Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Attualità

La Francia fa la guerra alle moto rumorose

Marco Gentili
di Marco Gentili il 20/01/2022 in Attualità
La Francia fa la guerra alle moto rumorose
Chiudi

In alcune città parte la sperimentazione con dei radar sonori: multe fino a 135 euro per chi supera i 90 decibel

La Francia dichiara guerra alle moto rumorose: in sette città partirà infatti la sperimentazione che servirà a sanzionare i conducenti di veicoli rumorosi. Chi sarà beccato a circolare con un mezzo che ha emissioni sonore superiori a 90 decibel (il corrispettivo dei suoni percepiti in un ristorante molto rumoroso; ndr) sarà sanzionato con un verbale fino a 135 euro.

Le rilevazioni saranno effettuate da un dispositivo composto da una telecamera radar fissa, proprio come accade per alcuni autovelox, ed è programmato per far partire una multa nel caso in cui venga superata una determinata soglia di rumore.

Le città interessate sono Parigi, Nizza, Tolosa, Bron (Rodano), Rueil-Malmaison (Hauts-de-Seine) e Villeneuve-le-Roi (Val-de-Marne), cui si aggiungono i Comuni dell’Haute Vallée de Chevreuse.

 

CRITICITA'

Una sperimentazione, quella che verrà messa in atto in Francia, che lascia però ancora moltissimi dubbi. Innanzitutto sulla taratura degli strumenti e sulla loro scelta, ma soprattutto sulla loro collocazione. Un eventuale radar antirumore, posizionato a bordo strada avrà dei risultati, i quali saranno ben diversi se la stessa apparecchiatura viene collocata, ad esempio, sopra il livello della sede stradale (all'altezza di un lampione, per intenderci).

La questione rumore, risolta a livello locale (e per di più sperimentale) rimanda a una lacuna in materia. Nella definizione dello standard omologativo Euro5, infatti, le autorità europee e i produttori di moto non sono ancora stati in grado di definire una soglia di emissione sonora per le moto (che, ricordiamo, con l'Euro4 sono state ridotte a 77 dB). Infine, ancora più importante, resta ancora da definire il sistema di misurazione, appurato che quello attualmente in vigore non è rispondente alle condizioni di reale utilizzo delle moto. 

Una fuga in avanti di alcune amministrazioni locali rischia di generare ulteriore caos a una disciplina che è normata dagli standard omologativi, e che non può essere soggetta ai capricci di questo o di quel Comune.

 

La Francia fa la guerra alle moto rumorose
La Francia fa la guerra alle moto rumorose
La Francia fa la guerra alle moto rumorose
La Francia fa la guerra alle moto rumorose
La Francia fa la guerra alle moto rumorose
La Francia fa la guerra alle moto rumorose
La Francia fa la guerra alle moto rumorose
La Francia fa la guerra alle moto rumorose
La Francia fa la guerra alle moto rumorose
La Francia fa la guerra alle moto rumorose

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.