Cerca

Seguici con

Equipaggiamento

Arriva il casco col condizionatore

Si chiama ACH-1 ed è prodotto dalla statunitense Feher Helmets. Funziona con la tecnologia termoelettrica che è già usata nel mondo dell'auto per il raffreddamento degli ambienti

Arriva il casco col condizionatore
Chiudi
Il problema che affligge il 90% dei motociclisti in estate è legato al caldo e all’eccessiva sudorazione. Anche in questa fine di agosto, sono moltissime le volte in cui la tentazione di non indossare il casco è fortissima. Adesso dagli Stati Uniti arriva un’invenzione che in molti desiderano, ovvero il casco col condizionatore.

Fino a 9 gradi in meno

A brevettarlo Steve Feher, ingegnere con anni di esperienza nelle forniture alle aziende dell’auto. I Feher Helmets ACH-1 sono infatti dotati di una tecnologia termoelettrica, un sistema di convezione dell’aria che permette di abbattere la temperatura all’interno del casco fino a 9 gradi. “Il casco non fa l’effetto aria condizionata, quindi non c’è il rischio di trovarsi col mal di testa. Anzi, il beneficio termico arriva a cascata sul resto del corpo, con evidenti benefici per il motociclista”.

Solo negli Usa

Disponibile solo sul mercato statunitense, dove è in vendita a 550 dollari, funziona se collegato con degli appositi cavetti alla batteria della moto, che mette in funzione il meccanismo di raffreddamento.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • kealro666
    casco - ma l'aria viene inglobata e rinfrescata o aspirata posteriormente e quindi non si dovra'farne entrare anteriormente nel casco?!cmq attaccarlo all'alimentazione e' scomodo,autoalimentarlo idem...oltre al peso extra,forse in autostrada potrebbe "aiutare"... mi pare che sia piu'ostico proteggersi dal caldo rispetto al freddo...
  • Stanansi
    Mahhhhhh - A parte il peso e il fatto che in caso di caduta chissa' cosa ti entra nella nuca, con l'alimentazione attaccata alla batteria ero capace anch'io di inventarlo ;-)
  • alehd1340
    Interessante - Beh e' interessante ma a vederlo sembrerebbe un po' scomodo, non tanto per l'ingombro del sistema di raffreddamento posto dietro la nuca ma soprattutto per il fatto che vada collegato con cavi alla batteria della moto.Non mi fa impazzire l'idea di avere in testa qualcosa attaccato ad una batteria!!!