Cerca

Seguici con

Attualità

La soluzione di KTM e Piaggio per la sostenibilità ambientale

Marco Gentili il 25/01/2018 in Attualità

Presentati durante la conferenza annuale di ACEM (L'associazione dei costruttori di moto in Europa) due quadricicli elettrici ad alta efficienza creati da Piaggio e KTM grazie ai fondi europei. Una risposta - anche se solo parziale - alla necessità di nuovi e stringenti vincoli sulle emissioni. Come quelli stabiliti dalla normativa Euro5

La soluzione di KTM e Piaggio per la sostenibilità ambientale
Chiudi
L’industria della moto va più veloce della politica. E riflette sul suo futuro. Ieri sera a Bruxelles durante la riunione di ACEM, l’associazione europea dei costruttori di moto, l’argomento principe è stato la sostenibilità ambientale delle due ruote a motore. Un argomento non secondario, visto che in Europa circolano oggi 35 milioni tra moto, scooter e cinquantini. E che vede l’industria delle due ruote – che nel 2017 ha segnato 931.445 nuove immatricolazioni (-9,5% su base annua, con l’Italia primo mercato europeo e in forte crescita) sempre in prima fila.

Pierer lancia l’allarme sull’Euro5

“Col passaggio da Euro0 a Euro4, avvenuto dal 1999 a oggi, le emissioni di monossido di carbonio imputabili alle moto sono calate del 91%, quelle di ossido di azoto del 92%” dice Stefan Pierer, boss di KTM e Husqvarna e presidente dell’associazione. Che si dice preoccupato per la prossima introduzione della normativa Euro5. “Abbiamo bisogno urgente di chiarezza da parte della Commissione europea a proposito dei contenuti tecnici e dell’implementazione della normativa”, ha detto Pierer.

Piaggio e KTM lanciano Resolve

Nell’ottica dello sviluppo di nuove tecnologie legate alla mobilità, durante la conferenza annuale di ACEM sono stati presentati due concept di quadricicli elettrici denominati Resolve. Il progetto, finanziato con 6,8 milioni dalla Comunità europea, si basa su un progetto di Piaggio, successivamente sviluppato anche da KTM. Si tratta di due veicoli (Demonstrator D1 e Demonstrator D2) a 4 ruote spinti da un motore elettrico in grado di assicurare una percorrenza massima di 100 km. La velocità massima raggiungibile è di 45 km/h.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • CCM-PA
    Quale futuro? - Ben vengano questi trabiccoli se riusciranno a risolvere mobilita' ed inquinamento ambientale, ma le alternative quali sono? Per la propria conformazione geografica non tutte le citta' consentono uno sviluppo dei mezzi pubblici.
  • jimmymigliore
    Solite bufale inconcludenti - Ma se alla politica che si foraggia con le multinazionali del petrolio e delle aassicurazioni non importa nulla dell'ambiente che senso anno questi esercizi di stile che quando escono sono gia' vecchi...
  • multimarco
    Sono pessimista - Un quadriciclo ingombrante.pesante lento ,che fa pochi Km e ci mette ore a caricarsi ,inoltre con paravento e tetto sara' la gioia degli osteopati e fisioterapisti ,cervicale aiuto...dimenticavo il prezzo esorbitante perche' le batterie ovviamente sono d'oro. Quante Twizzi vedete in giro? questi non e' che siano poi cosi' differenti. Ma togliete le caldaie a gasolio degli edifici pubblici!!
  • erressesteq
    Salvare l'ambiente... - Potenziare i mezzi pubblici, che abbiano motori elettrici o gpl/metano, ma forse parlo a vanvera....
  • gigi0123
    sostenibilita' ambientale: - ho l'impressione che per l'ambiente si faccia poco o nulla, ma vista la parola magica che fa sognare, invoglia gli addetti ai lavori alla corsa concorrenziale per accappararsi le fette di mercato piu' sostanziose e sensibili al problema.