Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Attualità

Ancma: le modifiche su fuoristrada creano danno potenziale di 137 milioni di euro

il 29/08/2017 in Attualità

L'allarme dell'associazione dei costruttori sulle recenti modifiche al codice della strada che vietano ai mezzi a motore di percorrere sentieri boschivi: il settore vale 117 milioni di euro

Ancma: le modifiche su fuoristrada creano danno potenziale di 137 milioni di euro
Chiudi
Le modifiche al codice della strada recentemente approvate dalla Commissione Trasporti della Camera dei deputati su fuoristrada, rischiano di provocare un danno di 137 milioni di euro e mettere in ulteriore difficoltà un settore che solo negli ultimi tre anni mostra cenni di ripresa. A lanciare l’allarme è Ancma, la Confindustria della moto.

“L’emendamento approvato – si legge in una nota - introduce il divieto per i mezzi motorizzati di percorrere sentieri boschivi, penalizzando duramente il segmento delle moto da fuoristrada, che da solo rappresenta l’8% del mercato nazionale delle due ruote a motore. Nel 2016 sono state vendute circa 10.000 moto per uso fuoristrada (+ 53% rispetto ai due anni precedenti), alle quali bisogna però aggiungere circa 5.000 veicoli non immatricolati perché destinati a essere utilizzati in modo esclusivo in aree non soggette a pubblico passaggio”.

Il mercato nazionale delle moto da fuoristrada vale circa 117 milioni di euro: valore che rischia di essere bruciato nel caso in cui l’emendamento, presentato in Commissione Trasporti della Camera, dovesse arrivare al termine dell’iter legislativo. Il valore economico del settore del fuoristrada – limitatamente alla componente industriale – è inoltre accresciuto dalla commercializzazione di caschi, abbigliamento protettivo e, in generale, accessori per l’off-road: soprattutto le protezioni individuali sono particolarmente diffuse tra gli appassionati, in considerazione della forte specializzazione che questo tipo di veicoli richiede. Si può stimare un valore di utilizzo legato alla pratica del fuoristrada quantificabile in circa 20 milioni di euro.

“Non è chiaro il motivo per cui la Commissione Trasporti della Camera abbia deciso di approvare una misura così drastica e restrittiva della libertà personale - dichiara Corrado Capelli, Presidente di Confindustria Ancma - della quale valuteremo anche eventuali profili di incostituzionalità. Il settore dell’off-road è forse tra quelli più rigidamente disciplinati a livello locale, proprio perché è nell’interesse delle amministrazioni periferiche promuovere la pratica del fuoristrada, che porta ricchezza al territorio, senza pregiudicare la sicurezza e il benessere di quanti preferiscono percorrere i sentieri a piedi o con mezzi non motorizzati. Quello che manca, semmai, è una normativa nazionale che coordini e armonizzi le regolamentazioni adottate a livello locale. Inoltre – conclude Capelli - non ci risulta a oggi che tale attività abbia provocato significativi problemi o danni al territorio o abbia messo in pericolo o a rischio l’incolumità delle persone. Proprio per questo non comprendiamo la necessità di intervenire, imponendo limitazioni e veti, in una materia di questo tipo”.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • PrincipeAn
    Giusto divieto. E' gia' previsto da enti locali - Attenzione, il divieto riguarda i SENTIERI, non strade bianche e capezzagne. Le moto sui SENTIERI provocano (oltre a rumore, fastidio e pericolo) danni enormi: sgasate, frenate, derapate ed il superamento di ostacoli sassosi provocano grave erosione del fondo terroso/sassoso, che si acuisce con le piogge. I sentieri sono delicati ed i costi di ripristino alti
  • fulviot
    Leggi strane - premetto che non ho mai provato ad andare con moto di quel genere, io ho una bella naked, ma non capisco l'utilita' di impedire agli appassionati di farsi dei sani giri in campagna o nei boschi. capirei il divieto ad accedere a campi coltivati o proprieta' private recintate, perche' potrebbero rovinare il lavoro di altre persone, ma farsi un sano giro tra i boschi o le campagne non danneggia nessuno.
  • trap6320
    politici troppo vecchi sarebbero da rottamare - a loro non interessa quanti soldi il mercato perdera' x questa legge stupida prendessero sul serio i veri problemi del paese con la stessa velocita delle leggi stupide o altre di loro interesse saremmo marziani rispetto al resto del mondo.io tornerei con le carrozze e i cavalli ma a loro farei pulire la mmmrrddd----un saluto a tutti gli amanti delle 2 ruote