Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Attualità

Nolan ai francesi: che problema c’è?

Marco Gentili
di Marco Gentili il 08/04/2019 in Attualità
Nolan ai francesi: che problema c’è?
Chiudi

La vendita dell’azienda al fondo d’investimento Eurazeo ha fatto storcere il naso a molti. Eppure moltissime aziende del settore sono in mani straniere e nessuno ha avuto da ridire

La vendita di Nolan, azienda italiana per eccellenza nel settore dei caschi, è stata vissuta da molti come un tradimento, una violazione inaccettabile dell’italianità dell’industria delle due ruote, fatta da chi aveva interesse a far cassa e fuggire con la borsa piena di quattrini, destinazione Caraibi. Peccato che le cose non stiano esattamente così.

 

Una storia da ricordare

La storia di Nolan è la tipica storia di un’azienda italiana che arriva al limite fatidico in cui non riesce a crescere più di quanto non lo sia già. Con le risorse a disposizione dei principali soci (che, ricordiamo, sono gli stessi dipendenti e fornitori che la acquistarono nel 1992 dal tribunale fallimentare attraverso un’operazione di leverage buyout), è impossibile sfondare la soglia dei 400mila caschi all’anno prodotti interamente nel solo stabilimento di Brembate. Per crescere servivano investimenti e capitali che una compagine societaria piuttosto anziana come quella di Nolan non potevano sopportare.

 

O Borsa o Fondo

E se le risorse non ci sono, le strade a disposizione sono due: o quotare l’azienda in Borsa, oppure aprire ad altri soci. Come i fondi di investimento: pieni di soldi e disposti a investire nel medio termine in un’azienda, con l’obiettivo di guadagnarci il più possibile. I francesi di Eurazeo sono sembrati fin da subito la scelta migliore: sono solidi, avevano già altre fiches puntate in aziende del settore (come Shark) e hanno lasciato fermi due capisaldi. La gestione non passa di mano (gli attuali dirigenti restano in sella) e l’italianità di marchi e produzione non si tocca.

 

Nolan non è l’ultima

Del resto, già altre aziende del settore motociclistico hanno avuto la stessa sorte e vivono bene. Pensiamo a Ducati, che per anni è stata di proprietà del fondo Investindustrial, prima di passare a Volkswagen, o alla Motori Minarelli, che adesso è controllata da Yamaha Motor Europe. O, per restare nel settore caschi, ad AGV che è di proprietà del fondo di investimento del Bahrein, Investcorp. E quindi, di cosa ci stupiamo se un’azienda passa di mano? La storia de capitalismo italiano, salvo rare eccezioni, è sempre la stessa: soffrendo di nanismo, per crescere ha bisogno del papa straniero che lo supporti con cospicue iniezioni di capitali.

 

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.