguarla ad un consistente incremento di potenza e di coppia.

Lo Scarabeo 200, già disponibile presso la rete dei concessionari Aprilia, è un’offerta decisamente interessante in quanto promette prestazioni (che verificheremo al più presto) pari a quelle degli scooter 250, ad un prezzo nettamente inferiore: 7.900.000 lire, franco concessionario.






La differenza fondamentale si riassume in quei 50 cc in più rispetto allo Scarabeo 150. Sembra banale, ma l’Aprilia assicura che nella cilindrata di 200 cc il motore a quattro tempi monocilindrico con distribuzione a quattro valvole, che nell’occasione è stato oggetto di un’approfondita rivisitazione, garantisce un incremento di potenza del 15%, con un guadagno di 10 km/h in velocità massima (supera quindi i 120 km/h) e di brillantezza in accelerazione e ripresa.





50 cc in più ( ma in realtà sono meno di 30 cc) che minacciavano dunque di mettere in crisi la ciclistica dello Scarabeo, anche se portata per dotazione e doti naturali ad assecondare la grinta di un propulsore brillante. Così l’Aprilia ha ritenuto opportuno rinforzare il telaio monotrave in tubi d’acciaio, provvedendo ad alcuni irrigidimenti della struttura, e a modificare l’inclinazione del cannotto di sterzo, portandola a 26,5°. L’avancorsa risulta aumentata di un centimetro e l’interasse passa da 1387 a 1397 mm, mentre la lunghezza “fuori tutto” dello scooter sale da 2015 a 2075 mm. Altre modifiche sono state apportate al generatore dell’impianto elettrico e all’impianto di scarico, ora dotato di una nuova marmitta a tre camere in acciaio inox nella parte interna.




Invariate sono le grosse ruote di 16”, i freni a disco su entrambe le ruote e il potente faro polifocale. Il bauletto e il cavalletto laterale sono di serie, mentre le utilissime e stilisticamente coerenti valigie laterali da 20 litri ciascuna fanno parte della nutrita serie di optional, che comprende anche un baule maggiorato a 50 litri con poggiaschiena, un parabrezza grande e diversi tipi di antifurto.

Nuovi i colori e le grafiche: lo Scarabeo 200 è disponibile nelle tinte grigio platino (cromato), blu lord (cromato), oro mosaic (cromato), rosso barocco (cromato), verde thin, nero aprilia e blu chips.


Motore: a 4 tempi, monocilindrico orizzontale con raffreddamento a liquido, alesaggio e corsa 62 x 58,4 mm, cilindrata 176,3 cc, rapporto di compressione 11,2:1; distribuzione monoalbero a camme in testa a 4 valvole; lubrificazione a carter umido. Alimentazione a carburatore Keihin CVK26. Accensione elettronica. Avviamento elettrico.
Trasmissione: cambio con variatore automatico di velocità. Frizione automatica centrifuga; trasmissione finale a ingranaggi.
Ciclistica: Monotrave sdoppiato in tubi d’acciaio. Sospensione anteriore: forcella teleidraulica con steli di 35 mm, escursione 110 mm; sospensione posteriore a gruppo motore oscillante e monoammortizzatore regolabile nel precarico molla. Ruote: anteriore in lega leggera di 16” con pneumatico 100/80; posteriore in lega leggera di 16” con pneumatico 130/80. Freni: anteriore a disco di 260 mm con pinza flottante a 2 pistoncini; posteriore a disco di 220 mm, pinza a 2 pistoncini contrapposti.
Dimensioni e peso: interasse 1397 mm, lunghezza 2075 mm, larghezza 740 mm, altezza sella 800 mm. Peso a secco 140 kg.
Prestazioni: potenza n.d., coppia n.d.
Omologazione Euro-1: si’
Aprilia Scarabeo 200
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.