Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Attualità

Coronavirus in Italia: cosa succede al settore delle moto

Marco Gentili
di Marco Gentili il 24/02/2020 in Attualità
Coronavirus in Italia: cosa succede al settore delle moto
Chiudi

Rinviato il Motodays, mentre le aziende del comparto fronteggiano gli inevitabili disagi. Ducati sospende in via precauzionale le visite al Museo e alla fabbrica, Piaggio rileva la temperatura corporea agli accessi

Il  Coronavirus ferma le manifestazioni fieristiche: oggi è arrivato lo stop ai Roma Motodays, che saranno recuperati dal 17 al 19 aprile prossimi.

 

I TIMORI DI ANCMA

La questione Coronavirus tocca da vicino l’operatività delle aziende italiane produttrici di moto e scooter. ANCMA al momento ha solamente segnalazioni di aziende che lamentano ritardi o blocchi nella fornitura di prodotti e componenti dalla Cina, con conseguente svuotamento dei magazzini in Italia. Per qualcuno il rischio è anche di uno stop alle vendite.

 

COSA SUCCEDE IN HONDA, DUCATI E PIAGGIO

Tra i big del settore, Honda, che ha lo stabilimento produttivo con sede ad Atessa (in provincia di Chieti, quindi lontano dai focolai italiani del virus) afferma che “l’attività è regolare sotto tutti i punti di vista”.

Maggiore attenzione invece in Ducati. L’azienda di Borgo Panigale ha adottato tutta una serie di misure per proteggere lo stabilimento, limitando l’accesso di persone esterne: “Fino al 31 marzo abbiamo deciso di sospendere le visite al Museo e agli stabilimenti produttivi – dice Francesco Rapisarda, direttore della comunicazione – mentre l’attività produttiva procede regolarmente. Cerchiamo di incentivare tutte le forme di lavoro alternativo, come le riunioni via telematica e lo smart working, soprattutto per quei colleghi che hanno o hanno avuto contatti con le zone rosse in Italia e all’estero”.

Il gruppo Piaggio (che ha uno stabilimento Aprilia a Noale, nel Veneziano, a 50 chilometri dalla zona rossa di Vo' Euganeo, oltre che una fortissima presenza in Estremo Oriente) invece ha deciso di sospendere le visite al Museo Piaggio e ha disposto per tutti i dipendenti delle varie sedi italiane di ridurre allo stretto necessario i meeting nelle sale riunioni e gli incontri con fornitori, consulenti e clienti (in favore di call o conference call). Salvo espressa autorizzazione, sono state temporaneamente sospese le trasferte sia nazionali sia internazionali. Sono stati messi a disposizione dispenser di gel igienizzante per le mani e all’ingresso delle varie sedi sarà eseguito un rilevamento della temperatura corporea.

Coronavirus in Italia: cosa succede al settore delle moto
Coronavirus in Italia: cosa succede al settore delle moto
Coronavirus in Italia: cosa succede al settore delle moto
Coronavirus in Italia: cosa succede al settore delle moto
Coronavirus in Italia: cosa succede al settore delle moto
Coronavirus in Italia: cosa succede al settore delle moto

Alla luce delle recenti, drammatiche condizioni che il coronavirus sta producendo in Italia e nel mondo, Domus sente l’esigenza di dare un segnale di presenza, interpretazione e sostegno a tutte le attività creative e produttive, italiane e straniere

Cristian Lancellotti

Vai a #BackOnTrack

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato