Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Attualità

Zig Zag, un nuovo scooter sharing a Milano coi Tricity Yamaha

Marco Gentili il 18/04/2018 in Attualità

Da domani parte il servizio di scooter in condivisione, con una flotta di 100 tre ruote di Yamaha che diventeranno 300 entro la fine dell'anno. Ecco le modalità e le tariffe applicate

Zig Zag, un nuovo scooter sharing a Milano coi Tricity Yamaha
Chiudi
Non c’è due senza tre. Dopo l’arrivo di MiMoto e quello (più in sordina) di eCooltra, da domani a Milano debutta una nuova società di scooter sharing. Si chiama Zig Zag e nasce a Roma nel 2016 grazie a Emanuele Grazioli e Diego Rocca. E adesso, forte del successo nella Capitale (170.000 noleggi in un anno, 50.000 iscritti al servizio, 100 accordi corporate) sbarca in Lombardia. “E i piani sono quelli di allargarsi anche a Firenze e Torino” affermano i cofondatori della start-up, che ha anche creato un sistema di intelligenza artificiale per gestire la flotta. Inizialmente Zig Zag avrà una flotta di 100 Yamaha Tricity 125, che a regine, ossia entro al fine dell’anno, diventeranno 300.

Come funziona

A Milano le modalità di utilizzo sono le stesse della Capitale: è accessibile a tutti coloro in possesso di patente italiana A o B e per gli stranieri che hanno un titolo di guida rilasciato da Austria, Belgio, Francia, Germania, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Russia, Spagna, Svizzera, USA. La procedura per usufruire del servizio è semplice e intuitiva: è sufficiente registrarsi gratuitamente sul sito www.zigzagsharing.com o tramite la app, sviluppata da Smart-venture, disponibile per tutti i dispositivi. Dopo aver prenotato lo scooter più vicino alla propria posizione e averlo raggiunto, si inserisce il PIN che si sblocca la sella, sotto la quale si possono prelevare sia il casco sia il sottocasco igienico e monouso. Ogni mezzo è dotato di due caschi. Zig Zag scooter sharing prevede per il noleggio tre diversi tipi di tariffe: al mi-nuto 0,29 euro , all’ora 0,25 euro-minuto, al giorno 0,04 euro-minuto.

Yamaha diventa green

In occasione del lancio del servizio il country manager di Yamaha Italia, Andrea Colombi, ha voluto sottolineare la vocazione green dell’azienda dei tre diapason: “Il motore Blue Core del Tricity rappresenta il non plus ultra in termini di efficienza e consumi, quindi si inserisce bene nel contesto della mobilità urbana in sharing”. E per rilanciare il tre ruote, Colombi ha annunciato anche di aver firmato un protocollo col Comune di Milano: “Per ogni Tricity venduto in città e provincia, pianteremo un nuovo albero in città”.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato