Cerca

Seguici con

Attualità

Codice della Strada: il nuovo Parlamento riparte da zero

Marco Gentili il 28/02/2018 in Attualità

La fine della legislatura ha di fatto cancellato tutti i provvedimenti pendenti in aula. Tra questi c'era anche il Codice della strada, un documento vecchio ventisei anni e che più volte anche Ancma ha chiesto di modificare. Ecco tutte le annose questioni ancora sul tavolo. Con le nuove Camere, si ricomincerà da capo, ancora una volta

Codice della Strada: il nuovo Parlamento riparte da zero
Chiudi
Tutti pronti a votare: tra pochi giorni ci recheremo alle urne per eleggere i parlamentari che daranno vita alla 17° legislatura della Repubblica. A loro, una volta insediati, toccherà riprendere in mano una questione che si trascina da molti, troppi anni. Ovvero quella relativa al Codice della Strada.

Un Codice vecchio 26 anni

Il provvedimento, che si chiama – a dispetto degli anni passati – Nuovo codice della strada, è stato approvato con decreto legislativo il 30 aprile 1992. Un’era geologica fa per la politica e per la mobilità in generale. Tanto per dare un’idea, allora il presidente del consiglio era Giulio Andreotti. Da allora il Codice, come un vecchio abito che non va più bene, è stato emendato, implementato, aggiornato. Ma l’impianto di base dei 145 articoli che lo compongono (a cui si aggiungono i corposissimi regolamenti di attuazione) ormai non va più bene. Allora, i concetti di mobilità elettrica, assistenza alla guida e componenti connesse dei veicoli non esistevano nemmeno. Oggi sono sempre di più realtà.

I problemi dei motocilisti

Il problema di un impianto così vecchio riguarda da vicino anche noi motociclisti. Da anni Ancma si batte per portare avanti due battaglie di principio. La prima riguarda la possibilità di far circolare – come avviene in tutta Europa – i motocicli da 125 cc sulle autostrade e tangenziali. L’altra è quella di trovare una regolamentazione che permetta alle moto elettriche di poter circolare sugli stessi percorsi. A queste si aggiungono una serie di corollari, come l’inserimento dei motociclisti tra gli utenti deboli della strada.

Si riparte da zero

Nella scorsa legislatura la Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni aveva instaurato un buon rapporto con le associazioni di categoria (Ancma, nel caso delle due ruote) e si era dimostrata particolarmente ben disposta nel portare avanti un nuovo codice al passo coi tempi. Anche l’iter parlamentare del nuovo Codice della strada, sebbene a singhiozzo, era sempre andati avanti. Lo scioglimento naturale della legislatura però ha azzerato tutti i provvedimenti pendenti. E tra questi c’era anche il nuovo codice. Adesso, come nel Gioco dell’Oca, si riparte da zero, sia nell’iter legislativo, sia nella creazione di un tavolo di confronto tra parlamento e associazioni di settore. Le quali si troveranno di fronte interlocutori che ancora non conoscono.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • lupi.alberto
    125cc in autostrada? - Magari col limite di velocita' MINIMA di 90km/h... Gia' ora le autostrade sono in ostaggio di "tappi" che passeggiano nelle corsie di sinistra a velocita' che potrebbero mantenere anche su strade statali. Ancora una cosa, un appello ai miei simili (anche scooteristi, va'): la corsia di destra non e' un disonore e se e' libera usiamola!
  • goffredo.ghezzi
    CAMBIARE SI PUO' - Il codice e' vecchio? Lo e' come vecchia e' la politica, sempre la stessa, fatta da vecchi politici (e non c'e' riferimento anagrafico), sempre fatta allo stesso modo. Cambiare si puo'. Domenica 4/3 tornero' a votare: una bella "sgasata" al palazzo. Mandiamo i vecchi opportunisti a casa! Guardare avanti, alla tangenza curva: e vaiiiiiii!
  • gigi0123
    gioco dell'oca: - con tutto il rispetto per l'oca, questo e' il classico paese dove si fa di tutto per non cambiare niente. Probabilmente quello che ci meritiamo visto che per poche bricciole facciamo godere sempre i soliti!!!!!!
  • erressesteq
    Zig Zag - I politici Italiani zigzagano meglio di scooteristi e motociclisti per schivare il lavoro....